Cerca

Promozione Girone E

Villa-Segrate: doppia rimonta dei gialloblù su calcio di punizione, Nasi e Samà rispondono a Caimi e Cannistrà

Termina con il risultato di 2-2 la partita tra Villa e Segrate, con reti di Caimi e Cannistrà per i padroni di casa e di Nasi e Samà per gli ospiti

Samà Segrate

Nazzareno Samà, segratese decisivo ai fini del pareggio con la sua punizione al 34' st.

Finisce sul punteggio di 2-2 l'incontro tra Villa e Segrate valevole per la prima giornata del Girone E di Promozione. A firmare il risultato Caimi e Cannistrà per i padroni di casa e Nasi e Samà, entrambi da punizione, per gli ospiti. Le due squadre si erano già affrontate qualche settimana fa in occasione della Coppa Promozione, in un incontro terminato 2-0 in favore dei gialloblù. Partita equilibrata, dai ritmi intensi e con il risultato in bilico dall'inizio fino al fischio finale, ma che ha visto più volte ribaltamenti di fronte e soprattutto di equilibrio generale del gioco in fasi diverse dell'incontro; una costante è stata però l'attenzione difensiva di entrambe le compagini: sono state poche le chiare occasioni da rete e la maggior parte dei gol sono arrivati su calcio da fermo. 

Pari e patta. Le due squadre sono scese in campo con uno speculare 4-3-3, anche se, per quanto riguarda i segratesi, si trattava di un modulo più duttile che variava ad un 4-5-1 o ad un 4-4-2 in base al diverso posizionamento delle due ali in fase di ripiegamento. I primi minuti di gara sono caratterizzati da uno studio reciproco e quindi un equilibrio a metà campo frutto di una conoscenza acerba degli schemi avversari tipica dei minuti iniziali, che quindi porta a palle perse per entrambe le formazioni e continui cambi di possesso. Al 9' però il Villa riesce a portarsi in vantaggio grazie ad un gol del centrale difensivo Caimi che mette il pallone alle spalle di Biazzi sugli sviluppi di un calcio d'angolo. Nei minuti successivi sono i bianconeri, galvanizzati dall'1-0, a fare da padroni alla partita, avvicinandosi al gol del raddoppio in un paio di occasioni, ma senza trovarlo anche grazie ad un ottimo lavoro della difesa gialloblù. Inaspettatamente però gli ospiti si riportano in equilibrio nel risultato al 30': calcio di punizione dalla sinistra della trequarti e cross di Nasi, un compagno tenta il controllo in area ma manca il pallone, che quindi beffa Leccese e si insacca sul secondo palo. Dopo l'1-1 gli ospiti ritrovano potenziale offensivo e si avvicinano all'1-2 ancora con Nasi, che dopo aver scartato un difensore tenta il tiro da fuori area, che però finisce a lato. Il primo tempo si conclude così sul risultato di 1-1.

Ripresa. Nel secondo tempo i padroni di casa scendono in campo aggressivi, andando molto vicini al gol alla primissima azione della ripresa con una bella azione dalla destra che però non si concretizza. Dieci minuti dopo però, all'11', i bianconeri si portano nuovamente in vantaggio: azione travolgente sulla fascia sinistra che porta ad un cross di De Siro, passaggio ribattuto che arriva sui piedi di Mariani, il cui tiro viene murato; sulla ribattuta arriva Cannistrà, che dopo aver controllato il pallone, lascia partire un tiro di potenza dal limite che taglia trasversalmente l'area di rigore finendo poi in rete alle spalle di un incolpevole Biazzi. Appena dopo il gol del 2-1, il Villa si avvicina ancora al gol con un tiro da fuori sul quale però il portiere ospite si fa trovare preparato. La ripresa procede poi con un ritmo sempre più intenso, con il Villa che tenta di chiudere la partita e con il Segrate che si propone sempre più avanti per agguantare quantomeno il pareggio. L'episodio chiave avviene al 34': Cavallo concede una punizione da buona posizione per il Segrate ed il subentrato Samà si incarica della battuta; al fischio del direttore di gara fa quindi partire un tiro potente e preciso, che aggira la barriera e che si insacca alla sinistra di Leccese, permettendo ai gialloblu di raggiungere (nuovamente) il pareggio. Gli ultimi minuti di gara procedono quindi con uno scontro serrato tra le due compagini, entrambe alla ricerca del gol vittoria, ma entrambe ancora molto solide e compatte in difesa. Il match si conclude quindi senza nessun'altra chiara occasione, ma con l'impressione che il pareggio fosse il risultato più corretto dato l'equilibrio di forze messe in campo.

