Cerca

Primavera 1

Milan-Napoli: Cioffi e D'Agostino aprono la crisi rossonera, Chaka Traore non basta al Diavolo

La squadra di Giunti cade sotto i colpo dei partenopei; cinque gare e nessuna vittoria, e adesso la classifica comincia a fare paura

Milan-Napoli Primavera 1

I due capitani agli ordini del direttore di gara Turrini, sezione di Firenze

Se all'inizio si poteva anche dire "diamogli tempo", adesso comincia a essere dura. Alla quinta giornata di campionato il Milan non ha ancora vinto nemmeno una partita: ha sempre subito gol (siamo a 8) ed è andata in vantaggio solo una volta, alla "prima" contro il Sassuolo. Quella contro il Napoli sarebbe dovuta essere la partita della rinascita, e invece è il match che apre la crisi per i ragazzi di Federico Giunti: volenterosi sicuramente, ma altrettanto ingenui in un secondo tempo in cui gli attaccanti del Napoli vanno a nozze con gli spazi lasciati da una fase difensiva assolutamente rivedibile. Finisce 2-1 per Frustalupi, storico vice di Mazzarri, che incarta il Diavolo al Vismara con due ripartenze e una fase di contenimento perfetta nonostante un finale in cui il Milan la riapre con Traore. Ottimo l'ingresso in campo dell'ex Parma, ma comunque non sufficiente per completare la rimonta.

Buone intenzioni. La trama della gara racconta di un Milan che fa la partita e di un Napoli che crea le occasioni. I rossoneri ci mettono voglia e intenzioni, ma i partenopei si chiudono bene e non rinunciano a colpire. E così, se il gioco e la percentuale di possesso palla sorriderebbe ai ragazzi di Federico Giunti, la realtà parla di un Napoli due volte vicino al gol nella prima parte del primo tempo: prima con Amrbosino (5') che calcia sull'esterno della rete da poisizione defilata, poi con Cioffi (16') che si stema la palla sul destro dai 20 metri allargando un po' troppo la conclusione. La supremazia dei padroni di casa si evidenzia finalmente al 24' quando Rossi di testa ha l'occasione giusta sul cross teso di Bozzolan da sinistra ma il suo colpo di testa perentorio finisce alto. Sembra l'episodio che può far girare la partita per il Milan, e invece in poco tempo tutto torna come prima: al 26' infatti arriva un'altra ghiotta occasione per il Napoli, con Cioffi che strozza troppo il destro dopo la gran discesa di Di Dona sulla destra, nessun problema per Desplanches. Piano piano le certezze - e la buona volontà - dei rossoneri si sgretolano, e il Napoli esce in tutta la sua dirompenza: con Ambrosino che sfrutta un errore di Di Gesù involandosi fino all'area di rigore (Bosisio salva tutto), poi con Spavone che colpisce una traversa clamorosa dopo un uno-due al limite dell'area con Ambrosino.

Cattivi risultati. Se nel primo tempo almeno le buone intenzioni erano evidenti, nella ripresa il Milan perde anche quelle e va sott'acqua. Bravo il Napoli a chiudere ogni spigolo del campo e a colpire appena possibile, sfruttando le proprie qualità in ripartenza ma anche il posizionamento scriteriato della difesa rossonera. La gara si sblocca al 15' della ripresa: Ambrosino, da pochi metri prima del centrocampo, imbuca in verticale per Cioffi che si invola e batte Desplanches dopo 40 metri di corsa in solitaria. Difesa troppo alta quella del Diavolo, e tutto troppo facile per i due attaccanti di un Napoli che cinque minuti dopo trova pure il raddoppio: altra palla in verticale sulla quale si fionda Ambrosino, Makengo è fuori posizione, Tolomello e Bosisio vengono tagliati fuori dal movimento dell'attaccante e il 2-0 è servito. Giunti, che aveva mandato in campo Makengo per Obaretin (ammonito), Kerkez per Bozzolan (positivo ma stanco) e poi Tolomello per Gala, si gioca anche la doppia carta Gabriele Alesi-Chaka Traore. La mossa dà i suoi frutti perché il Milan ha un sussulto d'orgoglio, con l'ex Parma assoluto protagonista: al 30' l'ivoriano chiede un rigore (sacrosanto) per un intervento fuori tempo di Barba, poi la riapre con un destro chirurgico raccogliendo una palla vagante dopo il colpo di testa di Coubis rimpallato da Hysaj. Il tempo per pareggiarla ci sarebbe, ma le occasioni no con Idasiak che deve gestire giusto un paio di uscite alte. Vince il Napoli, ed è crisi Milan.

