Cerca

Settalese Promozione, Lorenzo Stefanutti diventa il numero uno del club: «Orgoglioso dell’incarico. Doveroso grazie a Sani e Gavezzotti»

Stefanutti Settalese
In casa Settalese cambiano i vertici. Lorenzo Stefanutti, fino a questa stagione Direttore Sportivo, diventa il nuovo Presidente del club giallorosso. «In primis, mi preme sottolineare che la scelta del Presidente Massimo Sani di lasciare è dovuta solo ed esclusivamente a ragioni di natura personale. Non vi è stato alcun problema, anzi, mi ritrovo tra le mani una struttura assolutamente solida e organizzata. Ci tengo a ringraziare lui, il vice-presidente Gavezzotti e tutti i dirigenti in quanto hanno fatto un lavoro egregio. È gratificante ricevere questo incarico dopo nove anni di militanza qui a Settala». Quali sono gli obiettivi che si prepone il neopresidente Stefanutti? «Potenziare le varie realtà e sviluppare l’apparato di comunicazione. Per quanto riguarda la Prima Squadra, il tecnico Zecchillo è ovviamente confermatissimo e il blocco della rosa è confermato, in attesa di qualche innesto che l’estate ci potrebbe regalare, probabilmente uno per reparto. A livello giovanile, inoltre, siamo già pronti per far partire un torneo che coinvolgerà i vari settori per circa un mese». L’obiettivo per il nuovo campionato rimane lo stesso? «Noi dobbiamo lottare per arrivare a metà classifica, lavorando sui giovani che provengono dal nostro vivaio o che abbiano comunque maturato una certa esperienza in categoria. Quest’anno eravamo partiti in linea con quanto preventivato, con un pareggio, una sconfitta e una vittoria in tre gare, con due sfide contro le grandi favorite per la vittoria finale. È stato un peccato perché stavamo bene». A proposito di ciò, lei crede che la stagione ventura possa essere regolare? «Ci sarà sicuramente qualche periodo in cui qualche partita verrà giocoforza rinviata, ma con la crescita della campagna vaccinale credo che possiamo stare legittimamente tranquilli. Dal punto di vista logistico, inoltre, il club è dotato di una tribuna che può garantire il distanziamento senza alcun tipo di problema». Lei parlava di sviluppare meglio l’aspetto della comunicazione: ci vuole anticipare qualcosa? «Vogliamo realizzare un sito moderno e una pagina Facebook professionale, che ci permetta di comunicare verso l’esterno e, al contempo, che ci consenta di dare maggiore visibilità ai nostri sponsor. Lavoreremo su questo progetto appena completate le diverse rose. Inoltre, abbiamo un grande centro sportivo e il mio auspicio è che possa divenire un punto di riferimento per tutto il territorio, facendo in modo che l’impianto non sia vissuto solamente per l’evento sportivo».
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400