Cerca

Prima Categoria

Vallorco, in attacco la generosità di Grosso: «Contento dei 5 gol, ancora di più dei 10 assist»

Nell'ottimo campionato dei cuorgnatesi, secondi solo al Montanaro, si sta disimpegnando bene l'attaccante classe 1996, arrivo di punta della scorsa estate

Alberto Grosso

Alberto Grosso, attaccante classe 1996 del Vallorco, per anni ha giocato nella Rivarolese tra Eccellenza e Promozione

Salto di qualità doveva essere nelle intenzioni della dirigenza e salto di qualità è stato. Il Vallorco ha chiuso il suo 2021 imbattuto, con 31 punti in 13 partite, secondo nel Girone C di Prima Categoria solo a causa dello splendido campionato che sta conducendo il Montanaro. E tra coloro che hanno costruito questo traguardo parziale c’è sicuramente l’attaccante classe 1996 Alberto Grosso, a segno 5 volte e buon elemento per la categoria, dopo parecchi anni trascorsi a Rivarolo tra Promozione ed Eccellenza. Giunto in punta di piedi dopo due stagioni non portate a termine tra Locana e Bosconero, Grosso parla così del campionato del team di Cuorgnè: «Ad inizio stagione non si era partiti con molti proclami, ma siamo rimasti parecchio umili pensando a fare del nostro meglio - sottolinea l’attaccante del Vallorco - se rapportati ad altre squadre di questa serie abbiamo un organico molto giovane, in molti devono ancora farsi le ossa ma sin dall’inizio ci siamo trovati benissimo come gruppo e di conseguenza sono arrivati anche i risultati. Siamo tutti molto soddisfatti del percorso, soprattutto perchè non abbiamo ancora perso. Merito anche della nostra difesa che ha tenuto benissimo e che è anch’essa molto giovane, considerando che Sanogo e Barioli saranno un classe 1996 e un classe 2001 ma stanno dimostrando di essere giocatori rodati. Io sono contento del mio percorso, ancor di più per aver unito 10 assist ai 5 gol fatti. Non sono un attaccante che vuole accentrare tutto su di sè, ma mi piace giocare per la squadra. Proprio perchè il calcio è un gioco di gruppo e non individuale». Ecco infine come Grosso vede la lotta in testa alla classifica che presenta il Vallorco 2° tra Montanaro e Gassino: «Con il Montanaro è stata una bellissima partita, giocata con molto rispetto da ambo le parti, noi abbiamo notato i loro pregi e loro hanno fatto la stessa cosa con i nostri. Forse abbiamo sprecato un po’ di più noi ma il pareggio è stato giusto. Con il Gassino stesso discorso: anche se qui abbiamo affrontato una squadra più affermata e con giocatori esperti che si conoscono bene tra di loro. Molti elementi me li ricordo tra Eccellenza e Promozione, avendoci giocato contro con la Rivarolese, mentre il merito del Vallorco sta nell’aver ottenuto buoni risultati da subito pur inserendo alcuni nuovi tasselli».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400