Cerca

Prima Categoria

Mappanese-Vallorco: i biancoblù creano ma sbagliano tanto, Borghi riacciuffa il pari nel finale

Non basta il gol di Riva Governanda al gruppo di Bruno Mattiet, che spreca molto e si vede sfilare via la vittoria

Carlo Borghi

Carlo Borghi ('00), entra dalla panchina e segna il gol del pareggio

Prima della partita tra Mappanese e Vallorco il pareggio era sicuramente il risultato più gettonato per gli scommettitori più incaliti. Lo era sia per il valore delle squadre che per il loro ottimo andamento in campionato. Per come è andata la partita però, il Vallorco ha tantissimo da recriminare nell'1-1 finale: dopo il vantaggio firmato Riva Governanda, i biancoblù si sono mangiati una serie di occasioni ghiottissime, riaccendendo la speranza nei cuori della Mappanese, che ha poi trovato il pareggio con Borghi nel finale. Una partita giocata su ottimi livelli dal gruppo di Bruno Mattiet, che paga la poca precisione sotto porta di Gobbato e Bruno. Nulla da togliere comunque alla Mappanese di Marrella, che si dimostra ancora una volta abile nell'andare a rimontare una situazione di svantaggio.

Riva Governanda di giustezza. Subito una novità di formazione per Bruno Mattiet, che per la prima volta in stagione lancia tra i titolari il classe 2001 Giolitto. Terza da titolare, e seconda consecutiva, invece per Tagliaro, grande promessa ‘04 a disposizione di Marrella. Per sopperire alla pesante assenza di Rigatto (‘03), la Mappanese si affida davanti all’esperienza di Lombardo (‘81). Ancora ai box il capitano biancorosso Piazza. Nei primi minuti regna l’equilibrio, anche se il Vallorco si presenta con maggior convinzione dalle parti di Giancotti, senza però collezionare occasioni particolarmente pericolose. Il primo tiro in porta per i padroni di casa porta la firma di Napoli, che al 10’ ci prova da fuori mancando non di poco lo specchio della porta. Di Marco si abbassa spesso e volentieri per dare il via alla manovra biancorossa, dato che la difesa del Vallorco chiude molto bene ogni varco. La catena di sinistra ospite è quella che funziona meglio: proprio da quel versante nasce la prima grande occasione del match, ma Gobbato, una volta ricevuta palla in area, calcia alto all’altezza del dischetto del rigore. Il gol sbagliato però scuote il Vallorco, che capisce che è arrivato il momento di premere sull’acceleratore. Non a caso, dopo qualche minuto, ecco il vantaggio ospite: al 26’ Riva Governanda, sicuramente il migliore dei suoi, trafigge Giancotti con un sinistro velenosissimo dal limite dell’area, siglando il suo quarto gol in campionato. Niente male per un centrocampista centrale. Il gol subito manda leggermente in tilt i meccanismi di Marrella, che fatica a ridare una quadra ai suoi. Il Vallorco in tutto ciò continua ovviamente a spingere e va vicinissimo al raddoppio sia con Bruno che con Giolitto. L’unico squillo biancorosso prova a darlo Napoli, che serve una buona palla a Gaudeni, il quale calcia però malissimo dal limite dell’area, permettendo ai biancoblù di andare a riposo in vantaggio di una rete.

