Cerca

Inter-Empoli Primavera 1: la doppietta di Oristanio non basta, vincono i toscani della coppia Ekong-Bozhanaj

oristanio inter primavera
La doppietta di Ekong e il gol di Bozhanaj regalano una vittoria di importanza capitale per la corsa playoff dell'Empoli che in casa dell'Inter si impone per 3-2. Ai nerazzurri non basta un ispiratissimo Oristanio, due gol anche per lui, e ora si trovano a inseguire la nuova capolista Juventus, avanti di un punto. I padroni di casa di Madonna si schiera con un 3-5-2 guidata dalla coppia offensiva dei soliti noti Satriano-Oristanio. Davanti al confermatissimo capitano Stankovic il trio Lorenzo Moretti, Kinkoue e Sottini. Mediana affidata a Sangalli, dove le mezzali sono Boscolo Chio e Wieser, rispettivamente con compiti di impostazione e inserimento. Completano l'undici i due esterni del centrocampo a cinque, Zanotti e Vezzoni. I toscani di Buscè rispondono con un 4-2-3-1. A difendere i pali di Biagini il quartetto composto da Donati, Fradella, Pezzola e Rizza. Centrocampo con Degli Innocenti davanti alla difesa aiutato da Fazzini. Il trequartista è Baldanzi che si posiziona alle spalle di Ekong e in mezzo a Martini e Sidibe. Ekong in formato super. Parte forte l'Inter che deve rispondere alla Juventus e riprendersi la vetta della classifica. Al 2' Oristanio si guadagna un calcio di punizione pericoloso all'altezza dei 20 metri per un fallo di Fradella. Il numero 10 nerazzurro va alla conclusione con il suo sinistro che viene deviato provvidenzialmente dalla barriera schierata da Biagini, che salva così i pali della sua porta. Episodio che mette subito in chiaro lo spartito della gara con l'Inter che preme sull'acceleratore quando riconquista palla, mentre si chiude alla perfezione sul lungo giro palla dell'Empoli che è però sterile. Ma al 15' alla prima occasione è l'Empoli a passare. Palla persa da Vezzoni sulla sinistra, Ekong duetta alla perfezione con Baldanzi, il numero 10 chiude il triangolo con il compagno mandandolo in area con una perfetta verticalizzazione. L'attaccante svedese rientra sul sinistro, saltando Lorenzo Moretti con il controllo, e apre il piattone sul palo lontano dove Stankovic non può arrivare. Ora, ovviamente, l'andamento della gara cambia con l'Empoli ad aspettare e i ragazzi di Madonna a fare la gara, ma trovando pochissimi spazi. I toscani sono in palla e si affidano al loro numero 10 Baldanzi che al 22' prova a mettersi in proprio con un destro dai 25 metri che non va lontano dal palo di Stankovic. Inter che fatica in attacco e che lascia a desiderare anche dietro e viene subito punita al 24' dalla doppietta di Ekong. Lancia lungo di destro di Pezzola dalla propria trequarti, Ekong va a duellare con un distratto e leggero Kinkoue che si lascia superare e spiana la strada all'attaccante avversario che batte per la seconda volta Stankovic, superato in uscita dal tocco sotto misura. La reazione dell'Inter è immediata con un presidio continuo nella metà campo avversaria, ma affidata solamente a iniziative personali che non creano pericoli alla retroguardia dell'Empoli ben guidata da Pezzola e Fradella. E quando si fatica con il gioco è meglio rendersi pericolosi con le palle inattive e al 39' l'Inter accorcia le distanze. Oristanio dalla bandierina di destra fa partire un cross basso con il suo sinistro, il pallone passa in una selva di gambe, fra cui quelle di Lorenzo Moretti, per finire la sua corsa sul secondo palo sorprendendo Biagini, che non si aspettava questa traiettoria velenosissima. Al 43' Oristanio prova a trasformarsi in uno assist dalla stessa bandierina, ma il colpo di testa di Lorenzo Moretti viene respinto con un grandissimo