Cerca

Under 19

J.Cusano-Orpas: De Marco la apre, Chimera riesce a ribaltarla, ma la testata di Alacevich pareggia i conti al 90'

Troppe occasioni sprecate dai gialloverdi. Pesano le assenze dei padroni di casa

Orpas Under 19

La formazione gialloverde dell'Orpas al completo

Il match tra J.Cusano-Orpas, valido per la tredicesima giornata di campionato, regala un punto a testa per le due avversarie: termina in extremis 2-2. Dal canto proprio, il Cusano conta tante forze fresche in panchina (classe 2005); l'Orpas, invece, è contato, con sole quattro riserve e sette assenze causa covid. Ad aprire le danze nel secondo tempo è il piatto di De Marco al 15', nonostante i lamenti del pubblico poiché la punizione era partita prima del fischio arbitrale. Ma è solo la prima di tante sviste del direttore di gara. Dopo 10', Fantò pareggia i conti e riaccende le speranze bianconere. La partita è in stallo, finché giunti quasi al 90', Chimera raddoppia, provocando altri fischi dagli spalti che reclamano un fallo sull'arbitro. Per il Cusano sembra fatta, ma durante il recupero Alacevich - dopo aver beccato la traversa - la butta dentro di testa. Si chiude tra animi molto accesi un match sorprendente, che vede ora l'Orpas dietro di tre punti dal Masseroni.

La fiera dello spreco gialloverde. Prima frazione di gioco all'insegna di tanto studio, ma con troppe occasioni dell'Orpas sprecate. Lo dimostra il gol di testa dopo 4' di Savoldi, che viene però annullato per posizione di offside. Il Cusano risponde a dovere, trovando una traversa dopo pochissimi minuti. La prima parte della gara, però, è quasi totalmente nei piedi dell'Orpas, complice la grande qualità dell'accoppiata Carameli-Alacevich che lì in avanti spaventa l'avversaria. Sulla fascia destra, però, i gialloverdi sono un po' bloccati nelle gambe di De Marco, che durante i primi minuti cerca verticalizzazioni troppo forzate e imprecise. Il Cusano facilita il gioco alla formazione di Capellupo, con troppa insicurezza in difesa che mette a rischio la porta di Camisasca più di una volta. Le occasioni per gli ospiti si susseguono: al 13’, proprio su un errore del portiere avversario, Forni tira troppo di fretta a porta spalancata, mangiando un’occasione ghiottissima. Orpas che sfiora nuovamente la rete al 20’ con un uno-due preciso tra Carameli-Alacevich, ma il numero 10 la scodella beccando solo la traversa. Su un'ulteriore svista della difesa bianconera, al 28’ Carameli s'invola sulla fascia sinistra, ma giunto davanti a Camisasca si mangia le dita tirando di potenza sui piedi del portiere. I minuti passano tutti tra i piedi dei gialloverdi, che peccano un po' di sfortuna, un po' di fretta, sprecando troppi palloni in avanti. I bianconeri, invece, riescono a costruire ben poco, complice una difesa avversaria impeccabile. Le ultime due occasioni degne di nota arrivano durante la conclusione del primo tempo, entrambe firmate da Carameli (oggi in super forma). Trova al 44' una splendida punizione che si alza sopra la traversa, poi - dopo l'ennesimo errore della difesa - gli rimane la palla tra i piedi a due passi dalla porta, ma il suo tiro è troppo debole per fare male.

