Cerca

Città di Varese: Nostro diritto riprendere gli allenamenti in rispetto delle normative vigenti

Governo e Regione hanno decretato la riapertura degli impianti ma a Varese il campo delle "Bustecche" è inspiegabilmente chiuso

città di varese oratorio cuvio città di varese

IL CITTà DI VARESE

Nonostante il Decreto del Presidente del Consiglio e l'ordinanza della Regione Lombardia l'impianto delle Bustecche a Varese resta ancora chiuso. Il Città di Varese, capolista del Girone B di Terza Categoria, nella giornata di oggi ha pubblicato un post sui propri canali social dove chiede lo "sblocco" della struttura, così come da Decreto del Presidente del Consiglio e ordinanza della Regione Lombardia. Un post in cui viene ripercorsa tutta la cronistoria della settimana, dal divieto assoluto di allenamenti decretato dalle istituzioni fino alla riapertura impianti delle altre discipline disposta dal Comune di Varese l'altro ieri. Il calcio, inspiegabilmente, è rimasto escluso dalla riapertura delle strutture pubbliche. Così il vice-presidente Stefano Amirante ha interpellato la regione Lombardia che, nella nota allegata al post sui social, ha dato la giusta interpretazione su quello che era ovvio per tutti da quarantotto ore. Tutti meno che il Comune di Varese.


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400