Cerca

Atalanta-Roma Primavera 1

I capitani Simone Panada e Raul Morichelli e il sorteggio agli ordini di Gualtieri della sezione di Asti

Primavera 1

Atalanta-Roma: Dea, sconfitta pesante a Zingonia; Voelkerling ci ha preso gusto, Cherubini e Pagano la chiudono

La capolista si impone con un netto 3-0 e prosegue la propria marcia in vetta alla classifica. Per gli orobici, dopo la sconfitta contro il Napoli, arriva un altro ko

La Roma c'è, eccome se c'è. L'Atalanta no. Il verdetto dell'anticipo della 7ª giornata è impietoso: la capolista se ne va, mantiene l'imbattibilità in campionato e a Zingonia dà vita a una vera e propria prova di forza; la Dea, dopo il ko col Napoli, cade anche contro la corazzata di Alberto De Rossi e continua a scivolare in classifica vedendo allontanarsi la zona playoff. A firmare lo scalpo degli orobici sono Cristian Volpato con i suoi assist e i due attaccanti della Roma con i gol: Joel Persson Voelkerling, al terzo consecutivo, e Luigi Cherubini, classe 2004 all'esordio da titolare con la formazione Primavera. A gara compromessa, la firma di Riccardo Pagano che chiude con il 3-0 finale.

Roma matura. L'Atalanta parte bene, sembra poter tenere bene il campo contro la prima della classe ma latita quando c'è da arrivare al dunque. Al contrario, la Roma punta meno sul possesso palla ma se deve fare male colpisce. Merito di un centrocampo (Faticanti-Tahirovic) che non lascia ossigeno a Sidibe e di un Volpato ancora una volta ispiratissimo. È proprio il numero 10 romanista a far girare la partita quando, al 17', si inventa un filtrante che mette Voelkerling a tu per tu con il portiere: Dajcar esce con il tempo sbagliato, l'attaccante lo anticipa e firma l'1-0. L'Atalanta prova a continuare sui binari della propositività, e stavolta affacciandosi anche dalle parti di Mastrantonio. L'occasione migliore per la Dea arriva al 25': il portiere giallorosso smanaccia un traversone lungo di Panada, Oliveri tocca per De Nipoti che si gira mettendosi la palla sul sinistro ma il portiere devia con l'aiuto di Keramitsis. Quando però la pressione orobica sale (colpo di testa alto di Sidibe su cross di Oliveri al 30'), la Roma colpisce in contropiede: azione da destra di Volpato per Voelkerling con quest'ultimo che calcia a lato da buona posizione (34'), un minuto dopo sponda aerea di Faticanti per Cherubini la cui rovesciata velleitaria viene controllata agevolmente da Dajcar (35'). Sul finire di tempo, la partita definisce ufficialmente la sua struttura. Al 38' infatti l'Atalanta ha la palla buona per il pareggio, ma Mastrantonio sfodera un miracolo sul colpo ravvicinato di Omar dopo il colpo di testa di Berto su corner dalla destra di Oliveri. Rovesciamento di fronte e raddoppio della Roma: Dajcar para su Voelkerling, Cherubini raccoglie il pallone a centro-area e fulmina il portiere avversario con il destro del 2-0.

Atalanta addormentata. Brambilla nell'intervallo ridisegna il centrocampo con Giovane al posto di Panada e con il dirottamento di Zuccon nel ruolo di vertice basso. Cambia poco, quasi niente. L'Atalanta tiene il possesso palla, ma di occasioni vere e proprie non ne arrivano. Oliveri, sempre lui, ci prova con un calcio di punizione da posizione laterale ma la palla sfila sopra la traversa (3'). La differenza con il primo tempo sta nel fatto che la Roma rimane compatta, ma stavolta non colpisce nell'area avversaria. Brambilla allora prova ad alzare il baricentro cambiando sistema di gioco e passando alla difesa a quattro al 23' con Lozza al posto di Del Lungo, ma nemmeno questa mossa dà gli effetti sperati tant'è che l'unica conclusione nello specchio della porta avversaria arriva al 30' con un mancino a girare da fuori area di Giovane controllato da Mastrantonio. La spinta dell'Atalanta va in calando, anche De Rossi attinge dalla panchina e nei minuti di recupero arriva il terzo gol: Volpato si diletta con un altro assist, il subentrato Riccardo Pagano chiude il contropiede firmando il 3-0 con il suo primo gol con la Primavera dopo i 5 messi a segno con l'Under 18.