Pari e patta. La seconda frazione di gioco si apre con la sostituzione di Barbagallo, forse per una problematica alla coscia. I ritmi sono alti da entrambe le parti, ma sono ancora gli ospiti a sfiorare il gol. Dopo 5', infatti, si accende un velocissimo contropiede in cui esce Camisasca sul numero 11, la palla arriva tra i piedi di Vismara che calcia piazzato ma fuori dai pali. La formazione bianconera, invece, si assesta con opportuni cambi che sembrano dare più velocità in campo. Dopo le tante (forse troppe) occasioni, l'Orpas trova al quarto d'ora il gol: sulla punizione battuta dalla fascia sinistra, De Marco la butta in rete con un bel piattone. Ma il gol provoca una serie di lamentele e fischi, in quanto la battuta della punizione arriva molto prima rispetto al fischio del direttore di gara. La rete subita è il campanello d'allarme per il Cusano, che cambia quasi completamente il proprio attacco inserendo i giovanissimi 2005. Proprio uno di loro, Davide Adamo, si rende protagonista nell'azione che pareggia i conti: è lui, infatti, a servire in contropiede Fantò: 1-1. La partita si anima di speranza bianconera, che tenta l'arrembaggio. Al 40’st ennesimo episodio dubbio: il neo-entrato Tentori cade in area, ma il fischietto del diretto vede solo un fallo sul portiere. Ma è dopo 4' che l'arbitro commette l'errore più grande della partita: sulla punizione battuta da Azzarone, Chimera la butta in rete di testa dopo essere planato completamente sul portiere. Gli animi sono sempre più accesi, ma i gialloverdi rimangono concentrati e riescono a pareggiare i conti durante i minuti di recupero: ci mette la firma Alacevich, chiudendo una gara tra proteste e lamentele.

IL TABELLINO

J.CUSANO-ORPAS 2-2
RETI: 15’st De Marco (O), 26’st Fantò (J), 44’st Chimera (J), 50’st Alacevich (O)
J.CUSANO (3-4-3): Camisasca 5.5, Pelateo 6, Mauri 6.5 (27’st Adamo 7.5), Barbagallo 5.5 (2’st Carimali 6), Chimera 7, Malcotti 6 (10’st Martini F. 6.5), Martini R. 7, Azzarone 8 (36’st Tentori sv), Indovina 7 (10’st Bernori 6), Fantò 8, Gabbrielli 6.5. A disp. Risciglione, Ravelli, Valerio. All. D'Onghia 7.5. Dir. Martini.
ORPAS (4-3-3): Milella 6.5, Vismara 6.5 (40’st Mariani sv), Anelli 6.5 (49’st Azimonti sv), Forni 7, Volpi 7, De Marco 7, Pennati 6.5, Savoldi 6 (30’st Doneda sv), Traverso 6.5 (20’st Ardiani 6.5), Carameli 7, Alacevich 8. All. Capellupo 7.5. Dir. Mazzon.
ARBITRO: Youssef di Cinisello Balsamo 5.5.
AMMONITI: Barbiagallo (J), Fantò (J), Volpi (O), Martini (J).

LE PAGELLE

J.CUSANO

Camisasca 5.5 Si prende troppi rischi durante la prima frazione di gioco. Le parate non mancano, ma pecca d'insicurezza mettendo in difficoltà i suoi.

Pelateo 6 C'è poco da dire: è corretto e attento lì dietro, prendendosi pochi rischi e spingendo bene anche in fase offensiva.

Mauri 6.5 Stesso discorso di Pelateo: l'accoppiata si distingue sicuramente, con ottima intraprendenza e ritmo veloce nel gestire i palloni.

27’st Adamo 7.5 Che dire, entra e svolta la partita: il 2005 non si lascia intimorire né dal freddo né dall'età. Ottimo ingresso e ottimo assist.

Barbagallo 5.5 Non attento quanto i compagni di reparto: si prende davvero tanti rischi nel primo tempo, ma per fortuna i gialloverdi non ne approfittano abbastanza (2’st Carimali 6).

Chimera 7 Stesso discorso di Barbagallo, poi però assesta il tiro e migliora la sua performance. Suo il gol che raddoppia la dose, anche se molto dubbio.

Malcotti 6 Molto bene sulla fascia destra, riesce a contenere la potenza avversaria. Esce causa crampi all'inizio del secondo tempo (10’st Martini F. 6.5).

Martini R. 7 Il capitano gestisce molto bene a centrocampo i palloni, è tra i pochi che ragionano durante la prima frazione, cercando di trovare sempre la soluzione migliore.

Azzarone 8 Il mastino bianconero non ha paura di nessuno: fa a sportellate, ma soprattutto sono suoi i tanti interventi interessanti a centrocampo. Suo l'assist sul secondo gol (36’st Tentori sv)

Indovina 7 Un toro nel primo tempo, si distingue per la grinta e la tenacia anche se non riesce a sfondare a dovere. Incide poco (10’st Bernori 6).