Vallorco sprecone. Il brutto primo tempo dei padroni di casa induce Marrella a cambiare qualcosa dal punto di vista tattico dopo l’intervallo: fuori Vanzini, dentro Borghi e passaggio al 4-3-3, con Di Marco abbassato a regista e Napoli spostato al centro dell’attacco. Il cambio di modulo però non produce, almeno inizialmente, gli effetti sperati. A creare le prime ghiottissime chance del secondo tempo è ancora infatti il Vallorco: prima però Bruno spreca tutto commetendo un errore non da lui, poi Tagliaro rischia l’autogol colpendo in pieno la traversa nel tentativo di ribattere un cross dalla destra. La Mappanese continua invece a faticare, così come aveva fatto per tutto il primo tempo. La solidità difensiva dei biancoblù (3 sole reti subite in campionato) si conferma ancora una volta, con la coppia Sanogo-Barioli ancora una volta precisa e compatta. Le occasioni sprecate cominciano però a diventare tante per gli ospiti, cosa sottolineata anche da Bruno Mattiet in panchina: prima Caliendo sfiora il gol su punizione, poi Gobbato si mangia un altro gol tutto solo davanti a Giancotti. La beffa è dietro l’angolo, e puntualmente, come spesso succede nel calcio, arriva a cinque minuti dal 90’: Di Marco approfitta di una dormita difensiva e centra la traversa, Borghi raccoglie e deposita in rete con il sinistro, siglando l’1-1. Il punteggio non cambia più fino alla fine, anche se Di Marco all’ultimo minuto va vicinissimo al gol che avrebbe ribaltato tutto in maniera incredibile. Il pareggio finale era un risultato pronosticabile ad inizio gara, ma per come si era messo il match per il Vallorco i rimpianti sono sicuramente tanti.

IL TABELLINO

MAPPANESE-VALLORCO 1-1
RETI (0-1, 1-1): 26' Riva Governanda S. (V), 40' st Borghi (M).
MAPPANESE (4-4-2): Giancotti 6, Tagliaro 6.5, Simondi 6, Gaudeni 5.5, De Marchi 5 (28' st Cascio 6), Callipari 7, Napoli 6 (36' st Fazio sv), Bobbio 6.5, Lombardo 5.5 (37' Poleo 6), Di Marco 6.5, Vanzini 5.5 (1' st Borghi 7). A disp. Sozio, Chiriu, D'Angela, Marrella. All. Marrella 6.5.
VALLORCO (4-2-3-1): Pascarella 6, Margrotto 6 (40' st Dantonia sv), Prandoni 7, Giolitto 6.5 (38' st Cardamone sv), Sanogo 7, Barioli 6, Bruno 6.5 (38' st Nabili sv), Riva Governanda S. 8, Grosso 6.5, Gobbato 5 (32' st Guglielmetti sv), Caliendo 6. A disp. Casteller, Ferrari, Ponzetto, Porneala, Naretto. All. Bruno Mattiet 7.
ARBITRO: Ghiurca di Torino 6.5
AMMONITI: 11' st Bobbio (M), 23' st Napoli (M), 24' st Gaudeni (M).

LE PAGELLE

MAPPANESE
Giancotti 6 Non può nulla sulla rasoiata di Riva Governanda. Graziato a più riprese dagli errori dei biancoblù davanti alla propria porta.
Tagliaro 6.5 Spinta costante sulla fascia destra, dove prova a dialogare con Vanzini per creare la superioritá numerica. Rischia l’autorete, ma la traversa lo salva.
Simondi 6 Bruno è un pericolo costante, ma lui fa di tutto per tenere su il fortino, che viene bucato però dal tiro da duori di Riva Governanda.
Gaudeni 5.5 Qualche palla persa di troppo a centrocampo. Sparacchia alto su assist di Napoli a fine primo tempo.
De Marchi 5 Parte molto contratto, rischiando tantissimo in un paio di occasioni con disimpegni ed anticipi sbagliati. Gli errori iniziali lo condizionano per tutto il resto della gara.
28’ st Cascio 6 Si piazza in mezzo al campo e prova a dare una scossa ai suoi, almeno sul piano atletico.
Callipari 7 Molto bene soprattutto in fase difensiva, dove si dimostra da subito sul pezzo. Nella ripresa si concede anche qualche strappo in avanti.
Napoli 6 Gioca molto largo, forse troppo, a sinistra. Le poche volte che la Mappanese si affaccia in avanti però, la palla passa sempre da lui. Serve una bella palla a Gaudeni, che spreca tirando male da fuori. (36’ st Fazio sv)
Bobbio 6.5 Sempre presente quando c’è da lottare e sacrificarsi. Gran palla per Di Marco nel finale.
Lombardo 5.5 Gli tocca un cliente veramente arcigno come Sanogo, che non gli lascia spazio per respirare. Poco prima della fine del primo tempo è costretto ad uscire per infortunio.
37’ Poleo 6 Alla prima presenza dopo il suo ritorno dal La Chivasso, se non altro ha il merito di provarci con un tiro da fuori, una delle poche conclusioni della Mappanese in tutta la gara.
Di Marco 6.5 Lo si vede spesso e volentieri abbassarsi quasi fino alla linea dei difensori per andare a giocare il pallone. Nel secondo tempo non a caso Marrella lo piazza regista, per aumentare la qualità del giro palla. Propizia il gol del pareggio centrando la traversa da cui poi nasce il gol di Borghi.
Vanzini 5.5 Spende tantissime energie in fase di copertura, costretto dalla spinta costante di Prandoni. Niente da dire su quel frangente, cosa che però lo fa mancare in fase avanzata.
1’ st Borghi 7 Ingresso determinante. Sigla il pareggio in modo rocambolesco, ma non per questo non efficace. Si fa trovare al posto giusto nel momento giusto.
All. Marrella 6.5 Ha il merito di raddrizzarla, soprattutto con l’ingresso di Borghi, rimediando ad un primo tempo a dir poco impalpabile. Ottimo pareggio contro una formazione lanciatissima.

