Cerca

News

La Saviglianese sarà l'unica squadra a rappresentare la città di Savigliano: effettuata la fusione fra le tre società locali

Il Presidente Giacomo Crosetto ha rilevato Pro Savigliano e Savigliano Calcio sotto il nome di Saviglianese Fbc 1919.

I fondatori della Saviglianese Fbc 1919.

Da sinistra a destra, Turco (segretario Saviglianese) ,Brisciano (presidente Saviglianese), Crosetto (presidente Savigliano Fc-Sc) e Dabbene (presidente Pro Savigliano).

La città di Savigliano è una piazza abituata agli stravolgimenti: ne è un chiaro esempio la storia del Savigliano Calcio, fatta di assorbimenti e trasformazioni continui nonostante i pochi anni di vita. E le metamorfosi non finiscono certamente qui, dato che il presidente Giacomo Crosetto (già patrono del Savigliano Calcio SC FC) ha rilevato la Pro Savigliano e la Saviglianese Fbc 1919 sotto l'unico nome di Saviglianese Fbc 1919.
«Io, il presidente Vincenzo Brisciano (Saviglianese Fbc 1919) e il presidente Marco Dabbene (Pro Savigliano) avevamo già un accordo da tempo e dopo una lunga trattativa siamo giunti a questa importante decisione - spiega Crosetto - Il sottoscritto sarà il presidente della nuova società, mentre Dabbene ricoprirà il ruolo di mio vice: i meriti di questo importante traguardo vanno soprattutto a Dabbene, che ha svolto un grande lavoro di mediazione e mi ha portato a compiere questa scelta intraprendente».

L'obiettivo dei tre patroni è di riportare in alto il nome della Savigliano calcistica e di far riappassionare i tifosi locali: la base c'è già, visto che la squadra riprenderà dalla Prima Categoria - dove militava appunto la Saviglianese - e la dirigenza ha acquisito l'appalto dello Stadio Ottavio Morino da gennaio per una durata di sei anni. «Avere in proprietà gli impianti e lo stadio è un fattore molto rilevante - prosegue Crosetto - Anche perché vogliamo renderci più appetibili ai giovani e farli appassionare al calcio locale. La rosa della prima squadra sarà la stessa della Pro Savigiano, così come è confermato il tecnico Mauro Fontana. Gallipò (allenatore del Savigliano SC FC, ndr) andrà invece sulla panchina dello Sporting Cavallermaggiore, altra mia società che dovrà purtroppo ripartire dalla Terza Categoria».

Un gruppo confermato non esclude comunque dei nuovi arrivi in rosa: per rinforzare l'organico cuneese in modo da raggiungere la tanto agognata Promozione, infatti, sono già stati ingaggiati Nico Monetti (centrocampista del 1993 proveniente dalla Pro Polonghera), Matteo Bosio (centrocampista del 1997 dello Scarnafigi), Matteo Ansaldi (difensore classe 1994 proveniente dal Sant'Albano) e Samuele Giordana.

Non manca infine la frecciatina da parte di Vincenzo Brisciano - che dopo diciannove anni ha lasciato la guida della Saviglianese ed è stato eletto presidente onorario della nuova società - il quale ha aspramente criticato l'Amministrazione comunale della città di Savigliano all'interno di un comunicato: «A completamento di quanto già annunciato con il Comunicato congiunto delle tre Società interessate alla fusione SAVIGLIANESE FBC 1919, SAVIGLIANO CALCIO E PRO SAVIGLIANO CALCIO l’ex dirigenza della SAVIGLIANESE FBC 1919 reputa doveroso esprimere il proprio rincrescimento per l’indifferenza che l’attuale Amministrazione comunale di Savigliano ha manifestato nei confronti del cambiamento che sta interessando la Savigliano calcistica, mantenendo un atteggiamento diffidente, conflittuale e non collaborativo nei confronti di questa ex Dirigenza».
Un sassolino tolto dalla scarpa che permetterà adesso alla nascente dirigenza di potere camminare verso un radioso futuro.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400