Cerca

Spettacolo al Lucento: sarà Caduti di Superga per la 47ª volta di fila!

F-CADUTI-DI-SUPERGA-2006_slider
Un grande segnale di vitalità, forza, entusiasmo, passione e molto di più. Il Lucento riesce nell’impresa di mandare in campo e in scena il suo fiore all’occhiello che profuma di storia: dall’1 al 27 giugno infatti, ecco il 47° Caduti di Superga!   Tradizionale, storica e immancabile manifestazione solitamente in fase di svolgimento nelle vacanze natalizie e che fa da preambolo al ‘gemello’ Memorial Pier Giorgio Tappari (con le professioniste), a cui Paolo Pesce e tutto il mondo-Lucento, tiene in modo speciale e unico. Perchè organizzare un torneo per 47 edizioni consecutivamente non è certo cosa da poco. E soprattutto, riuscire a dare continuità e, seppur in periodo differente, riuscire ad allestire una manifestazione di tale portata e importanza, è davvero testimonianza concreta di quanta passione ci sia in corso Lombardia. Primissimo torneo ad andare in scena da quel 1° giugno, data dalla quale sarà anche possibile far accedere il pubblico per (ri)assaggiare un po’ di quella normalità che tutti si augurano torni al più presto.   Benvenuti nella storia «Edizione numero 47 che arriva dopo l’ultima edizione che si svolse proprio poco prima dell’esplosione della pandemia - racconta Ale Pierro -. Riuscire a organizzare un torneo per 47 anni di fila è già qualcosa di speciale, riuscire a farlo anche e nonostante la pandemia, diventa ancora più unico. Un traguardo che è stato possibile raggiungere grazie all’ostinazione nel crederci di Paolo Pesce. Era pronto già a febbraio-marzo quando sembrava si potesse ripartire. Poi era stato spostato a maggio a causa dell’aumentare dei contagi e il nuovo stop all’attività, e ancora rinviato quando si è saputo che a maggio non sarebbe potuto entrare il pubblico. Diventato poi sogno realizzato quando si è appresa la notizia che dal 1° giugno si potrà far accedere il pubblico in modo regolamentato. Da lì ci si è messi in moto e grazie alla collaborazione con Renato Carrain, il grande lavoro di Donatella Ghirigoni in segreteria, del nostro staff e dei nostri responsabili, Macrì, Gallo e Acquaviva, che insieme allo sforzo unico di tutti i dirigenti, allenatori, istruttori, mai mancati nemmeno nei momenti più delicati e difficili per la società, siamo riusciti tutti insieme a rendere possibile ciò che sembrava almeno improbabile».   Numeri da record Un Caduti di Superga 2006 con più di 40 squadre al via, che arrivano non solo da Torino e cintura ma anche da altre province, in una sorta di torneo che assomiglia ad una fase finale regionale con in palio la storia. «Per questo ringraziamo anche tutte le società che hanno aderito, al Caduti e alle edizioni ‘special’ delle altre annate - prosegue Pierro -. Riuscire a mandare in campo non solo il torneo per 2006 ma anche quelli per 2004, 2005, 2007, 2008 e 2009, con 8 squadre al via in ogni annata, rappresenta davvero un traguardo importante».   Applausi per tutti Un torneo storico che (ri)prende forma dopo mesi difficilissimi. Per il Lucento così come per tutte le società. Che però non si sono mai arrese e hanno continuato a far sentire la loro vicinanza a tutti i propri tesserati e famiglie. «Un encomio quindi alle tante società, noi in primis, - dice Pierro - che non si sono mai fermate, che hanno sognato questa ripartenza e che regaleranno il primo vero spettacolo di una stagione calcistica che volge al termine senza essere mai iniziata davvero. Paolo (Pesce, ndr) è stato splendido: non ha mai mollato, ha fatto sacrifici enormi, per protocolli e spese, aiutato da tutti i cuori lucentini - dalla scuola calcio al settore giovanile - mettendosi a disposizione, sempre presenti anche nei momenti più difficili senza sosta, davvero un grande sforzo di tutti». E allora spazio alla storia e all’emozione di una nuova ripartenza all’insegna del divertimento, della passione e dei ragazzi. Che celebreranno nel migliore dei modi il ‘ritorno in campo’, all’inseguimento di un titolo che vale e rimarrà per sempre scolpito nella memoria e nei cuori. Così come accade da 46 anni in corso Lombardia. Che si ripeterà anche per la 47ª volta. Un po’ più unica e speciale delle altre. Nel segno del Lucento!

Il tabellone del 47° Caduti di Superga - Categoria 2006

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400