Cerca

Inter-Chievo Verona Primavera Femminile: Pavan-Gallazzi dominano, dodici reti per raggiungere la vetta in compagnia della Juventus

Gallazzi-Pavan-Inter
Dodici reti per agganciare la vetta, mandare un chiaro segnale alla Juventus e trovare ritmo in vista del finale di stagione. Vince, e convince, l'Inter di De La Fuente nel primo recupero di questa settimana, surclassa il Chievo Verona di Alessandro Crestani riportandosi a pari punti con le bianconere a poco più due settimane dal big match proprio contro la formazione di Silvia Piccini, che verosimilmente decreterà la vincente del girone 1 di primavera femminile. Brilla la stella di Matilde Pavan, che in soli 45' minuti mette il timbro in ben 4 occasioni raggiungendo quota 7 gol in stagione, si unisce a lei anche la compagna di reparto, Valentina Gallazzi, a segno per 3 volte e il cui bottino stagionali sale ora a +8. Una gara senza storie dove l'Inter domina in lungo e in largo con irrisoria facilità. Tour che non finisce qui: le nerazzurre ora sono chiamate al secondo recupero, Domenica 11 Aprile, in casa del Vicenza, con la Juve impegnata contro il San Marino prima del weekend di fuoco che tutti attendono. Poker Pavan. Nonostante l'approccio iniziale al match faccia pensare ad un Chievo attento in fase difensiva, il copione viene prontamente stravolto e il dominio incontrastato dell'Inter prende piede dopo pochi minuti. Il tutto è comandato da Matilde Pavan che in soli 45' minuti confeziona ben 4 gol dominando in lungo e in largo contro la difesa in maglia granata. Funziona poco e male il 5-3-2 di Crestani che di problemi all'Inter ne crea ben pochi. Al contrario, l'ordinato 4-4-2 di De La Fuentes, dove i due esterni in fase offensiva si alzano e accentrano portando superiorità numerica per le vie centrali, funziona alla perfezione con i reparti sempre ben distanti e un movimento armonico difficile da contrastare. Ecco allora che al minuto 4' e 6', Pavan ha modo di trovare i suoi primi due gol: tap-in semplice in occasione del primo, dribbling in solitaria ai danni di Magalini e tocco semplice a porta vuota per il secondo. Da qui poi è amministrazione pura dell'Inter che però non preme sull'acceleratore "accontentandosi", cercando la giocata fine per affondare. Atteggiamento che però non soddisfa a pieno De La Fuente e la risposta delle sue ragazza è bella che pronta con l'Inter che in soli 12' minuti va a segno per ben 5 volte. Apre ancora una volta Pavan, tiro a incrociare che Magalini non riesce a respingere, poi è la volta di Gallazzi, gol fotocopia del secondo della compagna di reparto. Poker per Pavan al 37' con il pressing vinto contro Magalini, chiude il primo set Poli, conclusione al volo in area, e di nuovo Gallazzi, rapida in area di rigore a mettere dentro una palla vagante. Gloria per Lonati. Partita che di conseguenza ha poco da dire e di cui prendere in analisi. L'Inter anche nella ripresa non molla la presa contro un Chievo oramai alle corde e sfinito, riuscendo a trovare la via del gol in altre 4 occasioni. De La Fuente ha modo cosi di sperimentare e le risposte che arrivano dal campo sono tutte parecchio positive in vista della sfida decisiva contro la Juventus del prossimo 18 Aprile. I secondi 45' minuti vengono aperti in grande stile dal prodigio milanese che risponde al nome di Giulia Dragoni: dribbling al limite dell'area, tocco esterno e tiro a incrociare di destro, chirurgico, che si spegne alla destra di Ferrarini. Poi la svolta con l'ingresso di Gaia Lonati che in poco meno di 20' minuti trova la tripletta personale con grinta, cattiveria e grande qualità; tutte caratteristiche che descrivono al meglio questa rosa. Minuto 15': corner di Raimondo, palla che resta in mischia per la numero 18 che gira rapidamente a rete. Minuto 26': conclusione radente dalla sinistra che s'infila bassa sul secondo palo. Nel mezzo anche il terzo gol di Gallazzi che per la seconda volta in giornata mette a terra l'estremo difensore del Chievo e deposita in porta. Chiude, sul 12-0, ancora Lonati con una conclusione da fuori precisa. Una gara senza storia dove però all'Inter va riconosciuto il merito di averla affrontata con la testa giusta perché si sa, è un attimo sbagliare. Una mentalità decisa e importante per questo finale di campionato il cui primo posto è il premio grande della sfida contro la Juventus, match a cui servirà arrivare pronte per fare bottino pieno.

