Cerca

Chisola: Giorgio Cornelj nuovo Responsabile del Settore giovanile

Giorgio Cornelj

Giorgio Cornelj

Dopo quattro anni intensi trascorsi sul campo, Giorgio Cornelj lascia la panchina per dedicarsi completamente al suo nuovo ruolo di Responsabile del Settore giovanile. Giorgio Cornelj era arrivato al Chisola nel 2017 per ricoprire il ruolo di allenatore degli Allevi fb. Dopo la stagione con i 2002 aveva poi preso la panchina dei 2004, sulla quale era stato per due anni, fino poi ad arrivare a prendere le redini della Juniores all’inizio di questa stagione. Con il Chisola sono state sicuramente tante le soddisfazioni che il tecnico ha potuto togliersi, basti pensare alla finale Regionale conquistata con i 2002 nella stagione 2017-18 e alla semifinale, nella stagione successiva, giocata alla guida dei 2004. «Abbiamo lavorato bene - racconta il tecnico - con i 2004 abbiamo costruito la squadra de zero e siamo riusciti a vincere due campionati e il SuperOscar. Ma la cosa più importante, per me, è sempre far crescere i ragazzi. Ecco perché sono felice di questo nuovo ruolo, che pone la crescita dei ragazzi assolutamente al centro di ogni obiettivo e prospettiva». Dopo l’ultimo anno alla guida della Juniores vinovese, Giorgio Cornelj si dedicherà completamente alla sua nuova mansione: «C’è un progetto importante e fare bene il Responsabile del Settore giovanile non lascia molto tempo libero. Il mio compito - continua Cornelj - è formare e seguire le categorie del Settore giovanile. In questo momento, vista l’assenza di Scalia, darò anche una mano anche a Juniores e Prima Squadra in modo che abbiano un riferimento». Visto il suo passato da allenatore Giorgio Cornelj ha ben chiaro quale sia il ruolo di Direttore sportivo: «A me il campo piace ed è sempre piaciuto. Adesso, seguendo tutti gli allentanti delle quattro categorie, avrò un’idea chiara del Settore giovanile e lavorerò per una crescita di tutti i ragazzi. Avendo maturato esperienza sul campo so cosa dovrò fare per aiutare gli allenatori e la società. Quello che ci preme, in primis, è la riapertura. Vogliamo poter dare ai ragazzi l’opportunità di tornare a giocare».
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400