Cerca

F.C. Parabiago, al via il nuovo progetto con il calcio femminile. Il DG Giovanni Sala: «Progetto di cui siamo orgogliosi e che ci permette di coltivare i nostri talenti»

ParabiagoCalcioFemminile

L’esponenziale crescita del calcio femminile nel panorama lombardo sembra non fermarsi. Tante sono state infatti le realtà che negli ultimi anni hanno deciso di approcciarsi a questa realtà andando ad implementare i propri organici con squadre di pure ragazze, con tecnici ad hoc che potessero loro permettere una crescita calcistica e umana al pari del lavoro fatto nel calcio maschile. Ultima tra queste novizie al calcio femminile è il Parabiago, che nell’ultima settimana ha annunciato la formazione di un scuola calcio in rosa per allevare le giovani calciatrici che si vogliono approcciare a questo sport. Giovanni Sala è il direttore generale del Parabiago Football club, realtà calcistica che conta al suo interno più di 400 iscritti e 21 squadre. Durante questo periodo la società lombarda sta lavorando duramente affinché si realizzi questo nuovo ed importante progetto, una rosa che punterà sicuramente in alto, e che crescerà passo dopo passo. Il dirigente racconta così di questa nuova bella avventura: «L’idea di creare un settore femminile è nata da qualche anno in verità: notavamo che nella nostra pre agonistica in cui giocano sia i maschi che le femmine come da prassi, molte bambine dovevano poi spostarsi poiché le realtà femminili nella zona di Parabiago sono poche. Il fattore scatenante che ci ha spinto a dare vita a questa iniziativa è il fatto che la nostra ambizione è quella di voler vedere il settore agonistico realizzarsi. Inoltre, noi siamo i primi a Parabiago ad occuparci di calcio femminile.

Vogliamo iniziare un percorso sportivo che ci porti ad avere le basi agonistiche per poi poter affrontare il campionato con una prima squadra figlia del lavoro fatto con il settore giovanile. Attraverso questi obbiettivi vogliamo invogliare le bambine a giocare anche perché le nostre piccole ex atlete hanno raggiunto importanti e gratificanti risultati, alcune di loro infatti sono passate poi al Milan e all’Inter, questo dimostra che ci teniamo molto all’aspetto tecnico, inoltre questo potrebbe permetterci di pensare anche al settore giovanile in futuro. Attualmente l’intento è quello di continuare a lavorare con grande impegno al progetto della prima squadra che punta a grandi successi; crediamo che l’importante sia partire con il piede giusto». Un progetto che parte con delle solide basi come certificato dal nome della direttrice sportiva, ruolo ricoperto da Veronica Masi. Il Parabiago Football Club gode anche di un ottimo centro sportivo appena ristrutturato, il Libero Ferrario, impianto dove le ragazze potranno disputare le loro partite, mentre per gli allenamenti le atlete avranno un’ulteriore possibilità, le sportive avranno a loro disposizione due campi tutti per loro presso il centro sportivo Nino Rancino, struttura in cui sono stati appena rinnovati anche gli spogliatoi. A contribuire alla crescita di questa nuova realtà è anche il solido staff che con grande passione non si è fatto intimorire dal difficile periodo e continua a portare avanti il progetto con dedizione e costanza. «La società crede molto nel progetto femminile e ha voluto fortemente che si realizzasse. Veronica Masi che è la responsabile del settore, sta facendo davvero un ottimo lavoro che sta iniziando a dare i suoi frutti, infatti, stiamo raccogliendo un buon numero di adesioni e questo ci riempie di gioia oltre che a darci grande fiducia e uno stimolo in più per affrontare la prossima annata. In questo momento la rosa è ancora in fase di creazione, stiamo ancora selezionando le ragazze, ma penso che per la fine di luglio il gruppo dovrebbe essere formato».

Ma le iniziative per l’F.C. Parabiago non sono finite e come racconta Giovanni Sala è in programma una giornata davvero speciale nei prossimi mesi: «Da due anni organizziamo il Football Day, un giorno dedicato alle presentazioni delle squadre, il tutto avverrà presso il campo Libero Ferrario con l’intera società. Siamo orgogliosi e felici di poter presentare, assieme alle solite nostre squadre del calcio maschile, questa nuova avventura col femminile. Lavoriamo tutti sotto lo stesso stemma e gli stessi colori, non vediamo l’ora che ci sia l’opportunità di ripartire». Il progetto del Parabiago è senza dubbio notevole e significativo in questo momento storico, ed è anche per questo motivo che la società ha scelto di fare questo passo importante: «Sono sicuro che questo progetto darà una forte vitalità alla società, dopo questi due anni funesti, crediamo sia fondamentale dare un segnale positivo ai nostri e alle nostre giovani, e una prospettiva diversa e serena rispetto a quella a cui il covid purtroppo ci ha fatto abituare. È bello riuscire ad imbastire certi progetti, la cosa però più importante, almeno per me, è tornare a vedere i bambini che giocano e si divertono sui nostri campi».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400