Cerca

Accademia Torino e Kl Pertusa, tutto pronto per la collaborazione

Accademia Torino

A soli tre anni dalla sua nascita l’Accademia Torino di Paolo Bonacina ha già raggiunto risultati di rilievo. Nella filosofia del club, e del Presidente, l’importante è compiere passi in avanti. Passi che vengono organizzati di tre anni in tre anni, in modo da portare avanti, e poi raggiungere, gli obiettivi prefissati. Quelli del primo triennio sono stati pienamente centrati. Tre stagioni fa l’Accademia Torino contava 68 tesserati, oggi 394 atleti, 13 squadre, 36 istruttori, 3 responsabili. Il prossimo passo della società è decisivo, tanto che è stato presentato dal Presidente a tutti i dirigenti e genitori nella giornata di sabato, nell’incontro avvenuto all’Aston Hotel di Pino Torinese. L’Accademia Torino è già in accordo con il Kl Pertusa, per una partnership che li vedrà collaborare su impianti e organico: «L’anno scorso la collaborazione con il Trecate ci ha permesso di lavorare con persone stupende. È stato bello condividere il calcio con chi ha i nostri stessi valori - spiega Bonacina - Dalla prossima stagione collaboreremo con il Kl Pertusa, società con nella quale a breve entreremo con persone fidatissime. Ci tengo a ringraziare le persone che oggi fanno parte del Pertusa. Abbiamo visto tante società ma solo con loro ci siamo trovati fin da subito, il Presidente Manavella è stato disponibile e abbiamo trovato una bella sinergia, dal momento che condividiamo gli stessi valori».

[caption id="attachment_284521" align="aligncenter" width="576"] Paolo Bonacina - Academia Torino Il Presidente Paolo Bonacina[/caption]

Questa partnership prevede comunque che entrambe le società mantengano la propria matricola. Per quanto riguarda la Scuola calcio, guidata dal RSC Alessandro Curto, il progetto è quello di creare due gruppi per annata. «Non credo nei gruppi molto numerosi - continua Bonacina - e penso che tutti i ragazzi debbano avere il giusto spazio per giocare». Tendenzialmente la Scuola calcio dell’Accademia rimarrà separata da quella del Pertusa, anche per agevolare i genitori nel portare i figli al campo. Sempre per quanto riguarda la Scuola calcio, l’Accademia Torino sta lavorando per essere riconosciuta come Scuola Calcio Élite, ecco perché già da ora tutti gli istruttori sono patentati e preparati. Discorso, in parte, diverso è quello del Settore giovanile. Anche qui saranno presenti due settori giovanili separati, uno dell’Accademia e uno del Kl, ma potrebbe esserci più collaborazione tre le due società. «Per noi la cosa più importante sono i ragazzi sempre. Ecco perché anche nel momento in cui dovesse esserci un trasferimento di un nostro tesserato in una professionista (cosa che già è accaduta con Toro, Juve, Cagliari e Gubbio) noi non chiediamo nulla in cambio». Interessante anche il fonte dilettanti. Per la prima volta l’Accademia Torino potrà contare su una Prima squadra, quella del Kl attualmente in Prima categoria, e su una Juniores strettamente collegata ad essa. Questi due gruppi resteranno sotto il nome Kl Pertusa. La novità riguarda invece l’Under 18: «Aderiremo all’Under 18 come Accademia Torino e non come Pertusa, è un’opzione intermedia che riteniamo giusta e molto utile. I 2004 dell’Accademia sono assolutamente qualificati per un campionato Under 18 di primissima qualità».

Presidente Bonacina

Altro punto focale del progetto è il femminile, sotto la guida di Muriel Crepaldi. «Per noi il femminile è un punto di riferimento - spiega ancora il Presidente - è qualcosa a cui teniamo moltissimo, non è solo un “biglietto da visita”. Muriel sta facendo e ha fatto un lavoro splendido sul femminile, che è nato solo l’anno scorso. Per me è un punto imprescindibile. Stiamo ragionando di formare già dalla prossima stagione una Prima squadra femminile, non è certo ma è una concreta possibilità». Ultimo punto, ma non per importanza, sono gli impianti sportivi. Oltre alla struttura del kl Pertusa, il Poligru rimarrà un punto di riferimento, luogo in cui verranno disputate alcune delle partite; il campo del Trecate diventerà il punto di riferimento per la Scuola calcio; in via di definizione, poi, un’altra struttura per la quale la trattativa è in corso e verrà chiusa a breve. La “Nuova Accademia”, come ci tiene a sottolineare il Presidente, deve essere un posto dove i genitori possano condividere le proprie esperienze, vivere nell’ambiente sportivo e avere più servizi possibili. Ecco perché all’ordine del giorno ci sono anche: la ristrutturazione della palestra all’interno dell’impianto del Kl; la lavanderia interna (non solo per le divise da gioco ma sopratutto per il kit da allenamento); la web radio (alla quale parteciperanno attivamente giocatori e tecnico in modo da condividere le loro esperienze), il Servizio Bus e l’iniziativa Connect! che mira a creare una collaborazione professionale tra tutti i tesserati che si concretizza in un aiuto professionale. Chiunque avesse bisogno di una consulenza verrà messo in contatto, attraverso la segreteria (anch’essa potenziata), con altri tesserati esperti nel settore.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400