Cerca

Primavera 1

Genoa-Torino: show di Zanetti (doppietta) reso innocuo dal rigore al 90' di Besaggio, tra rossoblù e granata finisce 2-2

Buona prestazione dei ragazzi di Coppitelli che vanno in vantaggio due volte, facendosi rimontare da un Grifone che si salva in extremis grazie alle giocate di Accornero e del 10

Genoa-Torino Primavera 1

I due capitani e lo scambio dei gagliardetti

Andare in vetta. Questo l'obiettivo comune di Genoa e Torino, affrontatesi sul terreno di gioco dello Stadio Begato 9: da un lato il Grifone cerca i 3 punti per issarsi da solo in testa alla graduatoria, dall'altro l'obiettivo per il Toro è quello di vincere per agganciare la cima della classifica. In questo big-match i due allenatori si affidano alle proprie sicurezze: Chiappino sceglie il classico 3-4-2-1 con il trio difensivo Boci-Marcandalli-Gjini; Coppitelli risponde con la difesa a 4 e con Garbett alle spalle del tandm Rosa (fresco di convocazione in Nazionale) e Baeten. Finisce 2-2, con il Toro che si porta due volte in vantaggio e che viene raggiunto in entrambe le occasioni da Michele Besaggio, che su rigore all'ultimo minuto salva la formazione rossoblù dal ko.

Genoa sprecone, Torino corsaro. Parte subito forte il Genoa, con un baricentro alto che sorprende gli ospiti. Primo quarto d'ora totalmente a tinte rossoblù, con una miriade di occasioni prodotte. Al minuto numero 8 è Accornero a provarci, sfruttando una bella sponda di Bamba, con un destro che sfiora alla sinistra del palo difeso da Milan. Non passa molto tempo e stavolta il pericolo per il Torino inizia a farsi più importante (13'): palla in verticale di Boci per Besaggio sulla corsia di destra, il 10 entra in area trovano però l'intervento in scivolata di Anton; sugli sviluppi prima la difesa granata risolve dopo un tocco di testa di Marcandalli, e sul secondo calcio d'angolo consecutivo Bolcano impatta facendo tremare la traversa. Gli uomini di Chiappino spingono e mettono alle corde il Toro, e al 18' sprecano malamente con Bamba: ancora Besaggio vola a sinistra, vede il buco centrale lasciato da Anton e imbuca per Bamba: il classe '03 avanza ma, solo davanti all'estremo difensore ospite, mette clamorosamente fuori. Spreconi dunque gli 11 rossoblu, con diverse occasioni da rete mal gestite. E alla fine, la dura legge del calcio non lascia scampo: gol mangiato, gol subito. Stenio Zanetti Toledo si accende, e il Torino si accende. Minuto 19: fa tutto da solo il numero 33 granata, ne salta un paio ed entra in area, scambia nello stretto con Di Marco arrivando a tu per tuto con Mitrovic. Davanti al portiere, Zanetti non sbaglia e di punta infila trovando la rete del vantaggio. Sbloccatosi il risultato, il leit-motiv della partita muta, con il Toro che continua a spingere sfruttando la verve del brasiliano; Genoa che invece si abbassa troppo lasciando ampi spazi tra i reparti, soprattutto tra difesa e centrocampo. Allo scoccare della mezz'ora arriva infatti la grande occasione per il raddoppio ospite: triangolazione in velocità tra Zanetti e Garbett, con la palla che termina in area per Baeten, il quale calcia ma trova la pronta risposta di Mitrovic che chiude la porta in faccia al belga. Liguri che provano a risorgere nel finale, prima con Gjini (32'): azione in velocità tra Boci e Accornero, il quale premia la sovrapposizione di Gjini, che entra in area e calcia ma lo fa debolmente e la palla si spegne tra le braccia di Milan; poi con Bamba, ben contenuto però durante tutta la partita da Anton (39'): Magliocca si attiva a destra e sterza su Angori (in ombra oggi), mette dentro a cercare Bamba, che prende il tempo ma mette di testa alto sopra la traversa. Prima del duplice fischio sono però i Torelli ad avere la grandissima opportunità dello 0-2 (40'): rimpallo sul lato destro dell'area di rigore vinto da Rosa, il granata avanza e calcia fortissimo sul primo palo trovando prima la deviazione di Mitrovic e poi il rimpallo sfortunato del palo. Prima frazione che si chiude dunque 0-1, con una prima parte totalmente a comando del Grifone e con un Torino corsaro nelle occasioni avute. 

