Cerca

Promozione

Santhià-Arona: Cosentino fa reparto da solo, i lacuali si candidano per essere l'outsider del girone

Ragazzoni e i suoi vincono con il brivido: i granata, infarciti di fuoriquota accorciano nel finale e il 3-3 di Dosso è annullato per un dubbio fuorigioco

Santhià-Arona, Depperu e Cosentino

Il portiere del Santhià Alessandro Depperu in uno dei suoi interventi con tempismo ad inizio ripresa sull'attaccante aronese Federico Cosentino

Proprio come nelle intenzioni di metà settimana del proprio ds Pino Gallo, l'Arona riesce a sfatare il tabù Santhià (2 sconfitte in malo modo nelle 2 stagioni precedenti) e resta a punteggio pieno in testa alla classifica. Grande protagonista è l'attaccante Federico Cosentino, in dubbio prima della partita, e stoico a prendersi sulle spalle quasi tutto il reparto offensivo aronese tra conclusione e sponde per i compagni. Stoica comunque la resistenza del Santhià: il tecnico Giuseppe D'Agostino ha schierato una linea difensiva a 4 composta solo da classe 2002 e classe 2003. Inevitabilmente si è pagato dazio, ma è anche vero che sull’1-1 i granata hanno fallito con Manco una ghiotta occasione quasi a metà ripresa. Poi invece un rigore che lancia gli ospiti di Enrico Ragazzoni che sfruttano altri errori della difesa di casa e contengono nel finale. Da segnalare comunque il possibile 3-3 infilato da Dosso, annullato su segnalazione del guardalinee per un fuorigioco che il Santhià lamenta non evidentissimo.
La legge di Cosentino A imbastire la prima trama del match è l'Arona: al 3' bella triangolazione Pappalardo-Cosentino-Pappalardo e tiro di quest'ultimo sporcato e bloccato da Depperu. Punta a partire da dietro il Santhià pur con tutti i rischi del caso di una difesa giovane, ma al 9' l'errore fatale è invece di Ciraulo. Il capitano si fa soffiare la sfera da Cosentino che punta la porta di Depperu e infila di precisione. 0-1. La squadra di D'Agostino reagisce di rabbia ma butta molti palloni alti, facili preda della nerboruta difesa aronese. È proprio la squadra ospite ad andare vicina al raddoppio al 21' sfruttando un altro errore granata. L'occasione capita questa volta a Pappalardo che però a tu per tu con Depperu calcia sul fondo. Il Santhià ora inizia a macinare gioco e anche ad avere occasioni più nitide.
Mercandino lotta e segna Così al 27' Conti chiude un'azione scagliando da sinistra un bel diagonale che però termina alto. Al 31' invece fuga di Mercandino sul centrodestra, fendente a tagliare l'area che per un soffio non viene spedito in porta da Bahnane. Tanta dedizione merita la rete che arriva al 36': azione insistita e cross dalla destra sul quale Mercandino salta prendendo bene i tempi a Massara insaccando sotto la traversa. 1-1. Prima della fine del tempo, al 42', grosso brivido quando Pappalardo salta Depperu che lo stende uscendo dall'area. Solo giallo per il numero granata. La ripresa è interessante proprio come il primo tempo. Ottimo Depperu a fare gli straordinari in area uscendo in maniera pulita su Cosentino e Romano al 3'. L'Arona parte forte e ancora Romano al 12' arriva a tu per tu con Depperu ma gli calcia direttamente nei guanti. Mette la testa fuori dal guscio il Santhià al 19’: Manco scatta e supera la linea dei difensori, si presenta davanti a Tornatora che resta in piedi, lo salta sull'esterno ma deposita malamente a lato.
L'Arona scappa Questo costa caro alla formazione di D'Agostino dal momento che al 22' Lika porta palla sulla destra marcato da Campana, rientra sul sinistro e viene agganciato dal difensore santhiatese in area. L'arbitro questa volta decreta il rigore e l'esperto Valsesia dal dischetto supera Depperu. 1-2. L'Arona sembra poter dilagare anche perché al 25' Lika calcia davanti a Depperu e manca il bersaglio concludendo alto di poco. Apparentemente chiude i conti il solito Cosentino al 35' al termine di un'azione nella quale perde palla e poi la recupera fulminando Depperu. 1-3. Apparentemente perché al 41' su una palla buttata in mezzo da sinistra Tornatora non trattiene e R. Pairotto è lesto a infilare. 2-3. Finale incandescente, il Santhià trova il pari ancora in mischia al 44' con Dosso ma il guardalinee segnala il fuorigioco. Un peccato perché sarebbe servito per il morale. Anche se l’Arona non ha assolutamente rubato nulla e porta a casa 3 punti meritatissimi che inorgogliscono un tecnico biancoverde doc come Ragazzoni.

IL TABELLINO

Santhià-Arona 2-3
RETI:
9' Cosentino (A), 23' st rig. Valsesia (A), 35' st Cosentino (A), 36' st Mercandino (S), 41' st Pairotto R. (S).
SANTHIÀ (4-3-3):
Depperu 7, Pairotto D. 6.5 (27' st Pairotto R. 6.5), Conti 6.5, Campana 5.5, Messina 6.5, Comotto F. 7 (37' st Rosso sv), Manco 5.5, Ciraulo 5.5 (40' st Hassani sv), Mercandino 7, Bahnane 6 (24' st Dosso 6), Comotto S. 6 (35' st Guala sv). A disp. Pasteris, Cogliati, Lo Verde, Boscia. All. D'Agostino 6.5.
ARONA (4-3-3):
Tornatora 5.5, Canziani 6 (26' st Pastore 6), Rossi 6.5, Valsesia 6.5, Massara 6.5 (46' st Gaiga sv), Giroldi 6, Mattioni Ma. 6, Lika 7 (39' Bottazzi Trentani sv), Cosentino 8 (47' st Ghiotti sv), Romano G. 5.5, Pappalardo 6.5. A disp. Arbellia F., Cima, Albieri, Vezzani, Mattioni Mi.. All. Ragazzoni 6.5.
ARBITRO:
Gasparetto di Collegno  6.
COLLABORATORI:
Zanin  e Mosca.
AMMONITI:
Massara (A), Valsesia (A), Manco (S), Lika (A), Pairotto D. (S), Pappalardo (A), Conti (S), Depperu (S).

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400