IL TABELLINO

VILLA-SEGRATE 2-2
RETI: 9' Caimi (V), 30' Nasi (S), 11'st Cannistrà (V), 34'st Samà
VILLA (4-3-3): Leccese 6, Ziglioli 6, De Siro 6.5, Caimi L. 7.5, Imbroinise 7, Beltramini 6.5, Iacopetta 6.5 (12'st Bajoni 6.5), Cannistrà 7, Maraschio 6.5 (31'st Motta SV), Mariani 6.5 (27'st Soffiato SV), Boissier 7 (24'st Alves Barros 6) A disp. Shijaku, Brambilla, Furgeri, Donelli, Lacalamita. All. Altarelli 7.5
SEGRATE (4-3-3): Biazzi 6, Vario 6.5, Ranzini 6 (15'st Samà 7), Teti 6, Tecchio 6.5, Zini 6.5, Ferraguto 7, Verrone 6.5 (15'st Ogliari 6), Visani 6.5 (15'st Santi E. 6), Nasi 7, Tinti 6 (17'st Cereda 6.5). A disp. Sgura, Leobilla, Sgrambiglia, De Piccoli, Guerra. All. Perico 7
ARBITRO: Cavallo di Milano 6.5
ASSISTENTI: Zaretti di Seregno e Longoni di Seregno
AMMONITI: De Siro, Iacopetta, Mariani (V), Santi E. (S)

LE PAGELLE

VILLA
Leccese 6 Beffato sul primo gol e incolpevole sul secondo, per il resto non subisce molti tiri nello specchio, ma si fa sempre trovare pronto.
Ziglioli 6 Si propone spesso in avanti, dando quindi più spunti ai compagni; tuttavia non è tanto reattivo sui filtranti, e per questo perde diversi palloni.
De Siro 6.5 Autore di un'ottima prova difensiva; a differenza del compagno si spinge meno in avanti, ma garantisce più copertura difensiva.
Caimi L. 7.5 Gara eccelsa per il centrale che si riscatta per la prova negativa in coppa promozione: è un costante pericolo aereo sui calci da fermo, non fa toccare palla alla punta avversaria e in alcune occasioni esegue anche lanci degni di un regista; il gol è solo la ciliegina sulla torta.
Imbroinise 7 Mostra una discreta intelligenza di gioco, specialmente in fase di copertura, dove chiude spessissimo le linee di passaggio avversarie.
Beltramini 6.5 Aiuta molto bene i centrali di difesa garantendo una continuità difensiva nel corso dei novanta minuti; anche lui molto bravo nelle intercettazioni dei passaggi avversari.
Iacopetta 6.5 Primo tempo all'insegna della qualità tecnica, facendo sfodero di un buon repertorio di controllo e gestione di palla; nel secondo tempo tuttavia si perde, dando pochi spunti ai compagni avanti.
12'st Bajoni 6.5 Discreto ingresso in campo, lotta su ogni pallone sulla fascia, rendendo il dialogo per gli avversari più problematico.
Cannistrà 7 Il gol è un capolavoro balistico, ma oltre a quello dà anche sfoggio di visione di gioco e corsa, coprendo tutta la zona centrale del campo da sinistra a destra.
Maraschio 6.5 Buon senso della posizione e quando serve dà una mano più indietro; tuttavia non riceve molti palloni da cui estrapolare occasioni da gol, complice la strenua difesa gialloblu. (31'st Motta sv)
Mariani 6.5 Prova discreta, caratterizzata da una buona visione dì gioco accompagnata da piedi educati, che lo rendono un buon metronomo di centrocampo. (27'st Soffiato sv)
Boissier 7 Inizialmente fatica nell'uno contro uno con il terzino avversario, ma con il proseguire della gara emerge gradualmente, mostrando anche una buona dote da recupera palloni. 
24'st Alves Barros 6 Prova abbastanza opaca, nella quale riceve pochi palloni senza mettersi particolarmente in mostra. Dà però manforte al compagno più arretrato sulla fascia.
All. Altarelli 7.5 I suoi fanno da padroni del gioco per alcuni sprazzi del primo tempo, cedendo poi ad un gol su tiro-cross degli avversari. Disposizione difensiva da applausi e ottimo schieramento dei centrocampisti, molto bravi a recuperare la sfera.

