Cerca

Lione - Juventus Women's Champions League, ancora troppo divario: è 3-0 per le francesi

Stefano Braghin, Head of Juventus Women

Stefano Braghin, Head of Juventus Women

Ancora troppo forte questo Lione per la Juventus. 3-0 per le francesi e addio ai sogni di Champions League che escono ai sedicesimi. Per le bianconere resta il rammarico di aver trovato sulla propria strada troppo presto le cinque volte campionesse d'Europa consecutive, ma rimane la grande prestazione dell'andata e la sensazione che le ragazze di coach Guarino possano giocarsela con la gran parte delle migliori formazioni continentali. La Juventus chiude così con una sconfitta il suo comunque straordinario 2020. Decide il gol Maroszan nel match iniziato nel ricordo di Gerard Houllier, ex allenatore di Lione e Liverpool scomparso lunedì 14. La Juve è invece costretta a rinunciare a Laura Giuliani che si fa male prima del match. Primo tempo difficile per le bianconere con il divario con le francesi che in casa loro si fa molto più netto. La Juve è abituata a costruire le azioni dal basso, ma il Lione non permette un dialogo con il centrocampo. Un tiro di Cristiana Girelli da lontanissimo e senza pretese è il sintomo della difficoltà delle ragazze di Rita Guarino di creare qualcosa di concreto. Il Lione si fa invece pericoloso sin dal primo minuto, quando Majri calcia subito in porta con la palla che non finisce tanto lontano dalla porta difesa da Bacic. La Juve pasticcia anche un po', Hyyrinen perde palla e innesca il contropiede francese che la Parris conclude alto. Poi sulla destra Cascarino si beve la Salvai (autrice comunque di tanti interventi importanti) e la mette al centro per Parris che tutta sola schiaccia incredibilmente a lato di testa. Al minuto 21 invece Bacic rilancia su Sembrant, la svedese scivola ed innesca Maroszan che a tu per tu con Bacic non sbaglia e fa 1-0. Nella Juve l'asse Cernoia-Hurtig è intraprendente, ma riesce solo a sfruttare le briciole che il Lione concede. Le due conclusioni verso la porta di Bouhaddi sono le uniche del primo tempo bianconero. Nella prima si accentra e spara alto su servizio di Cernoia, nella seconda parte tutto da lei, poi scambio con Hyyrynen e Cernoia, ma ancora non va. Nella ripresa entra subito Bonansea e poi, dopo l'infortunio di Gama, anche Maria Alves per provare a rinvigorire l'attacco della Juve. È comunque sempre quasi solo Lione che crea e trova il 2-0 con Malard a segno anche all'andata, poi nel recupero c'è anche il troppo pesante 3-0 di Cayman. Maria Alves nel mezzo si mangia invece la rete della bandiera sparando su Bouahddi. La Juve esce sconfitta, ma ha ben poco da recriminarsi, le francesi sono state più forti, ma le bianconere hanno lottato comunque fino all'ultimo uscendo da questa competizione a testa altissima. Il prossimo anno sarà un'altra storia: Juve e Lione sono due progetti nati molto distanti l'uno dall'altro e si vede, ma da tre anni le bianconere continuano a crescere e i risultati si vedranno anche in campo europeo.

IL TABELLINO

LIONE - JUVENTUS 3-0 RETI: 21' Marozsan (L), 42' st Malard (L), 46' st Cayman (L). Lione (4-3-3): Bouhaddi 6.5; Carpenter 7, Buchanan 6.5, Kumagai 7, Bacha 6.5; Henry 6.5, Gunnarsdottir 7, Majri 7; Cascarino 7 (27 'st Cayman 7), Parris 7(18' st Malard 8), Marozsan 8. A disp. Gallardo, Talaslahti, Renard, Revelli, Maoulida, Sombath, Julini, Taylor, Becho. All. Vasseur Juventus Women: (3-5-2): Bacic 6; Salvai 8, Gama 6.5 (13' st Maria Alves 5.5), Sembrant 6; Hyyrynen 6.5, Cernoia 6.5, Galli 7 (30' st Zamanian sv), Caruso 5.5, Boattin 7; Hurtig 7 (30' st Staskova 6.5), Girelli 5.5 (1'st Bonansea 6.5). A disp.: Tasselli, Ippolito, Rosucci, Lundorf, Caiazzo, Giai, Giordano, Berti. All. Guarino Arbitro: Persson (SWE)

LE PAGELLE DELLA JUVENTUS

All. Guarino 6 Mette in campo un 3-5-2 abbastanza inedito. Ma il Lione è superiore in tutti i reparti e c'è poco da fare. Bacic 6 Non ha colpe sui gol e per il resto non sempre sicura, una smanacciata rivedibile. Salvai 8 Una partita monumentale per la pinerolese. Straordinaria in ogni chiusura, almeno cinque interventi importanti. Gama 6.5 Con questa difesa a tre ogni tanto si ricorda il suo passato da terzino, ad inizio partita si sente la sua esperienza e la sua grinta. Dal 13' st Maria Alves 5.5 Doveva dare velocità, ma non può e si mangia un gol nel finale. Sembrant 6 Non la sua partita migliore, la scivolata che innesca l'1-0 è sfortuna, ma è la più in difficoltà nel suo reparto. Hyyrynen 6.5 Cresce con il passare dei minuti e disputa una partita sempre più convinta. Cernoia 6.5 A tratti cerca di illuminare, ma non viene supportata un granché. Galli 7 Match davvero tosto per Yaya che è costretta a destreggiarsi contro un centrocampo formidabile e non sfigura affatto anzi, una gladiatoressa. Si può dire? Caruso 5.5 Non sempre in partita e lontana dal centro del gioco Boattin 7 La solita bella partita per Boa, l'avversario è proibitivo ma lei non lo sa e va spavalda contro le francesi. Hurtig 7 Là davanti è la più attiva. Più di così non poteva fare, ha caratura internazionale. Dal 30' st Staskova 6.5 Prova a dare brio e a tenere palla, non le si può chiedere di più. L'unica che può chiedere una cosa è lei: più spazio. Girelli 5.5 Partita difficile dove non trova uno spazio neanche per sbaglio. Voto 5.5 per la partita, voto 10 per il suo 2020. Dal 1' st Bonansea 6.5 Entra con il piglio giusto e la giusta cattiveria, purtroppo non riesce a creare molto.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400