Cerca

Roma-Milan Primavera 1: Zalewski e Tall mettono fine alle flebili speranze playoff dei rossoneri

Roma-Milan Primavera
La Roma di De Rossi regola il Milan con un secco 2-0 e pone fine definitivamente alle residue speranze dei rossoneri di raggiungere i playoff del campionato di Primavera 1. A decidere l’incontro sono i 120’’ di fuoco della Roma che sul finire della prima frazione sblocca e chiude il match con due gol in rapida successione. Uno due decisivo. Un Milan in calo si presenta a Trigoria con ancora poche flebili speranze di raggiungere i playoff e, nei primi minuti di gioco, sembra crederci tenendo in mano il pallino del gioco e creando qualche azione di gioco interessante. Il primo ad affacciarsi dalle parti di Mastrantonio è Capone al 3’, coraggioso a provare a calciare un pallone rimbalzante dal limite dell’area. La sfera finisce alta sulla traversa. 3’ più tardi ancora Capone prova la fortuna da calcio di punizione, ma il tentativo è debole e centrale, facile conquista per il portiere capitolino. Dopo il quarto d’ora, si vedono anche i giallorossi: prima con Tall, che non riesce a imprimere la forza necessaria al suo colpo di testa e poi con Milanese, impreciso nel calciare fuori di poco un pallone gentilmente arrivatogli con la gentile collaborazione di una difesa del Milan troppo sbadata. Al 27’ il match potrebbe cambiare in favore del Milan con Frigerio che atterra Roback e l’arbitro che indica il dischetto. Capone calcia alzando troppo la traiettoria, con il pallone che prima colpisce la traversa e poi si impenna sopra la traversa. L’episodio cambia sì l’inerzia della partita, ma in favore della Roma. Tra il 36’ e il 37’ i centrocampisti di De Rossi ci provano con la soluzione del tiro da fuori area ma, in entrambi i casi, il tiro è esattamente tra le braccia di Moleri. Al 38’ Michelis interviene inspiegabilmente in maniera troppo irruente su un defilato Tall da convincere Cudini a concedere il secondo penalty di giornata. Zalewski non imita Capone e trafigge Moleri con un tiro secco all’angolino. La Roma non è sazia e vuole mettere subito la partita in ghiaccio. Un minuto più tardi, sull’ennesimo errore di impostazione del Milan, la palla arriva   Podgoreanu che è preciso a servire il pallone in mezzo per l’accorrente Tall che, in estirada, colpisce per il raddoppio giallorosso. L’uno-due micidiale della Roma di fatto chiude il primo tempo con l’effetto di tramortire un Milan sceso in campo già con poche speranze. Ordinaria amministrazione. Giunti prova a scuotere i suoi all’inizio della ripresa sostituendo Frigerio con Saco ma questa sostituzione, così come quelle che verranno effettuate in seguito, non sortiranno l’effetto sperato, agevolando di fatto la gestione del match alla Roma, che non può far altro che ringraziare. Le occasioni della ripresa sono poche. Da segnalare il bel taglio di Roback , uno dei migliori dei suoi, che termina con il pallonetto provato dall’attaccante che finisce però alto sopra la traversa. Il neo entrato Tonin avrebbe poi sui piedi, intorno alla metà della ripresa, il pallone per riaprire il match ma nell’occasione è determinante l’uscita di Mastrantonio che devia sul palo i potenziale gol che avrebbe riaperto i giochi. Cala l’intensità, anche per il caldo, e la Roma conduce agevolmente in porto la partita centrando l’obiettivo play off ed estromettendo il Milan dagli spareggi.  