Bessaggio salva il Genoa e riprende Zanetti. Nella ripresa Coppitelli toglie immediatamente i due peggiori in campo, Pagani e Garbett, facendo entrare Della Valle e Maugeri. Le scelte del tecnico non si rivelano però azzeccatissime, almeno inizialmente, con un Toro che si abbassa troppo e che lascia troppo campo ai padroni di casa. In pochi minuti il Grifone mette alle corde i piemontesi: al 3' è Boci a provarci che, dopo l'azione personale di Accornero, viene servito da Besaggio, calcia da dentro l'area trovando la respinta in angolo di Milan; al 6' è il solito 10 rossoblu a spaventare gli ospiti: Accornero lancia lungo per Besaggio, che sorprende Angori, lo punta, e calcia forte con il pallone che termina sull'esterno della rete. la prova generale del pari arriva al poco dopo il primo quarto di secondo tempo (18'): Bamba premia la sovrapposizione a destra di Magliocca, il quale fa partire un tiro cross che bacia la traversa. Torino alle corde e spalti del Begato 9 che esultano al 19': si accende come sempre Accornero, va via a destra e mette dentro dove Besaggio, sfruttando un errore di Milan (ostacolato dal suo difensore), ci mette il piede e gonfia la rete trovando il gol dell'1-1. Partita che diventa più maschia con il ritmo che si abbassa notevolmente e con il Torino che riesce a chiudere bene le idee del Genoa. Entrambi gli allenatori provano a cambiare il corso del match con una doppia sostituzione nel giro di poco: Coppitelli si affida a Akhalaia e La Marca per Baeten e Rosa, mentre il suo avversario pesca dalla panchina Sahli e Dellepiane per rilevare Bamba e Magliocca. I cambi ridanno maggiore vigore ai sabaudi, che improvvisamente staccano il Genoa e si portano avanti (33'): Stenio si accende e manda tutti in fibrillazione. Il verdeoro recupera palla sul limite dell'area, dopo un rimpallo che aveva favorito il neo entrato Akhalaia, salta un uomo e indisturbato calcia dal limite facendo partire un destro che si infila alla destra di Mitrovic. Gran gol quello di Zanetti che, partita dopo partita, si sta dimostrando totalmente di un'altra categoria. Gli 11 di Chiappino iniziano a sentire la pressione del tempo che scorre e cercano in ogni modo di evitare la seconda consecutiva in casa: al 35' doppia occasione, prima con Besaggio che viene murato dal solito Reali, e successivamente con Dellepiane che si avventa sulla ribattuta ma calcia ampiamente a lato. Non senza difficoltà il Torino resiste, ma lo fa solo sino al 45esimo, dimostrandosi ancora una volta immaturo: tocco morbido di Accornero dal limite a cercare Bornosuzov, sul quale si avventa però il neo subentrato Giorcelli che tocca con un braccio (secondo l'arbitro). Il signor Andreano di Prato non ha dubbi e indica il dischetto: dagli 11 metri si presenta Besaggio che calcia perfettamente e non sbaglia. Rossoblù che avrebbero anche l'opportunità di vincerla, con Gjini che al 49' impatta di testa costringendo Milan al gradissimo intervento salva-risultato. 

