Cerca

Missaglia, al via la nuova sfida per Massimo Bocchin: «Sono qui per portare la squadra nei regionali»

e4c0dd9f-2acb-4f8e-9ece-33af11f5cf62 (1)
Massimo Bocchin è già proiettato alla prossima stagione, che lo vedrà sulla panchina dell'Under 16 del Missaglia. Il tecnico ex Casatese porterà nella società Lecchese tutta la sua esperienza ed i suoi insegnamenti per provare a vincere il campionato provinciale e disputare i regionali, con l'ambizione di essere competitivi ad alti livelli. Bocchin ha accolto con entusiasmo la proposta di una società, la quale punta a far crescere il settore giovanile grazie ad investimenti importanti. Bocchin si racconta tra l'esperienza delle scorse stagioni sulla panchina dell'Under 14 della Casatese e le ambizioni e speranze in vista della prossima stagione, che sarà un banco di prova molto intrigante per un allenatore esperto come lui. Una nuova avventura. Dopo l'esonero improvviso dalla Casatese, Massimo Bocchin ha attirato l'interesse di molte società che hanno fiutato l'affare di accaparrarsi un allenatore esperto che ha dimostrato di saper gestire molto bene lo spogliatoio e che ha portato molti successi sulla panchina dell'Under 14 biancorossa. Il tecnico ha deciso di accettare la proposta del Missaglia, società che punta fortemente sullo sviluppo del settore giovanile in breve tempo con investimenti importanti, come per esempio il rinnovo del proprio centro sportivo. Il motivo principale che ha spinto Bocchin a sposare la causa della società Lecchese è stato la volontà di mettere alla prova le sue capacità e misurarsi in un ambiente diverso alla guida dell'Under 16: «Ho accettato il progetto del Missaglia, mi ha intrigato molto il loro entusiasmo e porterò lo stessa determinazione in questa nuova esperienza. Sarà una bella sfida personale per me, si tratterà di saper trasmettere i miei principi ad un nuovo gruppo e spero di essere in grado di coinvolgere i ragazzi». Bocchin inoltre ha ben chiaro quale sia l'obiettivo per la prossima stagione, in linea con il progetto di crescita della società: «L'obiettivo per la prossima stagione è arrivare a disputare il campionato regionale con la categoria, puntando a vincere il campionato provinciale. Servirà grande impegno da parte di tutti e non sarà per nulla scontato».  Il ricordo della Casatese. Bocchin ha ricordato la sua esperienza alla Casatese con gioia e soddisfazione. L'allenatore ha voluto salutare la sua ex società ringraziando i ragazzi ed i loro genitori: «A Casatenovo ho trascorso degli anni meravigliosi, con i ragazzi ho instaurato un rapporto idilliaco sia dentro che fuori dal campo. Ci tengo a ringraziare i genitori di tutti questi giovani calciatori che sono sempre stati disponibili, anche per le trasferte anche le più lunghe e non hanno mai creati problemi sugli spalti». Il tecnico ha voluto anche chiarire il momento del suo allontanamento dalla società biancorossa: «Sono stato avvisato dalla società per via telefonica dopo aver giocato una partita, è successo in maniera improvvisa. La nuova dirigenza aveva già deciso da tempo di sostituirmi ma nessuno mi ha avvisato. Mi è dispiaciuto molto perché dopo il rapporto che ho avuto con tutto l'ambiente Casatese non mi sarei mai aspettato un trattamento simile». 
Questo articolo è gratis, non hai dovuto pagare nulla per leggerlo, questo perché c'è chi sostiene il giornale. Fallo anche tu, scopri come puoi contribuire andando a questo link

SCARICA LA NOSTRA APPLICAZIONE

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400