Cerca

L'intervista

La ValenzanaMado ai valenzani: la Promozione degli Orafi riparte da Valentino Vecchio

L'ex allenatore della Luese Cristo torna nella sua Valenza dopo le prestigiose esperienze in Piemonte e all'estero

Valenzana Mado Staff 2021-2022

Lo staff di Valentino Vecchio al completo

Nuova stagione, nuova guida tecnica e nuove stimoli. Perché gli obbiettivi della ValenzanaMado sono sempre stati ambiziosi, lo dice la storia della società nata nel lontano 1906 nella città dei gioielli e dei cimeli preziosi, quella Valenzana che ha assaporato categorie di alto livello dilettantistico per diverse annate a cavallo tra gli anni Novanta e Duemila partecipando alla Serie D e alla Serie C2, prima del fallimento nel 2012.
In quella Valenzana è cresciuto Valentino Vecchio, un valenzano D.O.C. tornato a sedersi sulla panchina degli orafi dopo le prestigiose esperienze alla Pro Vercelli, all'Alessandria, al Casale e all'esterno nel massimo campionato Bulgaro al Botev Vratsa «Con uno staff tutto italiano - spiega Vecchio - facevo preparatore atletico e collaboratore tecnico. Era un calcio veloce e molto fisico» e con il Balzan nella Premiere League Maltese «Un campionato molto tecnico anche grazie alla presenza di tantissimi stranieri. A Balzan facevo allenatore fisico e collaboratore tecnico. Queste due esperienze sono state tanti interessanti e stimolanti, nonostante le diversità dei paesi, dal quale ho imparato ad adattarmi a situazioni differenti dal nostro calcio. Anche se tecnicamente noi italiani non siamo inferiori a nessuno». 
Vecchio che, seduto sulla panchina della Luese Cristo, la scorsa stagione ha chiuso il campionato Promozione a pari punti proprio con la ValenzanaMado.

E' un Valentino Vecchio carico e ambizioso quello che si sta preparando alla nuova stagione con i rossoblù. Ha scelto di tornare nella squadra che lo ha lanciato nel calcio che conta. Ora l'ex Luese vuole ricambiare il favore, vuole riportare in alto il ValenzanaMado dove merita, vuole ridare una spinta e un nuovo vigore anche alla città nel quale è nato e cresciuto.
Il materiale a disposizione di Vecchio è di primo ordine, con tanti giovani valenzani che avranno più minuti nelle gambe e che dunque saranno chiamati a prendersi maggiori responsabilità. Giovani di belle speranze da cui mi aspetto il definitivo salto di qualità come i centrocampisti Alberto Lenti e Davide Rizzo e il difensore Alberto Bortolini
La volontà di Vecchio e dirigenza infatti è quella di costruire una squadra altamente competitiva, sarà un campionato molto combattuto con le squadre torinesi e alessandrine molto attrezzate per tentare il salto di categoria. 

Gli orafi però non se ne stanno con le mani in mano, la campagna acquisti per rinforzare la rosa in mano al tecnico ex Luese è partita subito in sesta: 4 nuovi arrivi, tanti nomi e tante trattative in corso con diverse società per cercare di portare in Via Napoli 1 ragazzi di grande prospettiva su cui investire e puntare.
Un acquisto su tutti quel Luca Palazzo, «il nostro giocatore più rappresentativo» secondo Vecchio, centrocampista classe '87 nato a Seregno (MI), torna a vestire la casacca della ValenzanaMado dopo 4 anni giocati in maglia al HSL Derthona. Valenzano d'adozione che aveva indossato la maglia degli orafi già nella stagione 2010-2011 in LegaPro Seconda Divisione, collezionando 20 presenze prima di partire alla volta di Acquanera, esperienza sfortunata che lo ha riportato a Valenza per 8 stagioni, 144 gettoni e 32 reti per lui, prima delle annate con i Leoncelli, col quale è riuscito a collezionare 19 presenze in Serie D nella stagione 2020-2021. Senza dimenticare l'arcigno difensore Marco Bardone, classe del '95, con tanti anni di Promozione e soprattutto Eccellenza sulle gambe, vestendo le maglie del Calcio Tortona, del Sancolombano, del Lomellina e nel Tortona Villalvernia, Gabriele Boscaro, attaccante esperto e di qualità che aveva già vestito la maglia rossoblù per 6 stagioni con 27 reti, ed infine il portiere classe '86 Manuel Lisco, altro ex Valenzano durante i primi anni di Eccellenza, che sostituisce Andrea Capra in difesa della porta degli Orafi.
Ancora 4-5 inneschi importanti da aggiungere ai nuovi acquisti (e che acquisti) per completare la squadra e giocarsela a viso aperto con le favorite del girone, come la Pro Villafranca e la Santostefanese, per blasone e storia delle società che hanno sempre orbitato fra Eccellenza e Promozione lottando ad alti livelli, e come possibile outsider quella Luese Cristo che sta investendo prepotentemente sul mercato per costruire una formazione di grande valore.

Ad affiancarlo ci saranno altri due amici e allievi valenzani: Diego Canonico nel ruolo di vice allenatore, persona che Vecchio conosce molto bene avendolo allenato al Casale anche lui cresciuto calcisticamente nella Valenzana, che inoltre coprirà anche il ruolo di responsabile del settore giovanile della società, e Luciano Susani che sarà il preparatore dei portieri: «Conosco Luciano da anni, è un amico e mi fido ciecamente di lui».

La nuova stagione degli orafi è alle porte e Vecchio scalda i motori. L'asticella si alza. I presupposti per togliersi grandi soddisfazioni ci sono tutti. Adesso tocca al ValenzanaMado scendere in campo e giocarsela con coraggio e a testa alta contro tutte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400