Cerca

Serie D

Novara-Città di Varese, Di Masi fa esplodere il "Piola" al quinto di recupero

Ospiti avanti con Premoli a tredici dal termine ma i piemontesi la ribaltano con Vuthaj e il centrocampista. E un grande Gonzales

Bortoletti novara

L'ex Torino Mirko Bortoletti tra i protagonisti del Novara

 
Il Novara vince la “pareggite” nel modo più incredibile e, anche per questo, più bello. Un lampo praticamente all’ultimo secondo di gioco di Di Masi pescato col contagiri dall’eterno Gonzales manda ko un tenace Città di Varese che, per quanto fatto nella ripresa, avrebbe meritato di uscire con un punto. Ha prevalso la squadra di Marchionni, facendo leva soprattutto sull’agonismo e l’esperienza, oltre che sul “dodicesimo uomo”, il proprio pubblico che nei momenti di difficoltà – pochi a dire il vero – ha dato il proprio contributo. Novara in paradiso non solo per i tre punti, perché come ha riassunto il tecnico Marchionni nel post-partita, una vittoria contro una diretta concorrente rappresentava il modo migliore per far capire le proprie ambizioni riguardo il discorso campionato. Il Città di Varese esce sconfitto dopo aver toccato il cielo con un dito a tredici minuti dal termine con la zuccata di Premoli dagli sviluppi di un pallone manovrato da calcio d’angolo; sconfitti ma consapevoli di dire la propria fino in fondo perché – come ha anche analizzato Ezio Rossi – il ko è frutto di due incertezze e non di una supremazia di gioco del Novara. Almeno per quanto riguarda la ripresa, perché il primo tempo è stato di marca piemontese e i due legni colpiti da Vuthaj e Gonzales ne sono la prova.


Novara tosto. Fin dalle prime battute la partita viaggia sul binario dell’intensità, con il Novara che parte forte anche sul piano dell’agonismo e il Città di Varese a reggere l’impatto e portare la prima conclusione della partita con Minaj che, dopo aver recuperato un pallone sulla trequarti, si invola verso Raspa ma conclude senza troppa potenza. I piemontesi, dalla loro, portano due squilli tra il 6’ e il 14’: sul primo, pallone tagliato in area dalla destra di Paglino, è D’Orazio a sventare la minaccia consegnando di testa il pallone tra le braccia di Premoli; sul secondo, invece, Gonzales imbuca per Vuthaj che con un tocco d’esterno volante spedisce il pallone sul palo. Al 26’ è Gonzales, su una punizione dal limite, a stampare il pallone sulla traversa ma Priori era comunque sulla traiettoria. Alla mezzora è il portiere del Novara Raspa ad alzare il muro sulla conclusione dai venticinque metri di Foschiani, mentre sulla ribattuta si avventa Minaj ma era in posizione irregolare. Il Novara tra il 35’ e il 42’ ci prova con Di Masi dal limite (conclusione alta) e con il rasoterra di Gonzales sul quale Priori fa ottima guardia.


