Cerca

Prima Categoria

Fa meglio di Buffon a 17 anni: debutta al 94' e para il rigore che vale vittoria e salvezza

Protagonista indiscusso il classe 2005 cresciuto nel settore giovanile del club. «Un'emozione incredibile, al triplice fischio gioia incontenibile per tutti» racconta il suo ds

Alassane Sall

Alassane Sall, portiere classe 2005 del Trecate cresciuto nel vivaio biancorosso ha esordito in maniera a dir poco strepitosa domenica 15 con il Carpignano

Entra in pieno recupero al 94' e nei suoi primi minuti giocati in carriera in prima squadra para il rigore che consegna la vittoria (e la salvezza matematica) ai suoi evitando il 3-3. Il tutto è reso ancora più esaltante dal fatto che il protagonista ha appena 17 anni (compiuti lo scorso 26 aprile) e ha svolto tutta la trafila nel settore giovanile del club. Il protagonista dell'impresa è Alassane Sall, portiere classe 2005 del Trecate che andando a fare un paragone con esempi più famosi, ha operato ancora meglio di quanto fece Gianluigi Buffon nella partita di esordio Parma-Milan del 17 novembre 1995. Il Campione del Mondo, ancora in attività proprio con i ducali, fu gettato nella mischia proprio 17enne e deliziò subito da tutti con i suoi interventi e la sua personalità evitando la sconfitta contro il Milan di Fabio Capello. Sall invece si è preso la briga di garantire la salvezza al club biancorosso, che vincendo 3-2 con il Carpignano ha messo al sicuro la permanenza in categoria dopo un stagione complicata.

CHE EMOZIONI NEL MATCH!

A dir poco emozionante il match di domenica 15: va avanti sul 2-0 un Carpignano affamato di punti per rinsaldare la propria posizione nei play out, dopodichè sale in cattedra il centrocampista di casa Mario Roma, che propizia prima il rigore dell'1-2 di Davide Golfetto, poi si mette in proprio segnando una doppietta in 2 minuti. Tutto finito qui? Affatto. Il Trecate prima rimane in 10 per un'espulsione rifilata a Carfora, che non gradisce troppo la decisione arbitrale su un gol annullato, poi resta in 9 al 94' quando Chiovenda (già ammonito), esce su un avversario in area e si vede rifilare contro un rigore (ed un altro giallo) quando invece sembrava avesse preso la palla. In panchina il tecnico Marcello Mantegazza non può disporre né dell'altro portiere esperto, Martinotti, perchè infortunato, né del classe 2003 Zanotti, fuori per gita scolastica, e né del portiere dell'Under 19, anch'egli ai box. Ecco allora che deve infilarsi i guantoni in fretta e furia proprio Sall, estremo difensore di corporatura ancora esile, prodotto del vivaio della società del presidente Rocco Roma, componente dell'Under 17 che gioca nel campionato Provinciale di Novara.

PORTATO IN TRIONFO

Il classe 2005 subentra e al primo pallo toccato in carriera devia subito il penalty calciato dal Carpignano. Giusto una prima esultanza con i compagni di qualche istante, poi al triplice fischio finale è apoteosi con tutti quanti ad abbracciarlo e portarlo in trionfo. «L'emozione è stata incredibile e se andiamo a vedere la giornata è stato un crescendo da inizio secondo tempo fino alla fine – osserva il direttore sportivo del Trecate Gaetano Barbieri – chiaramente poco dopo il rigore parato la partita è finita ed è stato bellissimo vincere in questo modo ed unirsi al ragazzo nella gioia». Domenica da eroe dunque per Sall. E mancando 3 partite alla fine del campionato, con i biancorossi già salvi (dietro una tra Pro Ghemme e Varzese non potrà risucchiarli in zona play out dal momento che i club, rispettivamente a -9 e -8 in classifica, devono ancora giocare tra di loro), chissà che non ci possa essere qualche altra soddisfazione per il giovane portierino 2005 cresciuto nel settore giovanile del Trecate.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400