Fantò 8 Si distingue e brilla nel primo tempo, cercando di trovare un buco tra le pedine avversarie. Pareggia i conti durante il secondo tempo.

Gabbrielli 6.5 Assente durante il primo tempo, meglio dopo la ripresa ma non incide abbastanza come potrebbe fare. Da rivedere.

All. D'Onghia 7.5 Il Cusano non parte al massimo e durante il primo tempo subisce la qualità gialloverde. Il gol subito risveglia la squadra che si porta in vantaggio di due dosi, dimostrando finalmente di che pasta è fatta. Ma la rete finale avversaria pareggia i conti. È sicuramente un punto guadagnato che fa comodo ai bianconeri.

ORPAS

Milella 6.5 Grandi parate che salvano la sua squadra in più di un'occasione. Ottimo tra i pali, sui gol subiti può poco e niente.

Vismara 6.5 Il fisico non manca, ma è solo un'aggiunta all'intelligenza e attenzione del giocatore (40’st Mariani sv).

Anelli 6.5 Stesso discorso di Vismara: oggi il giocatore conduce una gara senza pecche, portando a termine il suo compito (49’st Azimonti sv).

Forni 7 Il regista e fantasista della formazione gialloverde. Trova giocate interessanti e filtra palloni precisi, gara più che sufficiente.

Volpi 7 È il mastino della formazione, usando il suo fisico al massimo anche nelle occasioni più difficili. In conclusione di gara rischia un po' con troppi falli.

De Marco 7 Male durante il primo tempo, cerca verticalizzazioni che non sono però precise e si concludono con palle perse. Meglio nella seconda parte del match, siglando anche il gol.

Pennati 6.5 È un faro lì dietro, sicuro e tranquillo, con lui in pochi riescono a passare. Ha anche ottimi piedi, con punizioni interessanti.

Savoldi 6 Recupera parecchi palloni a centrocampo, ma viene poco sfruttato dai suoi. Esce dopo aver lottato contro i crampi ma non ce la fa (30’st Doneda sv)

Traverso 6.5 Bene nei primi minuti di gara, poi gli rubano un po' la scena i compagni di reparto che oggi sono più efficaci e incisivi (20’st Ardiani 6.5).

Carameli 7 C'è poco da dire: il giocatore brilla e splende, sfiorando il gol con un dito in più di un'occasione. Tra i migliori in campo, da tenere d'occhio.

Alacevich 8 Stesso discorso di Carameli, i due compongono un puzzle perfetto che mette in difficoltà le avversarie incontrate. Pareggia i contri facendo tirare un sospiro di sollievo al proprio tecnico.

All. Capellupo 7.5 L'Orpas entra benissimo in gara, ma la sfortuna oggi regna sui gialloverdi nella prima frazione di gioco. Le verticalizzazioni sono tante, ma la disattenzione troppa. Durante il secondo tempo assesta l'asticella e dimostra qualità e attenzione, sul risultato finale ci sarebbe da ridire.

ARBITRO Youssef di Cinisello Balsamo 5.5 Insufficienza meritata. Il tecnico di gara fatica ad usare i cartellini anche in situazioni evidenti. Dei quattro gol, due non sarebbero validi: il primo dell'Orpas arriva quando il fischietto non ha ancora suonato, il secondo del Cusano, invece, dopo che Chimera ha travolto il portiere. Da rivedere.

LE INTERVISTE

Dopo la gara, il tecnico Capellupo dichiara: «Al di là delle "questioni finali" credo che dobbiamo recriminare per le occasioni che non siamo riusciti a concretizzare nel primo tempo. Peccato non essere riusciti a gestire meglio il vantaggio. Comunque credo che alla fine il risultato sia giusto».

Il tecnico D'Onghia invece racconta: «Finale "caldo" per via di decisioni sbagliate per entrambe le parti. Peccato per il gol preso a tempo abbondantemente scaduto, era il 50' inoltrato e aveva dato solo 5' di recupero. Comunque partita dai 2 volti, primo tempo tutto loro dopo un buon inizio nostro, e il loro errore è stato non chiuderla. Nel secondo tempo bravi noi a non mollare e cercare sempre e comunque il palleggio palla a terra, e così piano piano la partita ha visto cambiare l'inerzia a nostro favore... mi spiace molto per i miei ragazzi».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400