Cerca

Juventus-Sampdoria Primavera 1

I due capitani e lo scambio dei gagliardetti

Primavera 1

Juventus-Sampdoria: Senko ipnotizza Di Stefano dal dischetto, Strijdonck segna allo scadere e Bonatti si gode tre punti fondamentali

Ospiti bene il primo tempo poi è assedio Juve: due legni di Maressa e Savona prima del gol decisivo dell'olandese classe 2004

Dai sei gol presi senza vincere in tre partite ad un tris di vittorie con appena un rete subita. La Juventus di Andrea Bonatti ha invertito la rotta e lo ha fatto in grande stile rimettendosi in carreggiata in campionato nelle gare con Inter e ora Sampdoria oltre alla vittoria di assoluto prestigio per 3-1 contro il Chelsea. Come detto, questa volta è la Samp di Felice Tufano a farne le spese con il rigore parato da Senko su Di Stefano e la rete di Strijdonck al 90' del definitivo 1-0. Bonatti opta per un 4-3-1-2 con Senko tra i pali, Savona e Mulazzi larghi con la coppia centrale Fiumanò-Nzouango. A centrocampo Maressa, autore del gol in Prima Squadra in amichevole contro l'Alessandria, Omic in regia e Turicchia ad interpretare il ruolo di mezzala. Bonetti trequartista con Turco e Hasa tandem d'attacco. Per Felice Tufano invece si tratta di un 3-4-3 che vede in porta Esposito, difesa a tre con Mane-Aquino-Bonfanti, Migliardi e Somma esterni mentre Paoletti e Bontempi ad abbinare qualità e quantità a centrocampo. Di Stefano da un parte e Pozzato dall'altra supportano la punta centrale Polli.

Samp propositiva, poche emozioni. A Vinovo partono meglio gli ospiti con un tiro al 21' di Di Stefano alto dopo un'ottima uscita di Senko su Bontempi e una conclusione al 25' targata Polli sventata però dalla deviazione di Nzouango. La gara però regala poche emozioni, tanta intensità, Sampdoria più propositiva mentre la Juventus preferisce attaccare in contropiede. Verso la mezz'ora un colpo di testa impreciso di Nzouango spaventa Esposito, mai seriamente impegnato. Si rivedono i liguri con Aquino e Di Stefano rispettivamente con un destro sopra la traversa e un tiro centrale. A creare maggiori preoccupazioni alla Juventus è proprio Di Stefano, molto abile a dribblare e andare al tiro così come a dialogare con i compagni.

La Juve cresce e la vince. La ripresa è fortemente a tinte bianconere. Al secondo minuto Maressa tutto solo di testa manda la palla sul palo, due giri di lancette più tardi tocca ad Hasa che non trova la porta per questione di centimetri dopo una deviazione della difesa. Bonatti capisce che è il momento buono e prova con Galante al posto di uno spento Bonatti. Al 16' altro legno bianconero, stavolta Savona che prova il più improbabile dei tiri da fuori che se non fosse per deviazione di Esposito staremmo parlando del gol del mese. Come se non bastasse la parata dell'estremo difensore, la sfera batte anche sulla traversa prima di tornare in campo. La partita diventa persto un assedio: Maressa a tu per tu con Esposito si fa murare la conclusione, l'azione dopo è nuovamente chiamato al miracolo il portiere di Tufano che si allunga e mette in corner il bel tiro di Turco. Episodio chiave alla mezz'ora con Hasa che mette giù Leonardi, l'arbitro non ci pensa due volte e assegna il rigore anche se c'è da dire che il fallo si era consumato fuori dall'area di rigore. Senko però oggi è insuperabile e anche un rigore ben tirato da Di Stefano non riesce a trafiggerlo, rigore respinto e ribattuta bloccata. Da lì Bonatti capisce che può e deve vincere questa partita e fa entrare Iling-Junior, Hasa e qualche minuto dopo anche Strijdonck. Proprio l'olandaese classe 2004 si inventa la giocata del pomeriggio con un dribbling in area e un tiro potente che trafigge Esposito e fa scatenare la gioia in tribuna e in campo. Tutta la panchina entra in campo, scene di festa che Bonatti ammette a fine partita di essere orgoglioso di questo gruppo. Mancano solo quattro minuti di recupero, la Sampdoria prova a spingere ma il risultato non si schioda più.

