Cerca

Sibilia: «Grave fermare attività di base e giovani. Dilettanti regionali salvi ma...». Nelle prossime ore il confronto che non c'è stato

Cosimo Sibilia, Presidente Lnd

Cosimo Sibilia, Presidente Lnd

Dalle informazioni parziali che abbiamo il nuovo DPCM avrebbe confermato i nostri timori - ha dichiarato il presidente della Lega Nazionale Dilettanti Cosimo Sibilia - Perché se da un lato sembrerebbe garantita la prosecuzione dell’attività dilettantistica a livello nazionale e regionale, non possiamo dire lo stesso per quella provinciale e giovanile. Se così fosse siamo preoccupati perché impedire lo sport soprattutto a bambini e ragazzi equivale a creare un forte squilibrio tra una socialità organizzata e quella disorganizzata, quella che porterà migliaia di giovani a vivere il proprio tempo libero senza regole e senza responsabilità, a differenza di ciò che avrebbero potuto garantire le società sportive dilettantistiche che hanno investito risorse e mezzi per consentire la ripresa in sicurezza delle attività sportive. Trovo grave considerare lo sport un’attività non essenziale, come anche non aver cercato un confronto con chi organizza e gestisce lo sport di base nel nostro Paese”.   Queste le parole rilasciate in serata dal Presidente della Lnd Cosimo Sibilia dopo le parole del Premier Giuseppe Conte. Dovrebbe quindi proseguire l'attività dei campionati regionali Dilettanti (dall'Eccellenza alla Prima o Seconda categoria in base all'organizzazione regionale o provinciale del campionato) ma nelle prossime ore sono attesi chiarimenti in relazione alla possibilità di proseguire anche nelle categorie giovanili sempre per quanto riguarda le competizioni a livello regionale. Campionati Provinciali e Scuola Calcio invece saranno fermati a livello di competizioni e gare.   Atteso e sollecitato da Sibilia, quel confronto che è assolutamente mancato in queste ore con chi lo sport Dilettantistico lo gestisce e lo organizza. Un fatto gravissimo, come la decisione del Presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, che addirittura venerdì ha deciso di fermare tutta l'attività senza nemmeno avvisare federazioni e comitati regionali... Si auspica e si attende dunque un confronto istituzionale fin qui totalmente assente, a cercare di far ascolatre la voce di un mondo per il quale si sono prese decisioni pesantissime senza neppure sentire la necessità di interpellarne i vertici.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400