IL TABELLINO

Inter-Chievo Verona 12-0 RETI: 4' Pavan (I), 6' Pavan (I), 30' Pavan (I), 32' Gallazzi (I), 37' Pavan (I), 39' Poli (I), 42' Gallazzi (I), 2' st Dragoni (I), 15' st Lonati (I), 26' st Lonati (I), 36' st Gallazzi (I), 46' st Lonati (I). INTER (4-4-2): Gilardi 6, Panetta 6.5, Passeri 7 (9' st Congiunti 6), Vergani 7.5, Raimondo 7.5 (25' st Fenaroli 6), Poli 7 (16' st De Zen 6), Gentile 6.5 (9' st Lonati 7), Dragoni 7.5, Demaio 6.5 (9' st Indomenico 6), Gallazzi 7.5, Pavan 8. A disp. Ricciardi, Parolo, Ronchetti, Cochis. All. De La Fuente 8. CHIEVO VERONA (5-3-2): Magalini 5.5 (1' st Ferrarini 5.5), Scavone 5.5, Zappa 6, Ronca 5 (1' st Bernardi 5.5), Menegazzi 5.5 (22' st Marcomini sv), Mazzi 5.5, Cigolini 6.5, Licini 6 (32' Zanotti 5.5), Mele 5.5, Sartori 6.5, Mazzi 5 (9' st Bonotto 6). A disp. Bertassello, Genesini, Pachera. All. Crestani 5. ARBITRO: Sig. Francesco Saffiotti sezione di Como 7. ASSISTENTI: Simone Minardi di Milano e Marco Maida di Milano. AMMONITE: Zappa (C).