intervento di puro istinto da Biagini. Buscè, passato lo spavento, deve arrendersi all'infortunio al piede sinistro di Baldanzi, che lo costringe ad abbandonare una partita che lo aveva visto protagonista. Due minuti di recupero e al secondo ecco il 2-2 dell'Inter con il solito Oristanio con un grande sinistro a giro dopo uno scambio da calcio d'angolo con Wieser. Proteste immediate dei giocatori dell'Empoli che circondano l'arbitro, che dopo molti secondi decide di annullare la rete per un tocco di mano sul tiro di Oristanio decisivo nel cambiare traiettoria al pallone che si è insaccato in rete. Con questo episodio controverso, ma comunque risolto bene dalla terna arbitrale, si chiude un bellissimo primo tempo, fra due squadre alla ricerca di tre punti pesanti in vista del finale della stagione regolare. Oristanio-show, ma decide Bozhanaj. Ripresa che comincia come è iniziato e finito il primo tempo: Inter in attacco. Al 1' Satriano prova un colpo di testa su cross di Fazzini, ma la conclusione è debole e viene bloccata senza problemi da Biagini. Decisamente più pericolo il numero 9 nerazzurro al 4' quando viene pescato dal sinistro chirurgico del solito Oristanio da calcio di punizione sulla trequarti. Ma a dire di no all'attaccante uruguaiano è Biagini che si distende alla sua sinistra e respinge. L'estremo difensore dei toscani però si deve arrendere un minuto più tardi a uno scatenato Oristanio. Discesa sulla destra del 10 di Madonna che arriva al cross basso, palla respinta da Pezzola in scivolata, la sfera torna a Oristanio che non ci pensa due volte e calcio di prima intenzione di sinistro con la palla che si infila sotto le gambe di Biagini. L'Empoli, stordito dall'inizio veemente dell'Inter, si affida Bozhanaj, ma il tiro dell'albanese al 9' finisce alto sopra la traversa. Al 13' è però la formazione di Madonna ad andare a un passo dal 3-2 con Boscolo Chio. Il centrocampista nerazzurro recupera palla e si invola centralmente verso l'area di rigore. Arrivato al limite il numero 8 lascia partire un destro potente ma non troppo angolato che Biagini respinge, Boscolo Chio è il primo ad arrivare sul pallone e tenta di sinistro, trovando però ancora sulla propria strada l'estremo difensore dell'Empoli. Al 16' ancora Inter vicinissimo al vantaggio con un colpo di testa di Satriano su cross di Zanotti, uscito poco dopo, che termina sulla traversa e poi sul fondo. Empoli che prova ad allentare la pressione sulla propria difesa con una bella iniziativa personale di Ekong, che termina con un destro però debole e centrale, che consente a Stankovic di effettuare la sua prima parata della serata. Ma è solo un momento passeggero visto che Biagini al 23' deve ancora farsi trovare pronto. Ancora un calcio d'angolo per l'Inter, questa volta sul pallone va Vezzoni, ma il destinatario è sempre Lorenzo Moretti, che gira bene di testa, ma trova ancora Biagini a dirgli di no. Quasi a sorpresa, dopo tante occasioni per l'Inter, è nuovamente l'Empoli a passare in vantaggio. Al 32' Bozhanaj trova il varco giusto e si inserisce in area dal vertice destro, si accentra e fa partire un sinistro rasoterra non particolarmente potente ma estremamente preciso che si infila sul primo palo lasciando Stankovic immobile. Assalto finale dell'Inter che al primo dei 4 minuti di recupero va vicinissimo al 3-3 con Sottini che prima si vede salvato sulla linea il suo tentativo sotto misura e poi Biagini gli dice di no su una rovesciata che sarebbe stata la rete di questo fine settimana. È l'ultimo spavento per l'Empoli che conquista tre punti fondamentali per la corsa playoff, mentre l'Inter perde il primato in favore della Juventus.