IL TABELLINO

ATALANTA-ROMA 0-3
RETI:
17' Voelkerling (R), 40' Cherubini (R), 47' st Pagano (R).
ATALANTA (3-5-2): Dajcar 5, Del Lungo 5.5 (23' st Lozza 5.5), Berto 5, Ceresoli 5.5, Oliveri 6.5, Sidibe 5 (17' st Mediero 5), Panada 5 (1' st Giovane 6), Zuccon 5.5, Renault 6 (36' st Bernasconi sv), Omar 5, De Nipoti 5.5 (36' st Pagani sv). A disp. Sassi, Hecko, Guerini, Chiwisa, Fisic, Regonesi. All. Brambilla 5.
ROMA (3-4-1-2): Mastrantonio 7, Ndiaye 6.5, Morichelli 6.5, Keramitsis 6, Missori 6.5 (39' st Louakima sv), Faticanti 7, Tahirovic 6.5 (39' st Di Bartolo sv), Rocchetti 6, Volpato 8 (49' st Ngingi sv), Cherubini 7 (49' st Koffi sv), Voelkerling 7.5 (31' st Pagano 7). A disp. Berti, Del Bello, Dicorato, Bianchino, Verrengia, Falasca, Pisilli. All. De Rossi 7.
ARBITRO: Gualtieri di Asti 6.5.
ASSISTENTI: Caso di Nocera Inferiore e Torresan Bassano del Grappa.
AMMONITI: Panada (A), Giovane (A), Rocchetti (R).

LE PAGELLE

ATALANTA
Dajcar 5
Sbaglia completamente il tempo dell'uscita su Voelkerling, che lo anticipa firmando l'1-0. Poi deve addomesticare una rovesciata scolastica di Cherubini prima di capitolare nuovamente: respinge corto il tiro di Voelkerling e Cherubini insacca.
Del Lungo 5.5 Sul centro-destra, dovrebbe dare copertura a Oliveri e contemporaneamente spalleggiare Berto nella marcatura. Non spinge, e quando dalle sue parti arriva Cherubini va un po' in apnea. (23' st Lozza 5.5).
Berto 5 Inizialmente dirige le operazioni dalle retrovie ma si fa infilare dall'assist verticale di Volpato che manda in porta Voelkerling. Non solo, esce male in un paio di occasioni lasciando troppo libera l'area di rigore.
Ceresoli 5.5 Preso in mezzo come Berto in occasione dell'1-0, prova a rimediare dando una mano in fase offensiva ma non con i risultati di sempre.
Oliveri 6.5 Propensione offensiva naturale, presidia costantemente la trequarti avversaria costringendo Rocchetti sulla difensiva. Un ottimo assist per De Nipoti che il compagno non sfrutta a dovere e destro sempre pericoloso sui calci piazzati, come quello a inizio ripresa con il quale sfiora la traversa.
Sidibe 5 Si dismpegna in posizione ibrida, mezzala destra e trequartista, e prova a colpire con il suo solito colpo di testa in inserimento sui calci piazzati. Ha una sola occasione e manda altissimo, poi non si vede praticamente mai. (17' st Mediero 5).
Panada 5 In ritardo sulle chiusure difensiva e stavolta poco utile anche in fase di costruzione di gioco, che da sempre è il suo forte. Giornata storta per il capitano.
1' st Giovane 6 Dà un pizzico di ordine e fisicità in più, infatti nella ripresa l'Atalanta soffre molto di meno in fase difensiva (anche perché, va detto, la Roma sceglie di gestire). Va anche al tiro con un bel mancino a giro.
Zuccon 5.5 Invisibile in mediana, Faticanti gli nasconde il pallone e lui non riesce a dare una mano nemmeno in interdizione. Passa a vertice centrale nella ripresa, le cose migliorano ma solo parzialmente.
Renault 6 Comincia benissimo spingendo tanto a sinistra, poi a furia di tappare falle va un po' in difficoltà pure lui come quando rincorre inutilmente Voelkerling in occasione del 2-0. Nella ripresa fa la sua parte anche se la scossa non arriva. (36' st Bernasconi sv).
Omar 5 Rotea intorno a De Nipoti cercando di non dare punti di rifetimento ai difensori della Roma, si vede pochissimo e nell'unica palla gol che gli capita sbaglia da due passi.
De Nipoti 5.5 Ha la palla buona per l'1-1, si gira bene in mezzo all'area ma Mastrantonio e Keramitsis lo stoppano. Poi tanto sbattimento, buona volontà a non finire ma poche soluzioni. (36' st Pagani sv).
All. Brambilla 5 Sul possesso palla ci siamo, ma davanti manca più di qualcosa. Ha dalla sua il fatto che anche l'anno passato l'inizio non fu dei migliori, ma la squadra arrivò comunque fino alla finale. Questa è andata, ora resettare e testa al Manchester United.

