Cerca

Under 17 Femminile

Severino illude nel primo tempo, il motore offensivo Carelli porta a termine la rimonta bianconera

La prima di Coppa Piemonte è blindata dalla Femminile Juventus, a segno anche la subentrata Crivello, Ianachievici e Gasparro

Femminile Juventus Under 17

La Femminile Juventus Under 17 al termine della gara contro il Cit Turin

Buona la prima per la Femminile Juventus del tecnico Cristian Monno che vince in rimonta la trasferta a casa del Cit Turin - valida per la prima giornata di Coppa Italia Piemonte - con le reti di Alice Gasparro, Martina Crivello, Elisa Ianachievici e il cuore pulsante dell'avanzata offensiva Ginevra Carelli. 
Le padroni di casa bucano la porta della bianconera Marika Canella al 10' con Agnese Severino: un solo tiro nello specchio ed è subito vantaggio, illusione che il calore casalingo potesse favorire la riuscita dell'impresa a discapito di ogni pronostico. 
Un gol in mischia firmato Alice Gasparro ristabilisce la parità al 36' permettendo alla Femminile Juventus di andare negli spogliatoi con maggiore tranquillità. Cosa abbia detto l'allenatore Cristian Monno alle sue raperonzole durante l'intervallo non è dato sapersi, fatto sta che le bianconere sono rientrate in campo con maggiore lucidità portando a termine la rimonta con Martina Crivello, Elisa Ianachievici e Ginevra Carelli - la più brillante della formazione juventina a cui sono state affidate le chiavi dell'attacco bianconero - che con un tiro rasoterra chiude il match che vale tre punti per la Femminile Juventus, una delle candidate alla vittoria finale della competizione. 

PORTA STREGATA. 
La Femminile Juventus ha un conto aperto con il campo per rifarsi dalla fase finale di campionato in cui ha arrancato a seguito delle numerose assenze che hanno dilaniato la squadra dell'allenatore Cristian Monno. Il riscatto passa dalla Coppa e le bianconere e danno immediatamente dimostrazione di saperlo bene: dal primo giro d'orologio dell'arbitro Carlos Hernàn Ivalde della Sezione di Torino, Carelli dimostra di che pasta è fatta promettendo filo da torcere alle avversarie. Con fantasia e altruismo, la numero 9 serve la compagna Gasparro che si appresta alla conclusione con un tiro debole e telecomandato che termina comodo tra le braccia di Eugenia Amerio, terzino classe 2007 adattato in porta. 
Il Cit Turin studia le avversarie cercando di coprire al meglio la fascia destra dove la Femminile Juventus arriva con più facilità. Gaia Di Mauro tenta la conclusione ma ne esce un tiro totalmente scoordinato. La ricerca del gol prosegue e passa da Martina Crivello che si affida alla potenza ma, nonostante la deviazione di Elena Vacaralli, il pallone non costituisce pericolo per Amerio, costretta a giocare l'intero primo tempo con il sole contro. 

La Femminile Juventus gestisce la gara ma al Cit Turin dell'allenatore Edoardo Fontana basta un tiro per passare in vantaggio: la palla gol al 10' è di Agnese Severino che non cede alla marcatura di Chiara De Ruvo e buca la rete di Canella. Nonostante l'inaspettato svantaggio, non cambia l'atteggiamento della Femminile Juventus che tira fuori le unghie per ripristinare il risultato: Gasparro svirgola sotto porta l'assist di Maria Maiolo, motorino della formazione bianconera, ma palla e rete sembrano avere due poli opposti; lo stesso destino è riservato alla conclusione di Di Mauro che ci prova con un tiro centrale. 
Seppur il dominio è bianconero, alle ragazze di Cristian Monno manca inventiva e fantasia per giocare per vie traverse anziché riproporre sempre i medesimi schemi che non premiamo. 
Il Cit Turin si avvicina al raddoppio con Sara Biolatto ma Canella salva il risultato sulla linea in due tempi. 

RIMONTA BIANCONERA. 
Al 36' una mischia favorisce la Femminile Juventus: è Alice Gasparro a beffare l'estremo difensore Eugenia Amerio che si allunga come può ma la palla, calciata di punta, è troppo alta per il terzino dell'Under 15 che tra i pali è efficace ma sprecata. 
Il Cit Turin tenta di riportarsi in vantaggio in quella che è l'ultima occasione del primo tempo, da calcio piazzato si posiziona il capitano Varacalli ma è troppa la distanza dalla porta. 

Al rientro dagli spogliatoi la Femminile Juventus è un'altra squadra: aggressiva lo è sempre stata ma la formazione bianconera dà dimostrazione di maggiore concretezza sotto porta. Martina Crivello trascina in vantaggio le bianconere con un'azione personale al 3' che consacra la prestazione di testa e polmoni. All'11' Elisa Ianachievici spegne le speranze del Cit Turin con un cross teso che termina dritto nella porta delle padroni di casa siglando l'1-3 che difatti chiude la partita. 
Il Cit Turin, a causa di uno scontro di gioco, è costretta a fare a meno del diamante Benedetta Dolzan che lascia il campo in braccio alle compagne al 24' per una distorsione al ginocchio; al suo posto entra Natasha Fanolla. 
Le padroni di casa, con grande spirito di sacrificio e fame di gloria, tentano una nuova conclusione da calcio piazzato sempre con Varacalli che ancora una volta però prende male le misure confezionando un tiro debole e pressoché inutile. 

La Femminile Juventus accarezza il gol del poker con Veronica Di Bari e il capitano Alice Francaviglia che ben raccoglie l'assist al bacio di Gasparro ma per la fretta di sbarazzarsi del pallone lo manda alle stelle calciando una cannonata che avrebbe potuto gestire meglio. A chiudere definitivamente i giochi è il gol di Ginevra Carelli che con un tiro rasoterra buca l'angolino basso destro della porta di Amerio con la stessa facilità con cui si beve un bicchiere d'acqua. È la ciliegina sulla torta per Carelli, che ha animato fino al novantesimo la fase offensiva bianconera. 

IL TABELLINO

CIT TURIN-FEMMINILE JUVENTUS 1-4
RETI (1-0, 1-4): 10' Severino (C), 36' Gasparro (F), 3' st Crivello (F), 11' st Ianachievici (F), 35' st Carelli (F)
CIT TURIN (4-3-3): Amerio 7, Agù 6.5, Varacalli 6.5, Rinaudo 6.5, Monticone 7, Procacci 6.5, Dolzan 6.5 (23' st Fanolla Natasha 6.5), Mannina 6 (17' Pacelli 7), Severino 7, Biolatto 7, Manni 6.5 (14' st Sulpizi 6.5). All. Fontana 6.5. Dir. Dolzan
FEMM.JUVENTUS (4-3-3): Canella 7, Capurso 7, Crivello 8, De Ruvo 7, Schirru 7, Ianachievici 8 (16' st Di Bari 7), Francaviglia 7, Maiolo 7.5 (43' st Dolza Cogni SV), Carelli 8, Di Mauro 7, Gasparro 8. A disp. Balboni. All. Monno 8. Dir. Filippi
ARBITRO: Carlos Ivalde di Torino

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400