Cerca

Primavera 1

A 19 anni è a un passo dalla Serie A e nel giro della Nazionale: la scalata di Gioele Zacchi

Il classe 2003 modenese si sta prendendo la scena: ecco perché puntare su di lui

ap

Gioele Zacchi, portierone del Sassuolo e della Nazionale italiana

Nella vita ci sono poche, pochissime certezze. Una di queste riguarda il destino: incontrovertibile ma allo stesso tempo beffardo, tenebroso ma anche generoso, alle volte severo ma che sa essere anche ironico. Nel caso di Gioele Zacchi, portiere classe 2003 in forza al Sassuolo e nel giro della Nazionale Under 19, non ci sono dubbi: il destino ha parlato chiaro e l'ha fatto nel 2009 quando, alla tenera età di 6 anni, ha iniziato il proprio percorso calcistico al Val.sa Gold, realtà dilettantistica con sede a Monteveglio, provincia di Bologna. Tre legni e un pallone, quanto basta per raccontare la passione e la fame del classe 2003: i primi a formare pali e traverse di una porta, il secondo nemico numero uno dalla nascita. Il perché è quasi scontato, essendo da sempre un portiere il cui compito è fare in modo che il pallone non oltrepassi la linea di porta.

LA SCHEDA DI GIOELE ZACCHI

  • NOME: Gioele Zacchi
  • ANNO: 2003
  • RUOLO: Portiere
  • CARRIERA: Val.sa Gold, Sassuolo
  • PRESENZE 2021/2022: 11
  • MINUTI 2021/2022: 990
  • CLEAN SHEET 2021/2022: 3
  • MEDIA VOTO 2021/2022: 6.2

Amarcord: Gioele Zacchi in maglia Sassuolo

SCELTE

Da 8 anni a questa parte tale professione è esercitata nel segno di due colori: il nero e il verde, i colori sociali del Sassuolo. Difatti, dopo 5 stagioni passate a Monteveglio, la grande chiamata. Anzi, meglio dire le grandi chiamate visto il numero di squadre interessate al giovane portiere: ovviamente Sassuolo ma anche Reggiana, Parma, Bologna e Modena. Col senno di poi, mai scelta fu più azzeccata: per il percorso in crescendo della società emiliana, negli anni diventata una realtà sempre più consolidata nel panorama nazionale; per il lavoro svolto nel settore giovanile, come dimostrato dal grande numero di baby talenti accuditi e lanciati tra i grandi; per gli anni passati in maglia neroverde, un mix tra successi, soddisfazioni e piccoli tasselli volti a completare un quadro semplice: arrivare in Serie A.

Zacchi con la maglia della Nazionale

CUORE NEROVERDE

Possiamo dire che Gioele sia decisamente a buon punto: attualmente è il portiere della Primavera di Emiliano Bigica, si allena spesso con la formazione di Alessio Dionisi che lo ha già convocato in Serie A per ben due volte: la prima per la trasferta di Salerno contro la Salernitana, la seconda per la gara interna del Mapei Stadium contro il Bologna nel derby emiliano. Senza dimenticare poi la maglia Azzurra, quella della Nazionale italiana: dai tempi dell'Under 16 è uno dei punti fermi per le selezioni dei classe 2003, avendo già collezionato diverse presenze con non poche soddisfazioni. Ultimo in ordine di tempo è l'impegno con la selezione Under 19 del ct Nunziata, qualificatasi agli Europei  lo scorso 29 marzo grazie alla doppia vittoria contro Finlandia e Belgio e al pareggio contro la Germania.

Zacchi in maglia Sassuolo

MOTIVI

Sassuolo, perché puntare su Gioele Zacchi? Motivo numero 1: le qualità. Parliamo infatti di un portiere moderno, coraggioso palla al piede e dotato di caratteristiche che lo rendono unico: abilità sia nelle uscite alte che tra i pali, per non parlare di una tenuta mentale non indifferente per un diciannovenne. Capace di rialzarsi anche nei momenti più difficili, non è nuovo a interventi da applausi a seguito di errori, anche grossolani (clicca per l'articolo di Inter-Sassuolo Under 18). Motivo numero 2: il senso d'appartenenza. Nonostante diverse voci circa il suo futuro, il baby portiere è innamorato perso dei neroverdi: pare infatti che abbia trovato nel Sassuolo una vera e propria seconda casa, come dimostra il percorso che lo ha portato dalla pre-agonistica fino alla prima squadra. Motivo numero 3: il destino. Un ritorno doveroso e necessario, essendo Gioele uno che di lasciare la porta non ne ha la minima intenzione. Ha sempre giocato da numero 1, è fedele come non mai a tale ruolo e quest'ultimo ha tutte le carte in regola per farlo diventare definitivamente grande. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400