Scossa varesina. Nella ripresa il Città di Varese inserisce Pastore e Tosi al posto di Minaj e Cantatore, con il 3-4-1-2 che viene ridisegnato negli interpreti, con Premoli che va in mezzo al campo accanto a D’Orazio e Tosi che ne rileva il posto a destra, mentre Pastore va ad affiancare Di Renzo davanti. Il primo acuto della ripresa, che è iniziata con un piccolo momento di nervosismo che ha portato alle ammonizioni di Pastore e Benassi, è del Novara ancora sull’asse Gonzales-Vuthaj, con quest’ultimo che però trova Mapelli ad arpionargli il pallone in area piccola. All’11’ è il Città di Varese a rendersi pericoloso con Giovanni Foschiani da fuori area che, su servizio di Mamah, trova un tiro insidioso che Raspa riesce a disinnescare con qualche brivido in due tempi. Città di Varese che sembra un’altra squadra rispetto al primo tempo, con il Novara che patisce: e al quarto d’ora l’infortunio muscolare del centrale difensivo Bergamelli sembra far intravedere presagi nefasti a Marchionni che, per tamponare, sposta Benassi dalla mediana al centro della difesa. Con ottimi risultati per giunta. Alla mezzora il Città di Varese va a pochi centimetri dall’1-0 sull’imbucata di Piraccini per Pastore che trova Raspa ad allungarsi sul suo rasoterra decentrato e, poi, sulla ribattuta Tosi è il primo ad avventurarsi ma Agostinone è decisivo. Sul seguente calcio d’angolo arriva il vantaggio biancorosso grazie al colpo di testa di Premoli. Il vantaggio dura poco meno di cento secondi perché il Novara trova il pareggio nato dall’imbucata di Gonzales per Vuthaj, con quest’ultimo che trova il mancino vincente quando il Città di Varese era in 10 uomini per le cure mediche prestate a Premoli. All'ultimo pallone giocabile il Novara trova il gol del 2-1 con Di Masi in area piccola sul servizio lungo di Gonzales.
 

IL TABELLINO

Novara Fc-Città di Varese 2-1
RETI (0-1, 2-1): 32' st Premoli (C), 34' st Vuthaj (N), 50' st Di Masi[00] (N).
NOVARA FC (3-5-2): Raspa[01] 6.5, Pagliai[02] 5.5 (34' st Pereira Lopes[01] sv), Bergamelli 7 (16' st Tentoni 6.5), Bonaccorsi 6.5, Di Masi[00] 7.5, Vuthaj 7, Agostinone 6.5 (33' st Vimercati[02] sv), Gonzalez 8, Benassi 7, Bortoletti 6.5 (27' st Capano 6), Paglino[03] 6.5. A disp. Spadini[01], Pugliese, Spina[00], Capone[03], Amoabeng[01]. All. Marchionni 6.5.
CITTÀ DI VARESE (3-4-1-2): Priori[03] 7, Premoli 6.5, Parpinel[01] 6, Di Renzo 6 (27' st Piraccini 6), Monticone 6, Mamah 5.5, Minaj[01] 5 (1' st Pastore 6.5), Mapelli 5.5, Foschiani[03] 5 (51' st Aiolfi[03] sv), Cantatore 6 (1' st Tosi[02] 6), D'Orazio 5.5. A disp. Pedretti[02], Petrella, Battistella[04], Baggio A.[02], Baggio L.[03]. All. Rossi 6.
ARBITRO: Vingo di Pisa  5.5.
AMMONITI: Benassi (N), Bortoletti (N), Cantatore (C), Pastore (C).

LE PAGELLE

NOVARA
Raspa 6.5 Ordinaria amministrazione nel primo tempo, nel secondo tempo è chiamato in causa e risponde presente. Fa venire i brividi sulla conclusione di Foschiani che riesce a far sua in due tempi.
Paglia 5.5 Appare troppo timido quando c'è da menare la danza. Dal suo lato arriva qualche pericolo.
Bergamelli 7 L'esperienza di chi ha giocato ad alti livelli si vede tutta quando sbroglia situazioni apparentemente complicate in modo semplice. Alza il muro e non si passa, ma rischia di star lontano dal campo per un po'. (16' st Tentoni 6.5 Entra a freddo ma è subito caldo in mezzo). 
Bonaccorsi 6.5 Poche sbavature, prestazione ampiamente sufficiente.
Di Masi 7.5 Una sorta di croce e delizia, ma meglio averlo che non. Nel primo tempo sbaglia un paio di situazioni semplici ed è precipitoso in una conclusione dalla distanza. Nella ripresa tiene il passo e all'ultimo assalto è al posto giusto nel momento giusto.
Vuthaj 7 Non solo forza fisica ma anche qualità tecniche. Dà il "benvenuto" a Cantatore con un intervento al limite del cartellino dopo pochi secondi di gioco. Più che una spalla per Gonzales che lo pesca al bacio in più occasioni. Colpisce un legno e mmanca due gol.
Agostinone 6.5 Prestazione di sostanza, galleggia e aiuta i compagni nel momento cruciale.
Gonzalez 8 Che dire, non tramonta mai. Il saluto pre-partita con Neto Pereira (vice allenatore del Città di Varese) porta la mente ad altri palcoscenici quando le due piazze si contendevano la Serie A. Per lui A o D cambia poco, è il solito trascinatore. E il piede è sempre il solito: una traversa e due assist per i gol. 
Benassi 7 Attento nel leggere bene le traiettorie e rimediare alle sbavature che commettono i compagni.
Bortoletti 6.5 Potenza e muscoli nella mediana biancoazzurra. Ragiona e apre il gioco per i compagni.
Paglino 6.5 Qualche scricchiolio ma fa la sua onesta partita. E quando Pastore gli parte c'è Benassi a metterci una pezza. 
All. Marchionni 6.5 Una vittoria in questo modo è capace di mettere le ali: tre punti per la classifica e chissà quanti per il morale. 

