Cerca

Calcio e Covid

Pubblicato l'aggiornamento del Protocollo per l'attività sportiva: cosa cambia

In linea con l'Ordinanza del Ministero della Salute con le nuove regole in vigore dall'1 maggio ecco cosa si tornare può fare

Pubblicato l'aggiornamento del Protocollo per l'attività sportiva: cosa cambia

Pubblicato l’aggiornamento dei Protocolli per le attività di calcio professionistico, dilettantistico e giovanile con la versione n.9  delle Indicazioni generali per la pianificazione, l’organizzazione e la gestione degli eventi e dell’attività sportiva, è consultabile nella sezione ‘Emergenza Covid’. La FIGC ha pubblicato una nuova versione dei Protocolli finalizzati all’adeguamento dei contenuti all’andamento epidemiologico e alle conseguenti disposizioni governative che hanno visto la graduale eliminazione della Certificazione verde Covid-19 e del cosiddetto ‘Green Pass Rafforzato’.

Le novità più rilevanti Accesso agli impianti per manifestazioni all’aperto senza nessun Green Pass e nessun obbligo di mascherine ma una serie di ‘consigli’ per tenere alta comunque l’attenzione. Eliminati anche tutti i vincoli per la partecipazione dei ragazzi e delle ragazze all’attività sportiva così come per l’uso spogliatoi e docce che tornano ‘aperti a tutti’.

In linea con le disposizioni dell’Ordinanza del Ministro della Salute del 28 aprile 2022, a partire dal 1° maggio 2022, viene disposto l’obbligo di indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2 per gli eventi e le competizioni sportive che si svolgono solamente al chiuso mentre per le manifestazioni all’aperto nessuna limitazione.

Inoltre, come previsto dal decreto-legge 24 marzo 2022, n. 24, sempre a decorrere dal 1° maggio 2022, cessa l’obbligo di possesso di una delle Certificazioni Verdi COVID-19 per l'accesso del pubblico agli eventi e alle competizioni sportive, per l’accesso a piscine, centri natatori, palestre, sporti di squadra e di contatto, centri benessere, anche all’interno di strutture ricettive, per le attività che si svolgono al chiuso e per l’accesso agli spazi adibiti a spogliatoi e docce.

Si suggerisce, tuttavia, l’adozione delle seguenti misure precauzionali:

Distanziamento
Evitare il sovraffollamento, anche attraverso l’utilizzo di sistemi di prenotazione, specialmente all’interno di luoghi chiusi, mantenendo un distanziamento adeguato in riferimento alla tipologia di attività svolta.

Igiene delle mani
Messa a disposizione, all’ingresso e in più punti dei locali, di soluzioni per le mani, al fine di favorirne l’igienizzazione frequente da parte degli utenti.

Igiene delle superfici
Frequente igienizzazione di tutti gli ambienti, con particolare attenzione alle aree comuni e alle superfici toccate con maggiore frequenza.

Aerazione
Rinforzo del ricambio d’aria naturale o attraverso impianti meccanizzati negli ambienti chiusi (es. mantenendo aperte, a meno che le condizioni meteorologiche o altre situazioni di necessità non lo consentano, porte, finestre e vetrate).

LA TABELLA RIASSUNTIVA INERENTE LE REGOLE PER GLI ACCESSI AGLI IMPIANTI

 

LA TABELLA RIASSUNTIVA INERENTE GLI OBBLIGHI SANITARI DEI PARTECIPANTI ALL'ATTIVITA'

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400