Cerca

Sabato e domenica la Lombardia resterà ferma: tutte le partite rinviate. Gli allenamenti sono consentiti

Ancora un fine settimana senza calcio per la Lombardia: il CRL ha decretato la sospensione dell'attività anche per una questione di regolarità dei campionati

Pallone 4

La Lombardia domenica sarà ferma con tutto il programma dilettantistico e giovanile. Il Comitato Regionale Lombardia, dopo aver recepito il Decreto del Presidente del Consiglio, ha optato per la sospensione dell'intero turno vista la situazione delle province di Lodi, Cremona e Bergamo. Sospensione che è stata decisa per una tutela dei tesserati e della regolarità dei campionati. Per la legge dello Stato le partite avrebbero potuto svolgersi regolarmente: l'ultimo dubbio è stato cancellato dalla nota interpretativa del Governo del primo pomeriggio.

Quindi sospensione per un atto di tutela e non per un'imposizione dal legislatore. Gli allenamenti sono consentiti.

Questa la nota del Comitato
 

Il Comitato Regionale Lombardia, considerate le ulteriori misure varate dal Governo fino all’8 marzo 2020 in materia di contenimento e gestione dell’emergenza da COVID-19 “Coronavirus” ed in particolare le misure che interessano il territorio della Regione Lombardia e le limitazioni che le Amministrazioni locali prevedono all’utilizzo dei centri sportivi nonché la necessità di mantenere l’uniformità e la regolarità di tutti i campionati, dispone la sospensione dell’intera attività regionale e provinciale, dilettantistica e giovanile, in programma il 7-8 marzo 2020.

La programmazione delle gare di recupero verrà effettuata con comunicato successivo in base all’evolversi della situazione. Si invitano le società a tenere monitorato il sito internet del CRL lombardia.lnd.it e ad iscriversi al canale del Comitato dell’applicazione telegram @lndlombardia per ricevere tutti gli aggiornamenti.

“Abbiamo optato per la sospensione considerando il prorogarsi delle misure contenitive per il nostro territorio, che comprende le cosiddette zona rossa e zona gialla, e soprattutto nel rispetto della tutela della salute e delle problematiche che la popolazione lombarda, al di là del calcio, sta affrontando in questa situazione di emergenza – ha detto il presidente del C.R.L. Giuseppe Baretti -. Quanto ai campionati, abbiamo comunque preferito evitare soluzioni diverse che avrebbero comportato disparità di trattamento e irregolarità nella disputa di ciascun girone. Ricordiamo, inoltre, che ancora non è dato sapere quando l’emergenza rientrerà, con particolare riguardo ai Comuni del Lodigiano inseriti nello specifico elenco”.
Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400