Cerca

News

Ausonia, Davide Rampinini è il colpo per sognare. Roberto Nardio: «Puntiamo sui giovani di talento, vogliamo subito salire in Promozione»

Il direttore sportivo non si nasconde riguardo gli obiettivi, seguito poi a ruota dal presidente onorario della prima squadra Enrico Cammarota

Davide Rampinini, Ausonia

Davide Rampinini, colpaccio neroverde, in posa con la dirigenza neroverde

Con la stagione che sta per avere inizio si scriverà un pezzo importante della storia dell'Ausonia. Per la primissima volta, infatti, i neroverdi affronteranno il campionato di Prima Categoria, con un obiettivo tanto chiaro quanto concreto: essere protagonisti. Lo dimostra lo staff che seguirà la prima squadra: dal presidente onorario Enrico Cammarota al direttore sportivo Roberto Nardio, passando poi per il tecnico Stefano Fraschini. Lo dimostra poi l'acquisto di Davide Rampinini, pezzo pregiato del mercato neroverde nonché rinforzo di prima classe per iniziare la scalata verso la Promozione. Classe 1989, il neo attaccante dell'Ausonia può vantare un'esperienza pluriennale nel calcio lombardo e non solo: l'ultima avventura in ordine di tempo è stata in Eccellenza alla Calvairate, mentre in carriera spiccano le esperienze in Serie D in piazze storiche come Olginatese, Varesina e Pro Sesto. Ora l'avventura in via Bonfadini, dove troverà in panchina Stefano Fraschini, da anni volto ormai noto dell'universo neroverde. Un chiaro segnale, l'ennesimo, di quanto la società di via Bonfadini voglia primeggiare in ogni ambito: dal settore giovanile - da sempre fiore all'occhiello, ora più che mai, dell'intera Lombardia - alla prima squadra, con quest'ultima pronta a fare il definitivo salto di qualità.

Cammarota. Enrico Cammarota, presidente onorario e responsabile unico prima squadra, racconta il progetto neroverde: «L'Ausonia, che rappresenta una rinomata eccellenza nel settore giovanile, non era mai riuscita a superare lo scalino della Seconda Categoria. Il passo che vogliamo fare rappresenta un elemento discriminante per la crescita dei giovani e per l'appeal dello stesso club. Quando il presidente della Mario di Benedetto mi ha proposto di aiutare l'Ausonia nella crescita della prima squadra, ho accettato la sfida portando valori e concetti propri della mia esperienza professionale. Ho avuto la fortuna di coinvolgere nel progetto Roberto Nardio, il quale può contare su un'esperienza ventennale di gestione societaria e di uomini, oltre che essere stato uomo di campo come allenatore. Insieme abbiamo costruito il progetto che ha portato in prima categoria per la prima volta nella lunga storia l'Ausonia e quindi costruito la squadra di quest'anno». 

Nardio. Roberto Nardio, direttore sportivo della prima squadra, prosegue poi sul progetto prima squadra: «Abbiamo voluto  a tutti i costi ripartire dalla Prima Categoria e costruire una squadra per provare a salire subito in Promozione, puntando molto su giovani che militavano in Eccellenza e Promozione oltre che su giocatori esperti che hanno militato anche nei professionisti, dando poi fiducia allo staff col quale siamo partiti la scorsa stagione e col quale vorremmo proseguire la scalata». Lo stesso Nardio, dopo diverso tempo passato tra campo e scrivania, si rimette in gioco per una nuova avventura: «Dopo 25 anni di campo, tra allenatore e direzione sportiva sempre nella stessa società (Schuster, n.d.r.) ho deciso di mettermi in discussione e ho avuto la fortuna di incontrare una persona seria e ambiziosa come il presidente onorario della prima squadra Cammarota. Dopodiché, insieme al nostro tecnico Stefano Fraschini, Marcello Rolla, Fabio Gatto, Stefano Gentile e Jacopo Trini abbiamo intrapreso questa avventura».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400