LE PAGELLE

INTER Gilardi 6 Dal lato tecnico c'è poco da dire, oggi è spettatrice non pagante. Il Chievo non arriva mai dalle sue parti ed i suoi 90' minuti sono un avanti indietro nell'area di rigore in attesa che accada qualcosa. Panetta 6.5 Ha un ottima indole per quanto riguarda la fase offensiva, situazione in cui riesce a proporsi bene in avanti grazie all'accentramento di Poli che le permette di avere più spazio. Frettolosa e poco lucida in fase difensiva, le rare volte in cui è chiamata a difendere. Passeri 7 Difesa condotta assieme a Vergani in maniera pressoché perfetta. Lotta, si fa valere quando c'è da tenere o riconquistare palla. Si mette in mostra anche tecnicamente con la pennellata d'autore per il quarto gol di Pavan. 9' st Congiunti 6 Entra quando oramai la partita è decisa e le maglie della difesa veronese sono allungate. Lei è sempre attenta e fa il suo lavoro di qualità e quantità con buoni risultati. Vergani 7.5 Personalità da vendere che sul campo si fa sentire a più riprese. È pragmatica quando si tratta di contenere e andare allo scontro fisico contro Mazzi, annullata dopo qualche manciata di minuti. Impressiona maggiormente sul piano emotivo: sprona le compagne sempre e comunque e in una squadra come questa, è una qualità decisiva. Raimondo 7.5 Ogni palla inattiva o cross dalla fascia che offre sono una sentenza che si trasforma in un assist facile per le compagne o una palla velenosa che mette in evidente difficoltà la retroguardia gialloblu. Costanza impressionante nelle giocate. 25' st Fenaroli 6 Parte finale di totale controllo e amministrazione in cui non ha modo di mettersi in evidenza. Poli 7 Frettolosa e poco pulita in certe giocate che, per qualità, potrebbero venirgli meglio oltre ad essere più utili e concrete per lo sviluppo della manovra. Offre uno scarico costante a destra che le compagne cercano più volte per appoggiarsi e gettarsi in area per raccogliere i palloni che riesce a giocare dentro. 16' st De Zen 6 Entra con forza e da subito va alla ricerca del pertugio, per vie centrali, alla ricerca del gol. Per sua sfortuna la rete non arriva, vuoi per sfortuna e a volte per poca concretezza sua al momento del tiro. Gentile 6.5 Si tiene bene sulla linea di centrocampo rimanendo sull'attenti quando il Chievo cerca l'affondo per le vie centrali. La sua fase di filtro funziona molto bene e permette a Dragoni anche di avanzare. Nel mezzo anche una meravigliosa imbucata per Gallazzi. 9' st Lonati 7 3 gol in soli 36' minuti giocati, non male insomma. Reti figlie di cinismo, la prima, qualità in occasione del secondo e terzo gol dove, con grande lucidità, esplode due mancini terribili sui quali Ferrarini può ben poco. Dragoni 7.5 Timida e poco offensiva nella prima parte, illuminante dopo. In avvio è in difficoltà nella fase difensiva contro i muscoli del centrocampo del Chievo. Poi trova più spazio e i benefici sono tanto. Splendida la giocata in avvio di ripresa per la sua rete. Demaio 6.5 Il direttore di gara e il suo primo assistente non le assegnano un gol, netto, e meraviglioso. Colpo di genio dove, quasi da ferma, trova un destro a giro dal limite che prima impatta sulla traversa, palla che oltrepassa la linea per poi tornare in campo, peccato per la mancata assegnazione. 9' st Indomenico 6 Qualche lampo qua e là e poco di più. Non ha modo di incidere a dovere, ha però il pregio di farsi trovare sempre al posto giusto e nel momento giusto. Gallazzi 7.5 Prima rifinisce con grande qualità regalando a Pavan lo spazio e i palloni per andare al gol. Una certezza quando la palla le viene affidata: qui controlla, si gira, mette ordine e imbastisce azioni sempre pericolose. Nel mezzo anche una tripletta che non fa mai male. Pavan 8 Cecchino infallibile nel primo tempo dove ogni pallone che raccoglie in area si trasforma in gol e i numeri lo certificano. Da tanto per la squadra e nei movimenti e nei vari scarichi e appoggi per innescare la corsa delle compagne. Gara che può sbloccarla definitivamente e dargli maggiore fiducia. All. De La Fuente 8 L'avversario non è dei più tosti, la prestazione delle sue ragazze però è impressionante, sia sul piano dell'intensità che della qualità nelle giocate. Tanti ottimi spunti da parte delle sue ragazze che hanno anche l'intelligenza di trovare sempre le giocate giuste e di non abbandonare il proprio credo anche quando oramai il risultato è acquisito. CHIEVO VERONA Magalini 5.5 Vista l'esperienza maturata con la prima squadra ci si può aspettare qualcosa in più. Non commette grandi errori, però in certi frangenti manca di cattiveria su palloni e giocate che potevano essere sventate. 1' st Ferrarini 5.5 Caratterialmente il suo ingresso è buono. Sul pezzo, si fa valere con qualche bella urlata nella conquista del pallone che le riesce bene. Alla fine però le tocca raccogliere 4 palloni dalla sua porta. Scavone 5.5 Demaio dalla sua non affonda spesso e questo le facilità il lavoro difensivo. Lavoro che si complica quando lavora in area dove non regge il duello e con Pavan e con Gallazzi. Zappa 6 La più positiva della linea difensiva. Prova a farsi sentire quando serve anche se, sul piano difensivo non riesce a offrire grandi sicurezze, complice un centrocampo che lavora spesso male. Ronca 5 I grandi problemi sorgono dal suo posizionamento eccessivamente schiacciato verso al centro che costringe Mele a lavorare più bassa. Poli sulla sua fascia la supera spesso e volentieri con troppa facilità (1' st Bernardi 5.5). Menegazzi 5.5 Poco presente e attiva in fase offensiva, fa un lavoro discreto in fase di contenimento dove il raddoppio su Demaio è lavoro non semplice. Nella ripresa però fatica tanto nel contenere la fascia sinistra dell'Inter che spinge tanto su di lei (22' st Marcomini sv). Mazzi 5.5 Dalla sua il carattere di non mollare mai e provarci fino alla fine nonostante le tante difficoltà. Sul piano tecnico però non fa benissimo, specie in fase di contenimento dove legge male i movimenti dell'attacco nerazzurro. Cigolini 6.5 Da premiare la costanza e il sacrificio per tutti e 90' i minuti di gioco. Nonostante le tante problematiche incontrate lei non demorde e ci prova sempre e comunque. Licini 6 Fisicamente se la gioca bene contro Poli e Gentile dove riesce a dimostrarsi cliente molto scomodo con cui avere a che fare. Il suo lo fa e con buoni risultati, poi il cambio forse per un fastidio a seguito di un contrasto, che la costringe presto ai box. 32' Zanotti 5.5 Il grande problema è il divario fisico che soffre nei confronti di Dragoni e Gentile che la contengono bene, anche quando prova a mettersi in mostra con giocate di fino nel breve. Mele 5.5 Vale il discorso fatto per Magalini; ha maturato un esperienza tale in prima squadra che certi errori e difetti dovrebbe averli persi, ma cosi non è. Troppo bassa in fase difensiva dove regala a Poli ampi spazi per affondare. Sartori 6.5 Tecnicamente è l'unica che regala i migliori squilli con qualche giocata degna di nota. Il supporto dalle compagne in fase offensiva però è scarso e le sue giocate sono fini a se stesse. Mazzi 5 Giornata no. L'Inter è solida dietro e lei di palloni ne tocca ben pochi. Il risultato è una gara nulla, fatta di tante corse a vuoto, fatica e poche situazioni utili alle sue qualità da centravanti(9' st Bonotto 6). All. Crestani 5 Risultato a parte il divario tecnico con l'Inter è ampio e sconfortante. Gara che si sapeva essere difficile, forse non cosi tanto. Apprezzabile però il carattere delle sue che nonostante tutto non demordono. ARBITRO Sig. Francesco Saffiotti sezione di Como 7 Svista clamorosa, assieme al suo primo assistente, in occasione del gol-non gol di Demaio con il pallone che supera la linea. Per il resto la gara è di semplice amministrazione e nel complesso ben diretta.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400