IL TABELLINO


JUVENTUS-SAMPDORIA 1-0
RETI: 45' st Strijdonck.
JUVENTUS (4-3-1-2): Senko 7.5; Savona 6.5, Fiumanò 6.5 (1' st Dellavalle 6), Nzouango 7, Mulazzi 5.5; Maressa 5.5, Omic 7, Turicchia 5.5 (31' st Iling 6); Bonetti 5.5 (13' st Galante 6); Turco 5.5 (41' st Strijdonck 7.5), Hasa 6.5 (31' st Sekularac 6). A disp. Scaglia, Citi, Rouhi, Doratiotto, Cerri, Ledonne, Mbangula. All. Bonatti 7. 
SAMPDORIA (3-4-3): Esposito 7; Mane 6.5, Aquino 6, Bonfanti 6; Migliardi 6, Paoletti 6, Bontempi 6 (18' st Chilafi 6), Somma 5.5 (33' st Bianchi sv); Pozzato 6, Di Stefano 6.5 (43' st Montevago sv), Polli 5.5 (18' st Leonardi 6.5). A disp. Tantalocchi, Samotti, Napoli, Dolcini, Perego, Porcu, Lia, Poli. All. Tufano 6. 
ARBITRO: Perenzoni di Rovereto 5.
ASSISTENTI: Renzullo di Torre del Greco e Taverna di Bergamo
AMMONITI: Bontempi, Paoletti (S), Turco (J).

PAGELLE

JUVENTUS
Senko 7.5 Partita superlativa dell'estremo difensore ungherese, il rigore parato è la ciliegina sulla torta di una gara già di per sé spettacolare.
Savona 6.5 Cresce di partita in partita, sfiora il super gol con un tiro dalla distanza destinato all'incrocio ma deviato prima dal portiere e poi dalla traversa.
Fiumanò 6.5 Torna dopo mesi di inattività da titolare con un primo tempo di assoluto livello.
1' st Dellavalle 6.5 Come a Bergamo entra bene e difende con sostanza.
Nzouango 7 Protagonista della retroguardia, attento e concentrato per tutti i novanta minuti.
Mulazzi 5.5 Ci si aspetta di più da lui, partita sottotono, solo una bella serpentina ad inizio ripresa.
Maressa 5.5 Potevano costare tanto gli errori sul palo e davanti ad Esposito, ha talento e qualità, oggi troppo imprecso.
Omic 7 Sempre e comunque tra i migliori, un leader in mezzo al campo, non sbaglia un passaggio.
Turicchia 5.5 Sbaglia fin troppi appoggi e passaggi semplici, esce alla mezz'ora della ripresa.
31' st Iling 6 Prova a are il suo contributo nel quarto d'ora rimasto.
Bonetti 5.5 Assente dal gioco, migliora però nella ripresa con qualche pallone recuperato.
13' st Galante 6 Aumenta i giri del motore dell'attacco bianconero.
Turco 5.5 Contropiedi sprecati e qualche errore di troppo, non la sua miglior prestazione.
41' st Strijdonck 7.5 Match-winner, entra e segna, difficile chiedere di più.
Hasa 6.5 L'attacco rimane in vita grazie alla sua iperattività, ci prova da ogni posizione.
31' st Sekularac 6 Dà il massimo per mandare un segnale e trovare la rete del vantaggio.
Bonatti 7 I suoi meritano la vittoria che arriva grazie anche alla sua intuizione di inserire Strijdonck. Tre vittorie di fila che danno morale e punti.

SAMPDORIA
Esposito 7 Più di qualche intervento provvidenziale, tiene a galla i suoi fino al gol beffa di Strijdonck dove non può nulla.
Mane 6.5 Sottoetà solo sulla distinta, disputa una grande partita di carattere.
Aquino 6 Spirito del capitano, tanta cattiveria agonistica e sostanza in fase di copertura.
Bonfanti 6 Si muove bene e lo fa con tanta intelligenza, gara positiva.
Migliardi 6 Si propone spesso in fase offensiva, abile a fare le due fasi.
Paoletti 6 Per lui non è stata una partita facile, ma riesce comunque a disimpegnarsi.
Bontempi 6 Funge da metronomo del centrocampo, attento e talvolta pericoloso.
18' st Chilafi 6 Prova a dare il suo contributo anche se la partita non lo permette.
Somma 5.5 Parte bene, via via diventa sempre meno incisivo. (33' st Bianchi sv)
Pozzato 6 Si adatta ai ritmi della gara, l'ultimo a mollare.
Di Stefano 6.5 L'unico neo in tutta la partita è il rigore sbagliato che calcia anche bene, poteva essere tranquillamente il migliore in campo. (43' st Montevago sv)
Polli 5.5 Non riesce ad incidere, solo qualche lampo nella prima frazione.
18' st Leonardi 6.5 Ingresso di qualità, semina il panico tra la retroguardia bianconera.
All. Tufano 6 Il gol arrivato all'ultimo sa di beffa, era tanto vicino ad un grande colpo in terra nemica.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400