CITTÀ DI VARESE
Priori 7 Alla seconda partita da titolare si dimostra ancora una volta di sicuro affidamento. Esce coi tempi giusti, sicuro nelle prese. Il titolare Trombini può recuperare con tranquillità.
Premoli 6.5 Sale di condizione nel secondo tempo quando va in mediana. Trova il gol che poteva scrivere la storia e, con lui a curarsi per un taglio alla fronte, arriva il pareggio novarese.
Parpinel 6 Al 2001 di certo non tremano le gambe davanti a un pubblico caldo come quello del "Piola". Serra le fila per quello che riesce e quando c'è da badare alla sostanza non si fa problemi.
Di Renzo 6 Rientrava dalla squalifica e ha dovuto stringere i denti. Occasioni praticamente nulle ma è stato anche poco assistito. (27' st Piraccini 6 Il debutto varesino arriva contro una squadra che conosce bene. Si mette in evidenza con un paio di giocate e il pallone per Premoli dello 0-1). 
Monticone 6 Giornata da stress test che è stata superata, magari con qualche affanno.
Mamah 5.5 Meno esplosivo di altre volte ma non era questa la partita in cui farlo. Sottoporta non arriva mai, mette un paio di buoni palloni ma va a fasi alterne.
Minaj 5 Primo acuto della giornata ma finisce praticamente lì. Non aiuta Di Renzo e sta troppo sulle sue. Quando c'è da fare la lotta non sono partite per lui. (1' st Pastore 6.5 Entra subito con lo spirito da battaglia e lo si vede nello scambio di vedute iniziali con Bortoletti. Con lui là davanti il Città di Varese cambia marcia). 
Mapelli 5.5 Tenacia, letture e personalità. Prova in linea con la sua storia ma quel pallone di Gonzales che gli passa sopra la testa non doveva passare al 50' st.
Foschiani 5 Giornata perfetta fino al 34' della ripresa. Va anche vicino al gol due volte. Poi va in tilt: perde il pallone che porta all'1-1 e nel finale si macchia del 2-1.
Cantatore 6 In mezzo non fa sconti a nessuno come suo solito. Rimedia subito un'ammonizione e anche per questo esce nell'intervallo. (1' st Tosi 6 Al rientro dopo l'infortunio post-Lavagna. Fa il suo nel modo giusto). 
D'Orazio 5.5 Generoso, fin troppo. Non si tira indietro e questo lo porta a perdere di lucidità nel finale quando rischia grosso con Gonzales al 42' st.
All. Rossi 6 L'undici iniziale non era quello giusto e lo cambia all'intervallo ottenendo le risposte che cercava. Sfuma un pareggio meritato.

Arbitro: Vingo di Pisa 5.5 In alcune situazioni tollera troppo il gioco duro del Novara. Forse la pressione del Piola la sente più lui dei giocatori. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400