Cerca

Promozione

La capolista rimane imbattuta, gialloblù ribaltati

Pappalardo apre le danze, Cardani rimette in careggiata e l'incornata di Zecchin per chiudere con una vittoria

Pierluigi Gennari tecnico della Solbiatese

Pierluigi Gennari, tecnico della Solbiatese (Credit Facebook Solbiatese)

L'imbattuta Solbiatese, già promossa in Eccellenza, ospita il Cantù terzo in classifica e con i playoff già acquisiti. Di fatto l'anticipo del sabato tra le due corazzate è un'amichevole, ne beneficia lo spettacolo visto l'approccio aggressivo di entrambe le compagini. La gara termina con un 2-1 in favore dei padroni di casa, inutile il gol dopo pochi minuti di Pappalardo per i gialloblù, ribaltati da Cardani e Zecchini. Ancora una volta la gara di oggi dimostra la superiorità palese di una squadra che, quando ha voluto ha preso in mano la gara senza lasciare scampo agli avversari.

PAPPALARDO APRE CARDANI RISPONDE

Gara giocata a viso aperto da entrambe le squadre fin dai primi minuti, con occasioni da entrambe le parti complice anche il diluvio, che rende il campo pesante e scivoloso favorendo i capovolgimenti di fronte. Al settimo minuto l'incornata di Pappalardo mette la gara sui binari giusti per gli ospiti: cross dalla sinistra di Carrafiello, che pesca il bomber perfettamente sul secondo palo, l'11 prende il volo e incorna perfettamente battendo Catanese. Colpita nell'orgoglio, la Solbia alza immediatamente il baricentro iniziando con la sua manovra avvolgente, a guidare la carica il solito Scapinello con Anzano, subito pericolosi in più di un'occasione. Il 10 di casa al 11' imbuca perfettamente per Cardani, che scatta sulla linea del fuorigioco, e anticipa l'uscita di Forestieri battendolo con un colpo sotto. Da apprezzare però l'ennesimo assist sontuoso del fantasista platinato. Le occasioni continuano a fioccare da una parte e dall'altra: prima Pappalardo ci prova senza risultati da distanza siderale, poi il Sovrano recupera sul cambio gioco sballato di Carrafiello. Il contropiede è fulminante e l'uno-due sulla destra porta ancora proprio il Sovrano al tiro, ma dal dischetto il centravanti spara incredibilmente alto. Sale in cattedra a questo punto il solito Scapinello, che imposta l'azione e, quando vede uno spiraglio calcia dalla distanza. Poco prima della mezz'ora un bolide centrale impegna Forestieri, e Cardani incredibilmente tira alto sulla respinta. Prende sempre più campo la Solbiatese, ora pienamente in partita. Anzano inventa per Cardani, nuovamente a tu per tu per con Forestieri la cui uscita bassa questa volta è efficace. Ancora i padroni di casa pericolosissimi sull'asse Cardani, pescato tutto solo, Scapinello, momentaneamente sulla destra, che mette un cioccolatino sulla testa di Anzano che in girata si divora il vantaggio da pochi passi. Dalla distanza ancora una volta il mancino di Scapinello fa rabbrividire gli ospiti: siluro dai 25 metri fuori per questione di centimetri. Passa qualche secondo e ancora il dieci impegni impegna Forestieri, davvero imprendibile per la retroguardia ospite, cerca chiaramente la marcatura personale. Il Cantù è ormai in bambola e non riesce né a costruire né a difendere in maniera convincente: Scapinello recupera palle apre per Lonardi che mette in mezzo per Anzano, che ancora, clamorosamente spara alto da non più di 2 metri dalla porta, giornata no per il Sovrano. Termina 1-1 un primo tempo divertente nel quale la capolista, dopo aver iniziato sotto ritmo, trovato il pareggio ha imposto il proprio gioco andando più di una volta vicina al vantaggio. Di contro il Cantù sembra aver perso certezze dopo aver subito il pareggio e ha proposto poco o nulla.

INCORNATA VINCENTE

Con tutt'altra grinta rientrano in campo gli uomini di Bertoni, che si ricompattano bene e riescono a giocare alla pari contro la capolista, anche se la prima grande occasione è ancora da assegnare alla formazione di Gennari, a sprecare questa volta è Scapinello, che da buona posizione allarga troppo il piattone. Dopo pochi minuti però la capolista riprende il pallino del gioco, seppur meno nettamente rispetto al primo tempo. La manovra insistita dei padroni di casa però fatica a sfondare l'attenta difesa gialloblù, pronta a ripartenze improvvise quando è in possesso. Di forza però i neroazzurri creano nonostante la fase di stallo: da una punizione sul centro sinistra arriva un'occasionissima. Cross di Scapinello, uscita così così di Forestieri, palla che rimane lì e capita sul destro di Anzano che tenta la girata, ma il giovane subentrato Bruschi salva sulla linea di porta. Sugli sviluppi del corner Zecchini, lasciato tutto solo, colpisce di testa per il meritato vantaggio neroazzurro al 22'. Continua a creare la Solbia con una gran bell'azione a tutto campo: parte Gomez, palla per Amelotti nello spazio che si allarga e mette al centro per Anzano, che incrocia bene trovando la risposta di Amelotti, sulla respinta arriva Amelotti stesso che però spara alle stelle. Passa qualche minuto ed è Cardani a sciupare il raddoppio sparando alto solo davanti a Forestieri. Ancora Scapinello proverà in qualche occasione a mettere il proprio timbro sul tabellino, ma un buon Forestieri, aiutato dalle deviazioni dei difensori, nega la gioia del gol al 10. Nella fase finale il ritmo, comprensibilmente si abbassa molto: i padroni di casa paghi del vantaggio non affondano il colpo, mentre la formazione di Bertoni non cambia ritmo per cercare il pareggio ma continua difendendo in maniera ordinata affacciandosi in avanti solo quando possibile. 

IL TABELLINO

SOLBIATESE-CASTELLO CANTU' 2-1
RETI: 7' Pappalardo (C), 11' Cardani (S), 23' st Zecchini (S).
SOLBIATESE (4-3-1-2): Catanese 6, Lonardi D. 6.5, Mezzotero 6.5 (24' st Gomez Gonzalez 6), Pellini 6.5, Zecchini 7 (31' st Zonta 6), Novello 6, De Vincenzi 6, Minuzzi 6.5 (26' st Amelotti 6), Scapinello 7, Cardani 7 (40' st Bosisio sv), Anzano 6. A disp. Zanellotti, Pellini, Torraca, Lonardi L.. All. Gennari 7.5.
CASTELLO CANTÙ (4-4-2): Forestieri 7, Balduzzi 6.5, Merlini 6, Bruschi 6.5, Cammarano 6, Rollo 6 (14' st Borghi 6), Galatà 6.5 (24' st Ajouli 6), Carrafiello 6.5, Iannello 6 (28' st Valle 6), Colombo 6, Pappalardo 7 (1' st Barlusconi 6). A disp. Rossi, Lozza, Pagani, Romano, Mauri. All. Bertoni 6.
ARBITRO: Saraci di Lecco 6 Assistenti: Galli e Minniti
COLLABORATORI: Galli e Minniti.
AMMONITI: Scapinello (S), Bruschi (C), Novello (S), Zecchini (S), Galatà (C).

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400