Cerca

Serie C

Seregno-Lecco: Spartans spiazzati dallo sprint delle Aquile, che calano il poker al Ferruccio e mettono la freccia in classifica

Giudici, Iocolano e Petkovic firmano tre gol nel primo quarto d'ora, Celjak e Cortesi infoltiscono il tabellino marcatori

Seregno

Giudici la sblocca (Foto Credit Seregno Calcio)

Seregno col morale alto dopo le vittorie contro Giana Erminio e Trento, che non incassa reti da 285': tutto fa pensare che la sentita sfida contro il Lecco, che De Paola ha condotto al colpaccio del Garilli nel secondo match della sua gestione, possa essere affrontata alla grande, non fosse per la consueta messe di indisponibili, oggi rimpolpata da 5 squalificati (Aga, Cernigoi, Fumagalli, Jimenez e Vitale, quest'ultimo appiedato dal Giudice Sportivo 4 turni) che dirottano negli 11 Lupu, Rossi, St Clair e D'Andrea. I bianchi, che lontano dal Resegone hanno racimolato 7 punti, fuori casa non hanno segnato 5 volte: in panchina, causa forfait dell'ultim'ora del Pirata De Paola, c'è la bandiera Malgrati, che non tocca l'ultima formazione. 

Valanga bluceleste. Piacevoli trame di gioco sono propedeutiche al vantaggio ospite: Borghese spende su Petkovic un'ammonizione per evitare guai peggiori, ma la punizione di Giudici si infila sotto la barriera e coglie ferale l'angolino alla destra di Lupu, è il 7'. Non c'è tempo di riorganizzare le idee, se non per una torre di Borghese che sarebbe utile, non fosse per la posizione di fuorigioco: così le Aquile rapidamente dilagano, prima con Iocolano che capitalizza all'altezza del dischetto complice un Borghese pasticcione, il traversone di Giudici imbeccato dal cambio di gioco di Sparanadeo, e poi con Petkovic che sfrutta la respinta di Lupu su Iocolano, invitato alla doppietta dall'imprendibile Giudici. Gara di fatto chiusa al 12'. Alla bell'è meglio il Seregno alza il pressing, ma va al tiro solo col calcio piazzato di Cocco, che incoccia al 17' il palo interno: prima del duplice fischio sfiorano la soddisfazione personale Galeotafiore con una fucilata all'incrocio smanacciata da Pissardo, ancora Iocolano con Gemignani costretto a sventare sulla linea e Cocco incoccia il cross di Zoia e invita al tuffo il numero 1 ospite. 

Spartans generosi. Come prevedibile, la partita che non si può riaprire fa leva sulle (deboli) motivazioni dei singoli e il taccuino langue: al 50' ci prova il volitivo St Clair con una rasoiata a pelo d'erba, mentre una decina di minuti dopo tocca a Zambataro tagliare fuori la difesa azzurra con un traversone solo masticato da Giudici, ma il poker è solamente rimandato. Lo trova sottomisura Celjak, abile al 70' a ribattere nel sacco la conclusione di Masini, liberato da Petkovic al tiro: c'è tempo infine per la meritata rete della bandiera del subentrato Cortesi, che batte Pissardo all'85' dosando il colpo di testa. Sabato i brianzoli completeranno il girone di andata a Piacenza: per il Lecco, che li ha superati in classifica di una lunghezza, sarà sfida alla Pro Sesto.    

                                                                                   IL TABELLINO 

SEREGNO-LECCO 1-4 
RETI:
7' Giudici (L) 11' Iocolano (L) 12' Petrovic (L) 25' st Celjak (L) 40' st Cortesi (S) 
SEREGNO (3-5-2): Lupu 5.5; Galeotafiore 6.5, Borghese 5, Rossi 5.5 (30' st Solcia sv); St Clair 6 (40' st Cortesi 6), Gemignani 6, Mandorlini 5 (35' st Alba 6), Invernizzi 5, Zoia 5.5; Cocco 6.5, D'Andrea 5 (40' st Ronci sv). All. Mariani 5. A disp.: Magnani, R. Marino, Scognamiglio, F. Marino.
LECCO (4-4-2): Pissardi 6.5; Celjak 6.5, Merli Sala 6.5, Battistini 6, Sparandeo 5.5 (1' st Enrici 5.5); Giudici 8 (15' st Galli 6), Masini 6, Kraja 6.5 (35' st Morosini sv), Zambataro 7; Iocolano 7 (30' st Ganz sv), Petrovic 7.5 (30' st Tordini sv). All. Malgrati 7. A disp.: Ndiyae, Ciancio, Lora, Marzorati, Latki, Purro, Reda.
ARBITRO: Centi di Terni 6.
AMMONITI: Borghese (S) Sparandeo (L) Giudici (L) Celjak (L) Battistini (L) Mandorlini (S)

