Cerca

Bruinese Prima Categoria: Stefano Sansò lascia il ruolo di Dg

Stefano Sansò
Stefano Sansò non è più il Direttore Generale della Bruinese. Una separazione, quella tra l’ormai ex dirigente e la società biancoblù, quantomeno sorprendente, alla luce degli ottimi risultati raggiunti dalla squadra nell’ultimo triennio. Dopo aver appeso gli scarpini al chiodo da giocatore proprio con la maglia della Bruinese, Sansò aveva preso sotto la sua ala il gruppo nel 2018/2019 con la squadra iscritta al campionato di Seconda Categoria nella nuova stimolante veste di Dg, centrando poi la promozione in Prima Categoria alla secona stagione. «Il percorso era nato sotto i migliori auspici - dichiara Sansò - In due anni avevamo raggiunto il primo di una lunga serie di obiettivi che, nei nostri progetti e con un po’ di fortuna, ci avrebbero portato forse anche alla Promozione». Qualcosa è andato sicuramente storto dunque, dato che a livello sportivo la squadra ha potuto dimostrare ben poco nel campionato di Prima Categoria 2020/2021, durato solo poche settimane: «Purtroppo in questo ultimo periodo - spiega Sansò - in cui ci siamo trovati per delineare i programmi per il prossimo futuro, ho avvertito una mancanza di fiducia nei miei confronti che francamente non mi aspettavo. Essere in disaccordo è normale in una società, ma già solamente sulla scelta del nuovo tecnico della prima squadra mi sono sentito delegittimato, come se il mio parere all’improvviso contasse poco. Per cui ho preferito semplicemente fare un passo indietro». Una scelta forte ma inevitabile dunque, con Sansò che però non vuole abbandonare il percorso da dirigente intrapreso pochi anni fa: “Sento che questa è la mia strada. Sin da subito, dopo essermi ritirato dal calcio giocato, ho intuito che lavorare da dirigente fosse la scelta più adeguata. Nonostante tutto, ci tengo ovviamente a ringraziare la società Bruinese per l’opportunità che mi ha concesso e che mi ha aiutato a capire che questo è il percorso che sento più adatto per me. Ora è tempo di nuove sfide, e non vedo l’ora di rituffarmi in un’esperienza stimolante ed avvincente”.
Questo articolo è gratis, non hai dovuto pagare nulla per leggerlo, questo perché c'è chi sostiene il giornale. Fallo anche tu, scopri come puoi contribuire andando a questo link

SCARICA LA NOSTRA APPLICAZIONE

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400