VALLORCO
Pascarella 6 Solita sicurezza sui palloni alti. Deve assistere impotente alla palla di Borghi che va ad infilarsi in rete dopo aver provato a salvare tutto in uscita.
Margrotto 6 Bada al sodo, lasciando a Prandoni sull’altra fascia il compito di offendere. (40’ st Dantonia sv)
Prandoni 7 Abbina spinta, fiato e qualità in maniera magistrale: un mix che difficilmente non risulta vincente.
Giolitto 6.5 Sfiora il gol con un sinistro deviato che passa vicinissimo al palo alla sinistra di Giancotti. Passa il resto della partita a lottare in mezzo al campo su ogni pallone. (38’ st Nabili sv)
Sanogo 7 Si appiccica a Lombardo e non gli concede un centimetro, per poi fare lo stesso con Poleo.
Barioli 6 Dietro i suoi non rischiano praticamente nulla, fino alla dormita generale che risulta fatale in occasione del pareggio biancorosso.
Bruno 6.5 Un inno alla concretezza. Pur senza strafare, si ritaglia sempre gli spazi giusti: a fine primo tempo va vicino al gol con un sinistro da fuori. Mezzo voto in meno per il gol mangiato ad inizio ripresa. (38’ st Cardamone sv)
Riva Governanda S. 8 È l’uomo su cui si basa buona parte della manovra biancoblù. Raramente commette una scelta errata, così come altrettanto raramente lo si vede perdere palla. Stappa la gara con un sinistro micidiale dal limite dell’area, firmando il suo quarto gol in campionato.
Grosso 6.5 Si sbatte per far sì che la squadra si appoggi su di lui, per poi scaricare palla sugli esterni con sponde eseguite in maniera precisa. Bello un tunnel in area con cui si presenta a tu per tu con Giancotti, per poi venire stoppato da Simondi.
Gobbato 5 Ha sui piedi la prima grande occasione del match, ma calcia alto da ottima posizione. Si ripete ad un quarto d’ora dalla fine, sparacchiando a lato tutto solo davanti a Giancotti. (32’ st Guglielmetti sv)
Caliendo 6 Dialoga con lo straripante Prandoni sulla sinistra, coprendolo quando il terzino decide di andare fino in fondo con le sue proiezioni offensive. Va vicinissimo al gol con una bella punizione.
All. Bruno Mattiet 7 I suoi giocano un calcio fluido e convincente, ma hanno l’unico grosso demerito di non chiudere anzitempo la partita.

ARBITRO: Ghiurca di Torino 6.5 Bravo a non abboccare a qualche simulazione di troppo in area di rigore.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400