                                                                                    LE PAGELLE
SEREGNO
Lupu 5.5 Il classe 2000 è sommerso dall'attacco lecchese: prova a fare il suo, ma non è impeccabile sullo 0 a 1.
Galeotafiore 6.5
Prime idee confuse, ma tira fuori dal cilindro smarcamento e coordinazione che meriterebbero il gol: attaccante aggiunto.
Borghese 5 In difficoltà totale, aggancia Petkovic (e la punizione vale al Lecco il vantaggio), pasticcia su Iocolano e non contiene Giudici: sterile il finale da numero 9.
Rossi 5.5
 Ritrova dopo una panchina la maglia da titolare, partecipa alla debacle giornaliera.
St Clair 6
Destro delicato nelle punizioni e la volontà di tenere viva la gara: lo scozzese strappa la sufficienza.
40' st Cortesi 6 Per l'ex Chiasso secondo gol nel torneo: incocciata pregevole, ma amara.
Gemignani 6
Il calcio del toscano appare meno pulito del solito: evita almeno la quarta rete a fine primo tempo.
Mandorlini 5
Un cartellino giallo a ripresa già dipanata è la prima sua orma sul rettangolo verde: spaesato.
35' st Alba 6
Idea giusta al servizio di Cortesi, che azzecca il pallonetto aereo.
Invernizzi 5
Impalpabile in fase di contenimento e di proposizione.
Zoia 5.5
 Stavolta Mariani lo incasella avanzato sul binario mancino: contributo offensivo minimo.
Cocco 6.5
 I lievi segnali di vita locale arrivano dal cagliaritano, che sbatte sul palo e sulle mani di Pissardo.
D'Andrea 5
La zanzara dovrebbe agire alle spalle di Cocco, ma l'intesa tra i due non si accende.
All. Mariani 5
La tradizione favorevole ai lecchesi prosegue dal 1987, in Interregionale: Seregno adesso fuori dalla zona playoff e chiamato a gestire il +4 sulle rivali dietro.   

LECCO
Pissardi 6.5 
Lo Scuola Inter passa gran parte del match inoperoso, ma è strepitoso su Galeotafiore e Cocco.
Celjak 6.5
 L'esperto croato alimenta la manovra e firma di giustezza la seconda rete consecutiva.
Merli Sala 6.5 
Guida una coppia centrale che di fatto non subisce attentati: curioso scoprire che delle tre marcature realizzate in azzurro due siano state fatte proprio al Lecco.
Battistini 6
 Il piacentino è al solito grintoso, ma poteva evitare l'ammonizione (visto il punteggio incanalato).
Sparandeo 5.5
 Il classe 1999 rivela piglio, calando alla distanza: il Lecco rischia per un ritardo su St Clair.
1' st Enrici 5.5 Da un suo errato disimpegno nasce il gol seregnese.
Giudici 8
Indiavolato sulla destra, è imprendibile: cuce folate che provocano due gol, dopo aver beffato la barriera casalinga. 
15' st Galli 6
Senso tattico: congela il gioco.
Masini 6
Punge poco il solo lecchese mai tolto.
Kraja 6.5
Il giovane albanese dirige l'orchestra con geometria.
Zambataro 7
Gamba sempre proiettata a ferire la difesa, sa rinculare con diligenza.
Iocolano 7
Riemerge da qualche gara così e così col raddoppio di sinistro e il corridoio afferrato nello 0 a 3.
Petkovic 7.5
Centravanti vecchio stampo, merita il primo gol stagionale.
All. Malgrati
 7 L'ex capitano è sceso in campo al posto di De Paola, che ha vinto col Seregno 10 anni i playout contro la Colognese, e si trova in men che non si dica la tavola apparecchiata.

ARBITRO:
Centi di Terni 6 Non ci sono episodi dubbi, né toni che trascendano l'agonismo: direzione facile. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400