Cerca

Melchiorre (Zarelli) un nome una garanzia. Era o non era quello dei tre Re Magi che portava l'oro?

zarelli
Care società del Piemonte Valle d'Aosta e della Lombardia, se siete avvilite per via dei rappresentanti del vostro calcio dilettantistico sappiate che siete in buona compagnia. E a supportare la nostra tesi ci viene in soccorso il documento programmatico (chiamiamolo così) che l'attuale presidente del Comitato regionale Lazio, Melchiorre Zarelli, ha pubblicato sulla pagina Social del suo comitato. E già qui ci sarebbe da dire. Il meglio però viene nel primo punto del programma e fa venire i brividi: Più soldi alle società. Uno slogan che subito ci ha ricordato Antonio Albanese e il suo Cetto Laqualunque, ve lo ricordate? Se no andatevelo a vedere. Cetto era un politico solito a promettere qualunque cosa pur di avere il voto. Ora, è vero che Melchiorre tra i tre Re Magi era quello che portava in dono l'oro ma presentarsi alle elezioni, dopo anni anni in cui si è governato e quindi il tempo ci sarebbe stato per dare più soldi alle società, e accorgersi che i club avrebbero bisogno di più quattrini sa un po' di presa per il naso. Però, se le società vogliono questo, allora ben vengano questi slogan. Noi continueremo a chiederci quando il calcio dilettantistico sarà pronto per un rinnovamento, quando i presidenti decideranno di occuparsi in prima persona di politica sportiva, quando le istituzioni calcistiche riusciranno ad essere trasparenti (vedi i bilanci) nei confronti di chi le sostiene e cioè le società.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400