SEGRATE

Biazzi 6 Si dimostra sicuro nelle uscite, anche se forse poteva fare di più sul gol dell'1-0; incolpevole sul secondo gol.
Vario 6.5 Fa passare poco o niente sulla sua fascia, obbligando spesso gli avversari a giocare per vie più centrali; meno brillante in fase di spinta.
Ranzini 6 Inizia la partita contenendo bene l'avversario, tuttavia si perde andando avanti nella partita, perdendo spesso palla e facendosi seminare in velocità.
15'st Samà 7 Una punizione da manuale che permette ai suoi di pareggiare una gara combattutissima, oltre a ciò dà un eccelso contributo dalla panchina con una prova di sostanza.
Teti 6 Prova non molto brillante per il centrocampista che non si fa vedere molto; tuttavia mostra una buona capacità nella costruzione dal basso, con passaggi intelligenti e poche palle perse.
Tecchio 6.5 Bravo a chiudere gli spazi avversari per vie centrali, mostra anche una buona capacità nei lanci e rischia davvero poco palla al piede.
Zini 6.5 Anche lui corre pochissimi rischi palla al piede, oltre ad una discreta prova difensiva, senza particolari sbavature.
Ferraguto 7 Molto duttile, copre bene quando gioca più arretrato e mostra buona inventiva nel gioco quando più avanzato; tra i più pericolosi dei suoi.
Verrone 6.5 Non si fa molto vedere palla al piede ma dà un apporto vitale in fase di ripiegamento, con recuperi, anticipazioni e contrasti di cui prendere nota.
15'st Ogliari 6 Nella mezz'ora giocata non fa vedere molto offensivamente, ma dà manforte in fase difensiva recuperando diversi palloni.
Visani 6.5 Buona gestione della sfera, tuttavia è quasi totalmente annullato nel ruolo di punta dalla difesa avversaria, che lo limita al ruolo di sponda.
15'st Santi E. 6 Prova abbastanza opaca in cui non dà la scossa che serviva per svoltare offensivamente nel secondo tempo. Torna però bene a centrocampo, lottando su ogni pallone.
Nasi 7 Ottimo controllo del pallone e intelligenza di gioco, grazie alla quale fa aperture intelligenti per i compagni, rivelandosi motore di molte azioni.
Tinti 6 Fa molta fatica sulla fascia, dando più contributo difensivo che offensivo, nel quale non eccelle particolarmente.
17'st Cereda 6.5 Il suo ingresso aggiunge pericolosità alle manovre sulle corsie laterali di gioco, grazie alla sua capacità di saltare l'uomo.
All. Perico 7 I suoi sono molto bravi a non mollare nemmeno quando in difficoltà come nel primo tempo. Sostituzioni azzeccate, una delle quali risolve la partita agguantando il pareggio.

ARBITRO

Cavallo di Milano 6.5 Non ci sono episodi così controversi, solo qualche dubbio sulla gestione dei cartellini.

LE INTERVISTE

Il tecnico Altarelli si ritiene soddisfatto della reazione dei suoi dopo il gol del primo svantaggio: «Siamo riusciti a riguadagnare possesso a centrocampo e guadagnare l'opportunità per poter pareggiare. Nel secondo tempo siamo emersi meglio noi in quanto a possesso palla e siamo riusciti a rispondere al bel gol degli avversari. Devo dire che la squadra non ha mai mollato e in fin dei conti il pareggio sia il risultato più giusto». Della stessa opinione l'allenatore bianconero Perico: «Penso che alla fine il risultato sia stato giusto: non ci sono state molte occasioni nè da una parte nè dall'altra; noi abbiamo giocato meglio nel primo tempo, ma un po' meno nel secondo».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400