IL TABELLINO

ROMA-MILAN 2-0 RETI: 39' rig. Zalewski (R), 40' Tall (R). ROMA (4-3-3): Mastrantonio 6.5, Tomassini 6.5 (20' st Evangelisti 6), Rocchetti 6 (32' Oliveras 6), Ndiaye 6.5, Buttaro 6.5 (37' st Tahirovic sv), Tripi 6.5, Ciervo 6 (20' st Pagano 6), Milanese 5.5, Tall 7.5, Zalewski 7 (20' st Bamba 6.5), Podgoreanu 6. A disp. Boer, Giorcelli, Satriano, Afena Gyan, Cassano, Volpato. All. De Rossi 6.5. MILAN (4-3-3): Moleri 6, Kerkez 6 (31' st Bosisio 6), Oddi 6, Brambilla 6.5 (31' st Tolomello 5.5), Obaretin 5, Michelis 4.5, Frigerio 6 (1' st Saco 6), Mionic 5.5, Roback 6.5 (24' st N'Gbesso 5.5), Capone 5, Di Gesù 5.5. A disp. Pseftis, Cretti, Filì, Robotti, Tonin, Paloschi. All. Giunti 6. ARBITRO: Cudini di Fermo 6. ASSISTENTI: Pompei Poentini di Pesaro e Teodori di Fermo.