IL TABELLINO

INTER-EMPOLI  2-3 RETI (0-2, 2-2, 2-3): 15' Ekong (E), 24' Ekong (E), 39' Oristanio (I), 5' st Oristanio (I), 32' st Bozhanaj (E). INTER (3-5-2): Stankovic 6, Zanotti 5.5 (18' st Persyn 6.5), Sottini 6, Kinkoue 5, Moretti L. 7 (35' st Tonoli sv), Sangalli 5 (35' st Mirarchi sv), Vezzoni 6, Boscolo Chio 6, Satriano 6, Oristanio 8 (35' st Bonfanti sv), Wieser 6.5 (12' st Akhalaia 5.5). A disp: Magri, Botis, Moretti A., Dimarco, Lindkvist, Goffi. All. Madonna 5.5. EMPOLI (4-2-3-1): Biagini 7.5, Donati 6, Rizza 5.5, Degli Innocenti 6.5, Fradella 6.5, Pezzola 7, Martini 6.5, Fazzini 6.5 (1' st Belardinelli 6.5), Ekong 8 (40' st Rossi sv), Baldanzi 7 (45' Bozhanaj 7.5), Sidibe 6.5 A disp: Fantoni, Riccioni, Indragoli, Morelli, Keramitsis, Simic, Brkic, Manfredi, Lombardi. All. Buscé 7. ARBITRO: Pascarella di Nocera 6.5 ASSISTENTI: Poma di Trapani e Cortese di Palermo. AMMONITI: Fradella (E), Kinkoue (I), Sangalli (I), Vezzoni (I).

LE PAGELLE

INTER Stankovic 6 Praticamente mai chiamato in causa dagli avanti dell'Empoli, anche se Ekong lo batte per due volte, ma non ha nessuna responsabilità sulla doppietta dell'attaccante dell'Empoli. Zanotti 5.5 Fatica a farsi vedere in avanti, compito che dovrebbe essere la sua prima preoccupazione vista la posizione di quinto di destra scelta per lui da Madonna. 18' st Persyn 6.5 Entra bene in gara dando ai compagni una soluzione continua sulla destra, dove si fa trovare sempre puntuale con la sua corsa e i suoi inserimenti. Sottini 6 Spesso isolato con Martini nell'uno contro uno nel primo tempo va qualche volta in difficoltà anche per la presenza di un ispirato Baldanzi. La ripresa, dove è l'Inter a fare la gara, rimane a presidiare il forte nerazzurro senza sbavature. Nel finale prova a diventare l'uomo della provvidenza, ma va a pochi centimetri dal gol del 3-3. Kinkoue 5 Inizia bene nel duello con Ekong. Ma si fa beffare e superare troppo agevolmente  in occasione del 2-0 firmato dall'attaccante dell'Empoli che lo aggira senza neanche impegnarsi troppo. Moretti L. 7 Più che il difensore quest'oggi si fa notare nell'area dell'Empoli. Entra, anche se non tocca il pallone, nel primo gol di Oristanio. Poi si mette in proprio con due colpi di testa su azione da calcio d'angolo, dove trova sempre Biagini in grande spolvero. (35' st Tonoli sv). Sangalli 5 Mai in partita il numero 6 nerazzurro che fatica ad accendersi. Spesso lento e impreciso e questo condiziona la manovra dei suoi, visto che dovrebbe essere lui a orchestrare la fase di possesso. (35' st Mirarchi sv). Vezzoni 6 Si dà da fare con estrema abnegazione nelle due fasi. In quella difensiva non concede mai il fondo agli avversari, mentre in quella di spinta corre molto, ma i pericoli creati sono effettivamente pochi. Boscolo Chio 6 Fino a quando Baldanzi è in campo fa una fatica enorme a mettersi in luce vista la pressione del 10 dell'Empoli. Nella ripresa alza i giri del motore e va vicino al gol del 3-2 quando Biagini gli dice di no ben due volte nell'arco di pochissimi secondi. Satriano 6 Non è la sua giornata quando coglie la traversa su una bella girata di testa. Va vicino al gol anche prima sempre di testa, ma trova Biagini. Il suo impegno lo porta a una sufficienza comunque meritata nonostante non sia arrivato il gol. Oristanio 8 Un assoluto dominatore per tutti i minuti in cui rimane in campo. Rianima i suoi con un'invenzione su calcio d'angolo. Sigla il 2-2 con un'azione personale sulla destra. Non si spiega perchè Madonna lo richiami in panchina sotto di una rete e con pochi minuti a disposizione. (35' st Bonfanti sv). Wieser 6.5 Insieme a Oristanio è quello che di più mette apprensione la difesa dell'Empoli con le sue accelerate sulla sinistra. Esce a inizio ripresa per consentire a Madonna di inserire un altro attaccante nel forcing finale nerazzurro. 