Cerca

Como Primavera 3, nell'infrasettimanale con la Pro Patria la prima convocazione tra i grandi per l'ex Masseroni Umberto Pelà

Umberto Pelà Masseroni Under 16
Il calcio giovanile – come è ormai noto a tutti – è fermo da un po’, ma ciò non ha comunque impedito ai ragazzi più grandi (in forza nelle rispettive formazioni Primavera), di poter sognare una convocazione tra i grandi. E questo è il caso del giovane e talentuoso centrocampista classe 2003 Umberto Pelà, di proprietà Como dall’estate 2020. Difatti, mercoledì scorso, in occasione del recupero casalingo contro la Pro Patria, Umberto Pelà ha ricevuto la sua prima convocazione con la squadra maggiore, allenata dal tecnico Marco Banchini. Pelà dovrà sicuramente rimandare il suo esordio, visto che non è entrato, ma la soddisfazione di essere andato in panchina è sicuramente alta. Chi, sicuramente lo conosce molto bene, è la sua ex società: la Masseroni Marchese, che lo ha formato per un biennio (2018-2020), prima di approdare proprio alla squadra Biancoblù. A raccontarlo, è il suo ex Direttore Sportivo Andrea Cicoria: « Umberto è arrivato da noi a luglio del 2018. E ci aveva subito colpito per le sue qualità tecniche, decisamente sopra la media rispetto alla sua annata. Infatti, nonostante ad agosto abbia iniziato la preparazione con i suoi pari età, saliva spesso con i 2002, cioè con i più grandi, per dare una mano e rinforzare l’organico. Già in quell’anno (2018) aveva fatto qualche apparizione con gli Allievi A. Poi, quando la situazione con i 2002 si è messa decisamente bene, e i 2003 stavano disputando un ottimo campionato, è tornato ad aggregarsi con la sua squadra di riferimento. Anche se in realtà, in quel periodo lì, gli Allievi A non li ha mai lasciati effettivamente». Oltre al fattore tecnico, le sue qualità umane hanno fatto sicuramente la differenza, come conferma lo stesso DS, che spende parole al bacio per il classe 2003: « Quello che nel tempo ci ha colpito di Umberto, oltre alla sua capacità tecnica, è stato il suo carattere. È un ragazzo educato, sempre corretto, che non ha mai detto una parola fuori posto e che si è comportato sempre egregiamente. E questo grazie alla splendida educazione che gli hanno dato i suoi genitori. Nonostante il suo carattere taciturno, nel campo si faceva sentire, da leader silenzioso. Riusciva sempre a togliere fuori la grinta. E questo è un grande valore aggiunto». Nell’ultima stagione, travagliata a causa della pandemia, l’annata con gli Allievi è stata a metà. Ma Umberto è riuscito comunque a togliersi soddisfazioni importanti e ad approdare in un club di livello: « Purtroppo, il Covid ha un po’ frenato tutti i ragazzi del 2003, che stavano facendo molto bene in campionato, dove chiaramente Umberto era la colonna portante del centrocampo. Ma le soddisfazioni non sono di certo mancate. Ha fatto diverse apparizioni con la rappresentativa, dove spesso e volentieri veniva convocato. E poi è arrivato il Como. L’interesse era arrivato già prima del lockdown. Ma non solo per lui, anche per Jacopo Cerasani, Lorenzo Berra, Davide Mutinelli, Alberto Galimberti e Mattia Bertolli, che poi sono sbarcati a Como assieme ad Umberto. Fortunatamente, nonostante il periodo negativo, hanno avuto comunque un’ottima opportunità, facendo un salto in avanti, verso una categoria importante». I primi mesi di Pelà a Como sembrano far ben sperare, e Cicoria azzarda un paragone molto importante: « So per certo che le sue qualità tecniche hanno stupito i responsabili tecnici del Como. E la convocazione in prima squadra ne è la prova. Senza fare paragoni eccessivi dico che, per qualità tecniche e per il suo modo di approcciarsi, mi ricorda Manuel Locatelli del Sassuolo. Noi siamo contenti per lui, ma molto lo deve a sé stesso, perché ci mette impegno in tutto quello che fa. Potenzialmente, il ragazzo credo che possa ambire ad un grande palcoscenico. Però, questo dipenderà anche dalle opportunità che gli verranno date. Sicuramente, penso che la Serie C, per lui, possa essere una vetrina importante. Se non quest’anno, dove è difficile, sicuramente l’anno prossimo. Magari a pieno regime con la prima squadra, perché è un ragazzo che se lo merita, e credo che il Como debba puntare su di lui». [caption id="attachment_241866" align="aligncenter" width="900"] Cristian Boscolo, attuale tecnico della Primavera 3 del Como[/caption] C’è anche chi Umberto lo sta iniziando a conoscere ora. E si tratta del suo attuale tecnico della Primavera 3 Cristian Boscolo, che ha a disposizione Pelà soltanto da qualche mese, ma sembra avere già le idee chiare sul suo conto: « Umberto è un ragazzo che, come tutti i 2003, ha bisogno di migliorare. Alla base c’è, però, questa sua capacità calcistica, oltre al carattere e alla sua grande predisposizione, che lo agevola molto e gli permetterà di crescere. Riesce a fare bene tutti i ruoli del centrocampo grazie alla sua grande intelligenza calcistica e tattica. È molto bravo nel leggere le situazioni. È un ragazzo a modo, che accetta sempre tutti i consigli, ed è sempre pronto a metterli in pratica. Diciamo che ci sono tutti i presupposti affinché lui possa crescere parecchio. Per il tecnico, la convocazione di Pelà in prima squadra non è una novità, vista la grande sintonia che intercorre tra gli staff: « Umberto fa parte di quei ragazzi che possono ambire alla squadra maggiore. Si lavora in simbiosi con la prima squadra: staff e responsabili. Banchini conosce a 360 gradi tutti i componenti della mia squadra. E di volta in volta, quando necessita, li chiama. Pelà mercoledì è andato in panchina a completare la rosa. È un piccolo passo. Ed è motivo di grande soddisfazione personale per il ragazzo e di gratificazione per il lavoro che stiamo svolgendo». Boscolo non si sbilancia sul futuro, ma è convinto che Umberto abbia tutte le carte in regola per poter fare strada: « Può migliorare, ma è presto per dire dove potrà arrivare. Ci sono tutti i presupposti, e sono convinto che con il carattere che ha, darà il massimo in base alle sue possibilità. Di questo, ne sono certo».
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400