IL TABELLINO

GENOA-TORINO 2-2
RETI (0-1, 1-1, 1-2, 2-2):
18' Zanetti (T), 19' st Besaggio (G), 32' st Zanetti (T), 46' st rig. Besaggio (G).
GENOA (3-4-2-1): Mitrovic 6.5, Boci 6.5, Marcandalli 5 (44' st Bornosuzov sv), Gjini 6.5, Bolcano 6, Magliocca 5.5 (24' st Dellepiane 6), Sadiku 5.5, Palella 5 (44' st Biaggi sv), Accornero 7, Besaggio 7.5, Bamba 5.5 (30' st Sahli sv). A disp. Corci, Ascioti, Cagia, Le Mura, Ghigliotti, Boiga, Parodi. All. Chiappino 6.
TORINO (4-3-1-2): Milan 7, Pagani 5 (1' st Della Valle 6), Reali 7, Anton 6.5, Angori 5.5, Di Marco 6.5 (39' st Giorcelli sv), Savini 5.5, Zanetti 8.5, Garbett 5 (1' st Maugeri 6), Rosa 6 (31' st La Marca sv), Baeten 5 (25' st Akhalaia 6). A disp. Vismara, Amadori, Barbieri, Chiarlone, Lindkvist, Antolini, Caccavo. All. Coppitelli 7.
ARBITRO: Andreano di Prato 5.
ASSISTENTI: Renzullo di Torre del Greco e Taverna di Bergamo.
AMMONITI: Maugeri (T), Rosa (T), Reali (T), Accornero (G), Palella (G), Magliocca (G).

LE PAGELLE 

GENOA

Mitrovic 6.5 Non può nulla sulle due marcature di Stenio, ma quando deve salvare il risultato lo fa sempre molto bene come quando al minuto 29 del primo tempo evita il gol dello 0-2 di Baeten. 

Boci 6.5 Fa venire il mal di testa a Pagani, scambiando diverse volte con Besaggio. Dalle sue discese sulla corsia nascono la maggior parte delle occasioni del Genoa. Mezzo punto in meno per qualche piccolo affanno difensivo, come in occasione del palo colpito da Rosa. 

Marcandalli 5 Fatica un pò di più rispetto ai suoi compagni di reparto, andando spesso in sofferenza sulle giocate di Zanetti e risultando colpevole sul primo gol. (44' st Bornosuzov sv).

Gjini 6.5 Bella partita del braccetto di destra rossoblu, bravo a metterci la pezza diverse volte. Si fa vedere anche davanti, dove però spreca tutto calciando in bocca a Milan a tu per tu. 

Bolcano 6 Non una partita stratosferica quella dell'esterno genoano, che fatica a tenere alto il baricentro. Riesce però a rendersi pericoloso in apertura, quando è solo la traversa (13') ad evitare la sua gioia personale. 

Magliocca 5.5 Così così la partita del laterale di Chiappino, anche lui spesso in difficoltà sulle giocate di Zanetti. Sfiora la traversa, ma è una piccola luca in mezzo a tanto buio.

24' st Dellepiane 6 Entra e fa quello che gli chiede il suo allenatore, andando a rallentare la velocità del 33 ospite. Prova la conclusione nell'arrembaggio finale, ma calcia a lato.  

Sadiku 5.5 Lotta in mezzo al campo, ma si vede veramente poco. Non riesce a illuminare per i suoi attaccanti e rischia in più di un'occasione. 

Palella 5 Soffre tremendamente la verve fuori dall'ordinario di Zanetti e le giocate in velocità del Toro. Rimedia anche un cartellino giallo e non si dimostra particolarmente in giornata: si abbassa troppo e non riesce a gestire i giusti tempi di gioco. (44' st Biaggi sv).

Accornero 7 E' in forma e lo si vede. Dai suoi piedi, e da quelli del suo compagno di reparto nascono le azioni più pericolose. E' lui che conquista il calcio di rigore decisivo all'ultimo istante ed è sempre lui a innescare Besaggio in occasione della rete dell'1-1. 

Besaggio 7.5 Partita meravigliosa quella del 10 del Grifone, che sfrutta le giocate ispiratrici di Accornero e trafigge due volte Milan. Freddo in occasione del tiro dal dischetto, con una palla che aveva il peso di una palla medica. 

Bamba 5.5 Pronti, via e ruba la palla ad Anton redendosi pericoloso. Da quel momento in poi scompare dalla partita, ben contenuto dallo stesso Anton e da Reali: nel primo tempo avrebbe l'occasione per sbloccare il risultato, ma davanti a Milan calcia clamorosamente a lato. (31' st Sahli sv).