LE PAGELLE

ROMA Mastrantonio 6.5 Poche occasioni in cui viene impiegato seriamente, ma si fa sempre trovare pronto, anche in uscita bassa, quando dimostra di saperci proprio fare. Molto bravo quando devia sul palo il tiro a botta sicura di Tonin. Tomassini 6.5 Non fa mai mancare il suo apporto allo sviluppo della manovra rendendosi sempre un’alternativa utile e preziosa, anche in zona d’attacco. Apprezzabile anche per la pressione incessante sui portatori di palla avversari. 20’ st Evangelisti 6 Va a portare forze fresche sulla corsia di destra giallorossa. Cambio intelligente di De Rossi. Rocchetti 6 Prova a dire la sua in fase di impostazione ma la difesa milanista chiude sempre con precisione. È costretto a uscire dopo appena mezz’ora probabilmente per una botta subita. 32’ Oliveras 6 Non fatica a trovare subito lo spirito giusto dal momento del suo ingresso in campo e non fa rimpiangere Rocchetti. Ndiaye 6.5 Partita di grande attenzione, non facile per l’attacco rossonero rendersi pericoloso contro un vero e proprio muro. Si impone con forza ed elevazione anche nel gioco aereo. Buttaro 6.5 Precisione ed eleganza sono gli ingredienti principali della sua partita e annulla qualsiasi pretesa offensiva dei rossoneri. (37’ st Tahhirovic sv). Tripi 6.5 Una di quelle prestazioni che non saltano all’occhio ma che, a guardare bene, sono molto preziose per il tanto sacrificio al servizio della squadra. Ciervo 6 Tanto lavoro prezioso su e giù per la fascia destra, dialoga ottimamente con i suoi e dà sostegno alla squadra anche quando è chiamato in fase di ripiegamento difensivo. 20’ st Pagano 6 Si posizione bene nel centrocampo giallorosso trovando con precisione le linee giuste di passaggio. Milanese 5.5 Un po’ fuori dalle trame di gioco capitoline, avrebbe un’occasione ghiotta nel primo tempo ma la spreca calciando di poco a lato. È il meno incisivo tra le fila dei suoi. Tall 7.5 Si vede fin dalle prime battute che è in giornata, nonostante non riesca a rendersi subito pericoloso. L’occasione d’oro arriva negli ultimi minuti del primo tempo e lui la sfrutta alla grande segnando il raddoppio giallorosso. Avrebbe anche un’altra occasione, ma la spreca. Zalewski 7 È il perno del centrocampo dei giallorossi, risulta essere tra i più propositivi e positivi, trasforma il rigore del vantaggio calciando davvero bene all’angolino. 20’ st Bamba 6.5 Entra alla grande nel match buttandosi su tutti  i palloni che girano nelle sue zone e conquistando in più di un’occasione la palla o falli preziosi. Podgoreanu 6 Il suo diretto avversario non gli dà vita facile e fatica a ritagliarsi spazi importanti. Dimostra grande abnegazione quando si ritrova a interrompere l’azione rossonera nella propria zona difensiva. Ottimo l’assist a Tall. All. De Rossi 6.5 La partita mette in palio punti pesanti per entrare nei playoff e l’approccio al match dei suoi è di quelli giusti. Ha il merito di tenere sul pezzo la squadra in un match in cui la Roma aveva tutto da perdere MILAN Moleri 6 Poco può in occasione di entrambi i gol subiti: Zalewski calcia un rigore imparabile e sul secondo gol è più che legittimato a prendersela con le disattenzioni dei suoi difensori. Kerkez 6 Gioca attaccato a Podgoreanu lasciandogli davvero poco spazio e l’esterno giallorosso è spesso costretto ad accentrarsi perdendo di efficacia. Non rinuncia neanche a spingere. 31’ st Bosisio 6 Esegue il compitino senza affanni in una partita ormai chiusa da un pezzo. Oddi 6 Interpreta bene la partita e non si fa quasi mai sorprendere dalle incursioni offensive degli esterni giallorossi. Brambilla 6.5 Puntuale in pressione e dotato di un buon tocco e buona visione, ma fatica contro una Roma che ha più motivazioni e alla lunga sovrasta gli avversari in tutti i reparti del campo. 30’ st Tolomello 5.5 Prova a dare il suo contributo impostando dal basso ma non con i risultati sperati. Obaretin 5 In confusione come la gran parte dei difensori del Milan, manca di lucidità in diverse occasioni e perde il contatto con l’attaccante di frequente. Non la sua miglior partita. Michelis 4.5 Pesa molto la troppa irruenza in occasione del contrasto che provoca il rigore dell’1-0.  Sbaglia spesso la giocata, regalando il possesso alla Roma in zone del campo molto pericolose. Frigerio 6 Chiamato in causa soprattutto per manovrare il pallone dando fluidità all’azione rossonera, lo fa sempre con precisione distribuendo il gioco sulle fasce. La sua partita dura solo un tempo. 1’ st Saco 6 Si inserisce bene negli schemi del centrocampo rossonero ma senza portare quel qualcosa in più che cercava Giunti per provare a ribaltare il match. Mionic 5.5 Nelle sue azioni oggi non mette la qualità necessaria dando gioco facile ai difensori della Roma nella lettura delle giocate. Roback Ha il piglio giusto, si muove tanto sul fronte offensivo e lavora tanti palloni come in occasione dello spunto che frutta il calcio di rigore per i suoi, poi sbagliato. Viene penalizzato della prestazione mediocre del resto della squadra. 24’ st N’Gbesso 5.5 Riceve pochissimi palloni dai suoi compagni e chiedergli di più era obiettivamente difficile. Capone 5 Non gioca male la prima parte di gara combinando trame interessanti con i compagni d’attacco, ma poi arriva l’episodio del tiro dagli undici metri fallito che sposta l’inerzia della gara. Di Gesù 5.5 Avvio di partita positivo, ma poi si spegne andando a sbattere contro la retroguardia giallorossa che oggi non ha concesso praticamente nulla. 20’ st Tonin 6.5 Ci prova subito con un’interessante azione personale di forza e tecnica. Con la sua freschezza e il suo dinamismo sarebbe potuto tornare utile anche qualche minuto prima. Colpisce un palo a tu per tu con Mastrantonio, bravo a deviare. All. Giunti Il suo Milan non parte neanche male ma, dopo l’occasione fallita da Capone su rigore, sembra crederci poco anche lui. La girandola di cambi non portano praticamente a nulla. ARBITRO Cudini di Fermo 6 Sceglie la via della clemenza quando deve giudicare la gravità dei falli e ne esce una partita senza cartellini gialli. Sicuramente da accertare l’effettiva irregolarità dell’azione che porta al rigore per il Milan. Lascia qualche dubbio.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400