ROMA
Mastrantonio 7 Entra in partita a metà ripresa smanacciando un tiro-cross di Panada ma soprattutto deviando la successiva conclusione mancina di De Nipoti. Ma il vero miracolo lo fa sulla conclusione ravvicinata di Omar: parata-capolavoro in un momento chiave del match.
Ndiaye 6.5 Omar gli fa il solletico. Non sempre preciso ma terribilmente concreto.
Morichelli 6.5 Ottimo sulle palle alte e non solo, guida una retroguardia che rischia solamente in un paio di occasioni.
Keramitsis 6 Tante buone cose ma anche qualche pasticcio, soffre quando Oliveri sfonda da destra ma tutto sommato regge bene l'urto dell'attacco atalantino.
Missori 6.5 Diligente a destra, gara prettamente di copertura visto che dalla sua parte c'è il sempre pericolosissimo Renault. (39' st Louakima sv).
Faticanti 7 Ottima prova, magari poco appariscente ma di grandissima sostanza.
Tahirovic 6.5 Con Faticanti chiude la cerniera in mediana, pesta i piedi a chiunque e si fa valere in fase di uscita con la palla (fa pure ammonire Panada). Rifornisce di palloni Volpato, che poi svolta la partita. (39' st Di Bartolo sv).
Rocchetti 6 Ha il compito più duro, contenere un Oliveri particolarmente ispirato in fase offensiva. Porta a casa la pelle senza particolari problemi.
Volpato 8 Come sempre sprazzi di alta classe, come in occasione della palla perfetta servita a Voelkerling che davanti al portiere non sbaglia. Dalla trequarti dispensa qualità che gli attaccanti non sprecano, come sul terzo gol di Pagano che ringrazia l'ennesima sua grande idea. (49' st Ngingi sv).
Cherubini 7 Dopo due ingressi dalla panchina, l'assenza di Afena Gyan (chiamato da Mourinho in prima squadra) gli regala la "prima" da titolare. All'inizio paga forse un po' di scotto per l'emozione, facendosi notare comunque per la sua vivacità, poi si scatena: prima con una rovesciata che Dajcar addomestica, poi con la stoccata del 2-0 che chiude di fatto la partita. (49' st Koffi sv).
Voelkerling 7.5 Si proietta con i tempi giusti sull'imbucata di Volpato a firma l'1-0. Dopo Pescara ed Empoli, "mata" anche l'Atalanta: terza partita consecutiva a segno, ci sta prendendo gusto.
31' st Pagano 7 Ci mette la firma con il gol del definitivo 3-0 nei minuti di recupero.
All. De Rossi 7 La capolista se ne va, e lo fa con una prova matura, potente e qualitativamente interessante. Compattezza massima, pochi rischi dietro e frecce importanti davanti che colpiscono quando devono.

ARBITRO
Gualtieri di Asti 6.5 Primo tempo perfetto, anche se facile. Ripresa tutto sommato tranquilla, sorvola colpevolmente solo su un intervento da giallo di Voelkerling su Ceresoli.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400