All. Chiappino 6 Evita la seconda sconfitta consecutiva in casa rimanendo in vetta. Genoa bello a metà, che si rispecchia troppo e sciupa veramente tanto: a forza di tirare prima o poi la corda rischia di spezzarsi. Occorre maggiore vena realizzativa. 

TORINO

Milan 7 Anche lui è esente da colpe su entrambe le marcature di Besaggio. Ma quando è chiamato in causa, lui c'è: provvidenziale nel finale a salvare sul colpo di testa a botta sicura di Gjini. Piccolo errore sul gol dell'1-1, ma poco conta nel complesso della sua prestazione. 

Pagani 5 Ancora malino il terzino destro di Coppitelli. Soffre da paura la velocità di Boci e la qualità di Accornero, deve dimenticare queste brutte prestazioni recenti. Può fare molto di più. Esce alla fine del primo tempo.

Anton 6.5 Passano una manciata di secondi e rischia di combinare la frittata perdendo palla in uscita e lanciando in porta Bamba. Passato il pericolo, la prestazione del difensore cresce e diventa uno dei migliori in campo chiudendo la difesa a doppia mandata. 

Reali 7 Prestazione superba del centralone del Toro. Salva il salvabile, e forse anche di più. Sarebbe il migliore in campo, se solo nella sua squadra non giocasse un extraterrestre del Brasile. 

Angori 5.5 Non la miglior versione dell'Angori che siamo abituati a vedere. Rimane troppo basso e non è precisissimo in fase difensiva: deve ritrovare immediatamente brillantezza, perchè la sua qualità è sin troppo importante per questo Torino.  

1' st Della Valle 6 Si piazza a destra dell'out difensivo e protegge la porta. Un paio di volte si fa vedere davanti, prendendo anche il palo in pieno recupero che però viene vanificato dall'intervento dell'arbitro per posizione di fuorigioco. 

Di Marco 6.5 Ottima prestazione la sua, condita dall'assist del vantaggio a favore di Zanetti. Buona l'intesa con il 33 del Toro, dimostrando di avere ottime qualità oltre alla quantità. 

39' st Giorcelli sv Tanti, troppi dubbi sul fallo di mano che provoca il rigore del 2-2.

Savini 5.5 Capitan Savini lotta, e quello lo fa sempre. Sbaglia qualcosa e in fase difensiva e in fase di impostazione: non è la sua miglior prova in maglia granata. 

Zanetti 8.5 Questo è un fenomeno, senza giri di parole. Due gol, giocate favolose: è lui il centro del Torino. Di rapina il primo gol, meraviglioso il tiro dal limite nella seconda rete. Chapeau, e che futuro che ha davanti!

Garbett 5 Praticamente mai in partita, se non per una punizione al 17' che si spegne di poco sopra la traversa. Anche lui rimane in campo solo 45 minuti. 

1' st Maugeri 6 Fa il suo, senza eccedere.

Baeten 5 Male stavolta il belga, che rimane imbrigliato nella retroguardia di casa. Ha l'occasione per timbrare il cartellino, ma si fa ipnotizzare da Mitrovic. 

25' st Akhalaia 6 Entra bene, dando freschezza al reparto offensivo. 

Rosa 6 Sufficienza risicata per l'attaccante del Torino che ha appena assaporato il gusto della Nazionale Azzurra. Si muove tanto, non sempre benissimo. Colpisce il palo al 40', dopo essere stato bravo a crearsi praticamente da solo la chanche. (31' st La Marca sv).

All. Coppitelli 7 Sfiora il colpo grosso contro la seconda in classifica, e solo l'arbitro glielo nega. Con un Zanetti così sognar non costa nulla. 

ARBITRO
Andreano di Prato 5
Fa tutto molto bene fino al 45', poi si inventa il rigore per il Genoa. Errore grosso, in una partita comunque ben gestita, che condiziona nettamente la prestazione complessiva. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400