Cerca

Mercato Giovanili

Sestese, nessuna rivoluzione sulle panchine del settore giovanile: Moffa resta in Élite, per l'Under 15 c'è Castano

Definiti i quadri tecnici per la nuova stagione sportiva: la società varesina proseguirà con la linea di valorizzazione giovani sestesi

sestese u15

L'annata 2006 della Sestese che affronterà il campionato regionale

È stata una stagione decisamente particolare quella di quest’anno per la Sestese, perché se la Prima Squadra è riuscita a disputare il suo campionato (seppur in versione ridotta), lo stesso non si può dire per quanto riguarda tutto il settore giovanile, costretto ad una lunga pausa forzata che ha portato quasi a zero le occasione di vedere in campo i ragazzi biancoblu. Ecco perché Thomas Bizzarro, responsabile del settore giovanile, in vista del ritorno in campo per la prossima stagione, non ha voluto stravolgere quelle che erano le idee ed i progetti che la società di Sesto Calende aveva in mente prima che lo stop dei campionati li costringesse e metterli da parte.

Svelate le guide tecniche. Sono poche dunque le novità in casa biancoblu, ed infatti gli unici movimenti sulle panchine sono movimenti interni. Ecco che quindi alla guida dell’annata esordiente nell’agonistica, i 2008, troviamo Alessandro De Stefano (l’anno scorso con i 2005), insieme a Carlo Avvisati (già con i 2008 in questa stagione), formando così le due squadre di Under 14 che parteciperanno al campionato provinciale. Anche l’Under 16 vedrà dei cambiamenti, perché per la categoria che affronterà il campionato regionale ci sarà proprio Bizzarro, aiutato da Simone Borrelli. Chi invece non si muoverà è Matteo Moffa (ottavo anno in biancoblu), che quest’anno accoglierà l’annata 2005 per affrontare il campionato regionale Elité. Per quanto riguarda invece i 2007, sono ancora da stabilire i numeri dei ragazzi che andranno a comporre la categoria, ma in ogni caso l’allenatore sarà ancora Mauro Castano, continuando il percorso iniziato un anno fa.

Valorizzazione dei giovani. Una linea spesso sbandierata e usata quasi come un proposito qualsiasi da moltissime società, salvo poi confrontarsi con quello che è il vero lavoro dietro questa linea, fatto di programmazione, scelte giuste e volte anche coraggiose, oltre che di una buona dose di pazienza e serenità nel veder crescere i propri giovani di casa. Tutte cose che a Sesto Calende sanno molto bene, e che più di un occasione hanno saputo trovare il loro riscontro sul campo, con numerosissimi ragazzi cresciuti nel vivaio biancoblu, e che hanno saputo poi approdare in prima squadra: guardando solo alla stagione appena passata, hanno saputo trovare spazio nella formazione di Ferrero ragazzi come Luca Coppola (classe 2001), Filippo Zorzetto (’02), Marco Trevisan (’03) ed anche Aniello Russo (classe 2004 diventato il più giovane esordiente del girone A di Eccellenza). Tutti prodotti del settore giovanile Sestese, che testimoniano ancora di più l’importanza del lavoro svolto da Bizzarro e dalla società, e che hanno tutta l’intenzione di portare avanti anche dei prossimi anni, affiancando così il sostantivo “concretezza” all’obiettivo di valorizzazione dei giovani.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400