IL TABELLINO

MILAN-NAPOLI 1-2
RETI (0-2, 1-2): 15' st Cioffi (N), 20' st Ambrosino (N), 32' st Traore (M).
MILAN (4-3-3): Desplanches 6, Coubis 6.5, Bosisio 5.5, Obaretin 5.5 (8' st Makengo 5.5), Bozzolan 6 (8' st Kerkez 6), Robotti 5.5, Di Gesù 5 (18' st Tolomello 5.5), Gala 5.5 (25' st Alesi 6), El Hilali 5 (25' st Traore 7), Rossi 6, Capone 5.5. A disp. Nava, Pseftis, Foglio, Bright, Incorvaia, Roback, Amore. All. Giunti 5.
NAPOLI (3-4-2-1): Idasiak 6, Barba 6.5, Hysaj 6, Costanzo 6.5, Di Dona 6.5, Saco 6.5 (39' st Toure sv), Spavone 6.5, De Marco 6 (39' st Giannini sv), D'Agostino 7 (22' st Gioielli 6), Cioffi 7.5 (33' st Mercurio sv), Ambrosino 8 (22' st Marranzino 6). A disp. Boffelli, Manè, Marchisano, Pesce. All. Frustalupi 7.
ARBITRO: Turrini di Firenze 5.5.
ASSISTENTI: Linari di Firenze e Lisi di Firenze.
AMMONITI: D'Agostino (N), Saco (N), Obaretin (M).

LE PAGELLE

MILAN
Desplanches 6 Niente da fare su Cioffi e Amrbosino, che gli arrivano davanti in totale libertà. Per il resto il Napoli calcia pochissimo verso la sua porta.
Coubis 6.5 Contiene bene De Marco e trova il tempo per spingere, da un suo colpo di testa rimpallato nasce il gol che accende le speranze finali.
Bosisio 5.5 Una grande chiusura nel primo tempo su Ambrosino, poi però crolla insieme a tutta la linea difensiva sui due gol del Napoli.
Obaretin 5.5 Finché sta in campo il Milan non prende gol, ma comunque balla terribilmente. Ambrosino lo fa impazzire, e lo costringe pure a spendere un cartellino giallo.
8' st Makengo 5.5 Appena entra succede il patatrac. Sul secondo gol è fuori posizione, si rifà parzialmente buttando in area di rigore il cross dell'azione che si tramuta nel 2-1.
Bozzolan 6 Nella ripresa va subito in apnea, ma nel primo tempo è uno dei più propositivi. Bello il cross che mette sulla testa di Rossi al 24' del primo tempo. (8' st Kerkez 6).
Di Gesù 5 Vertice basso del centrocampo, esperimento fallito. Si abbassa per provare a far girare il gioco, ma il ritmo è troppo compassato e in più perde un pallone sanguinoso che spalanca la porta ad Ambrosino. (18' st Tolomello 5.5).
Gala 5.5 Ci prova, questo è sicuro. Va premiato l'impegno ma alla fine non riesce a creare molto e nemmeno a fare da filtro. (25' st Alesi 6).
Robotti 5.5 Come Gala, si sbatte ma alla resa dei conti il saldo è negativo.
El Hilali 5 Mai veramente in partita, parte da destra ma non trova la giusta intesa con Rossi. Ha il merito di liberare qualche spazio per Coubis, ma stavolta è troppo poco.
25' st Traore 7 Ingresso elettrizzante il suo. Si procura un rigore che non gli viene concesso, poi da vero rapace insacca il 2-1 che riaccende la partita. Anche un colpo di tacco delizioso, serviva prima.
Rossi 6 Il Milan tiene palla ma di vere occasioni non ne crea, se non la sua con un colpo di testa potente che termina a lato di poco. Mezzo voto in più perché è l'azione più pericolosa del primo tempo.
Capone 5.5 Qualche sprazzo, ma è più fumo che arrosto.
All. Giunti 5 Partita da dimenticare. Prestazione difensiva difficile da spiegare, così come la scelta iniziale di Di Gesù centrale e Gala mezzala. Riaccende la squadra mettendo Alesi e Traore, ma sono gli ultimi due cambi che fa. Serve una scossa, e in fretta.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400