Cerca

News

Un doppio salto da sogno: sono del 2005 e l'anno prossimo giocheranno in Promozione

Il Responsabile del settore giovanile e tecnico dei due nella scorsa stagione, Raffaele Monterosso conferma: «A Baranzate i giovani hanno un'importanza fondamentale»

Baranzatese Under 17

Simone Fedele (al centro) e Giacomo Guastone (sulla destra), sono i due classe 2005 che giocheranno in Promozione con la Baranzatese

Ripartire dai giovani è senza dubbio uno degli elementi chiave per la risalita del calcio italiano, che da troppo tempo ristagna nella limitante seppur preziosa esperienza. La Baranzatese in tal senso non vuole di certo essere da meno e vuole giocarsi la posta in palio al meglio delle sue carte, investendo nella sua prima squadra, che nella passata stagione ha conquistato la Promozione.

Il club gialloblù nei giorni scorsi, con un post sul proprio profilo Facebook, ha annunciato il rinnovo dell'accordo con alcuni giocatori per la prossima stagione sportiva, con due sorprese. Novità provenienti direttamente dal proprio settore giovanile e nello specifico di due validi e giovanissimi elementi dall'Under 17. Si tratta del centrocampista Simone Fedele e del difensore Giacomo Guastone, entrambi classe 2005 e tra i protagonisti nella vittoria del girone provinciale della squadra. Un segnale forte quello della Baranzatese, che guarda in casa e attinge dai propri giovani per assicurare un luminoso futuro all'undici di Vito Fratto.

Chi li conosce bene e ha giocato, e tutt'ora gioca un ruolo importante nella loro crescita, è Raffaele Monterosso, tecnico proprio dell'Under 17, e responsabile del settore giovanile gialloblù, nella passata stagione: «Devo dire che è sempre molto difficile trovare giovani di qualità e in grado di giocare un ruolo importante, specialmente in un campionato come la Promozione. Seguendo entrambi ragazzi da tre anni, posso dire che si sono veramente meritati questo grande traguardo. Hanno tanta qualità e sapranno mettersi a disposizione di tutto il gruppo, certamente però dovranno fare esperienza e prendere quel pizzico di malizia che ad oggi gli manca. Come società poniamo molta attenzione nel nostro settore giovanile e scommettiamo su di loro, poi sarà il campo a dire la verità».

Figura di riferimento per l'agonistica, Monterosso si è poi concentrato singolarmente sui due ragazzi, a cominciare da capitan Fedele: «Simone è un ragazzo che ho conosciuto ben tre anni fa, e da quel momento in avanti è maturato tantissimo. Ha saputo fidarsi di me sin dal primo momento e mi ha dato grosse soddisfazioni, mi piace dire che ci siamo trovati. Inoltre è un giocatore completo che abbina il fisico alla tecnica, sa essere incontrista e giocare il pallone con qualità, ha anche un'ottima balistica. É un ragazzo serio e che sa applicarsi». Ottime parole spese anche per Giacomo Guastone:«Ammiro molto la sua caparbietà, perché ha avuto la forza di seguirci con costanza nonostante abbia saltato alcuni allenamenti per dare, giustamente, priorità allo studio. Anche a lui manca della cattiveria, agonisticamente parlando, ma penso che la Promozione non potrà fargli che un gran bene».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400