12' st Akhalaia 5.5 Dovrebbe aggiungere peso all'attacco, ma la fase difensiva dell'Empoli lo costringe ad allargarsi sulla sinistra dove fatica a rendersi pericoloso. All. Madonna 5.5 La doppietta di Ekong manda i suoi al tappeto che vengono rialzati solo da Oristanio in formato fuoriclasse. Non si capisce perchè tolga propri il numero 10 quando il punteggio dice 3-2 per l'Empoli e il tempo comincia a scarseggiare. EMPOLI Biagini 7.5 Secondo tempo dove si mette il mantello e salva in innumerevoli occasioni la propria porta. Si passi sopra a qualche uscita a vuota e ai gol incassati, su questa vittoria ci sono anche le sue mani. Donati 6 Il capitano dell'Empoli fornisce la classica prestazione con l'elmetto a combattere, anche con qualche intervento al limite, con gli avanti nerazzurri. Rizza 5.5 Oristanio quando si allarga crea più che un danno. Il numero 10 è in giornata è lui può far poco, anche se no si arrende e contribuisce a proteggere la propria area nei minuti finali. Degli Innocenti 6.5 Regia essenziale come lo è il gioco della squadra di Buscè. Viene schiacciato dalla pressione degli avversari per quasi tutti i secondi 45 minuti di gioco, ma alla fine arriva il riconoscimento più grande con tre punti pesanti e importanti. Fradella 6.5 Inizia male con Oristanio che gli scappa via qualche volta e con un giallo a inizio gara. Questo non lo condiziona e compie anche interventi decisivi davanti alla porta di Biagini. Pezzola 7 Il centrale di Buscè non concede mai una conclusione facile a Satriano, tranne in occasione del colpo di testa su cui Biagini salva. Fa la voce grossa al cospetto del miglior attacco dell'intero campionato. Martini 6.5 Si sacrifica molto in fase offensiva anche se è nei tre dietro la punta. Una partita dove percorre ogni centimetro della propria fascia di competenza. Fazzini 6.5 Tanto lavoro oscuro a chiudere le linee di passaggio ai giocatori nerazzurri. Al fianco di Degli Innocenti mette in pratica un grandissimo lavoro di cerniera davanti alla difesa. 1' st Belardinelli 6.5 Dà ordine anche quando la marea nerazzurra si infrange sui suoi compagni. Qualche bella uscita con il pallone per allontanare il pericolo nel momento di maggio difficoltà. Ekong 8 Due gol che rappresentano il suo intero bagaglio tecnico. Sa giocare con la squadra, basti guardare il primo gol, e sa usare il fisico, che gli permettono di superare, anche con una buona dose di furbizia, Kinkoue in occasione del 2-0. Baldanzi 7 Manda in porta Ekong per il gol del vantaggio. In fase di non possesso si piazza in marcatura su Sangalli che fatica e non poco a entrare in partita. Peccato per l'infortunio che lo costringe a uscire poco prima dell'intervallo. 45' Bozhanaj 7.5 Buscè lo fa uscire dalla panchina per l'infortunio fi Baldanzi ed è una fortuna per i toscani. Inizia la ripresa con un tiro che va alle stelle, ma riesce a trovarsi con continuità con Ekong per portare lontano il pallone dalla zona calda e pesca la giocata decisiva  che certifica il 2-3 finale. Sidibe 6.5 Come Martini si applica alla perfezione chiudendo gli spazi sulla sinistra. Qualche bella accelerata che tiene la retroguardia dell'Inter sul chi va là. All. Buscè 7 Imposta i suoi sull'uno contro uno in fase offensiva e la scelta lo ripaga. Non concede quasi nulla all'Inter fino all'invenzione su corner di Oristanio. Il 2-2 crea attimi di panico dove Biagini risponde presente fino alla giocata decisiva di Bozhanaj che manda il suo Empoli a un passo dai playoff. ARBITRO Pascarella di Nocera 6.5 Aiutato dall'assistente nell'annullare il gol del 2-2 di Oristanio a fine primo tempo per un fallo di mano che sembra esserci. Partita elettrica e non difficile da mantenere sotto il livelo di guardia, ma tutto sommato, il fischietto di Nocera ci riesce con una buona prestazione.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400