Cerca

Promozione

Girone E: Medaglia d’oro e un doppio Cavallanti aprono la strada al Romanengo, Cristarella e Siliquini protagonisti dei poker di giornata

Il Tribiano inizia col piede giusto con un grande Venturiero, il FC Milanese si prende il derby, colpo esterno della Soresinese

Davide Venturiero Tribiano Promozione

Davide Venturiero, tra i protagonisti della vittoria del Tribiano contro il Bresso

Finalmente è ripartito. Dopo un’ultima stagione praticamente nulla, e quella precedente mozzata a febbraio, il campionato 2021/22 si appresta a vivere il momento della rinascita. Dopo i primi turni di Coppa, con l’ultimo turno della fase a gironi previsto mercoledì 22 settembre che emetterà i verdetti per il passaggio alla fase ad eliminazione diretta, anche le squadre del girone E di Promozione hanno esordito in un torneo che si preannuncia combattutissimo. E i novanta minuti giocati non hanno tradito le aspettative: tante le reti realizzate, con qualche vittoria larga nel punteggio, un derby vinto sul filo del rasoio e un paio di solite sorprese che non saranno le uniche da qui fino alla trentesima giornata. Ecco il riepilogo di come è andata domenica 19 settembre.

Atletico CVS-FC Milanese 0-1

Vincere un derby è sempre un piacere, ma quando lo si strappa a pochi minuti dalla fine rappresenta un autentico colpaccio. Ed è quello che ha realizzato il FC Milanese, che con la rete di Gabaglio, propiziata da un intervento non perfetto di Autiero sfavorito dal forte vento, si porta a casa l’intera posta in palio. Proprio le cattive condizioni metereologiche hanno inciso sulla giocabilità dell’incontro, che pareva indirizzato verso il pareggio, come sottolinea il tecnico dell’Atletico CVS, Guido Viandanti: «Abbiamo subito una rete incredibile e questo è davvero un peccato. Lo 0-0 sarebbe stato il risultato più giusto». Il DS degli ospiti Marozzi riconosce alcuni meriti proprio all’estremo difensore avversario: «Ha fatto due interventi strepitosi, prima del gol. Bravo naturalmente anche Gabaglio, che si è allargato, ha puntato il fondo e ha trovato la via della rete in circostanze favorevoli. La partita è stata equilibrata, sebbene abbiamo avuto il pallino in mano, con i padroni di casa che hanno giocato più bassi. Soddisfazione per l’esordio del 2004 Martini». Gara che ha comunque regalato nel giro di pochi minuti, tra il 15’ e il 20’ della ripresa, un legno per parte: prima gli uomini di Greco hanno colpito un palo con Stroppa, poi Mazzetti ha replicato colpendo una traversa. Migliori in campo Pavia da una parte, Mendola e Colombo dall’altra. Mercoledì la sfida si ripropone in Coppa a campi invertiti, per la terza sfida totale in pochi giorni, dopo che anche sabato c’era stato l’intrigante antipasto della sfida Under 19 tra le due compagini. Nella competizione, il FC Milanese ha bisogno di vincere con tre reti di scarto per passare il turno: come si è visto, non sarà semplice.

Barona Sporting-Senna Gloria 4-1

Dopo un primo tempo equilibrato, nella ripresa la Barona mostra tutto il suo potenziale e travolge la Senna Gloria, mandando un chiaro avviso alla concorrenza: per il salto in Eccellenza, ci sono anche i ragazzi di Pisani. Il grande colpo dell’estate Michael Joderi, ex Union Calcio Basso Pavese, ci mette 20 minuti a dimostrare ancora una volta perché è considerato tra i centravanti più importanti della categoria, sfruttando una punizione ribattuta e portando avanti i suoi. Nel finale di tempo, però, la squadra ospite guadagna un rigore e Arena non fallisce. Sull’episodio qualche dubbio, sebbene pochi istanti prima non sia stato concesso un penalty nitido sempre in favore della Senna Gloria. Dopo l’intervallo, quest’ultima cala e lascia spazio ai milanesi: Marcantoni approfitta di una leggera incertezza di Cassinelli e firma il 2-1, imitato da Mezzina al 35’ che approfitta di un passaggio filtrante. Nel finale, arriva il gol più bello della prima giornata del girone: Siliquini, appena fuori area, scaglia un tiro che si infila sotto l’incrocio, calando il poker. La gara ha visto una superiorità netta sulle fasce da parte dei padroni di casa, che hanno lavorato e allungato molto sulle corsie esterne per poter costruire le offensive.

Cologno-Paullese 1-4

La Paullese schianta il Cologno. La squadra di Rombati era partita benissimo, andando in vantaggio con Ferrera, che ha approfittato di un cross dalla sinistra per portare avanti i “cigni”. Dopo, però, è venuta fuori tutta la qualità e la potenza ospite: al 13’ è Radaelli a rimettere in parità la sfida, approfittando della corta respinta sugli sviluppi di una punizione e infilando la sfera sotto la traversa. L’equilibrio regna fino al 25’ della ripresa, con Furlanetto che ricorre ai cambi e che si rivelano fondamentali per ribaltare l’incontro: il migliore in campo, Cristarella, viene lanciato in profondità e con un delizioso pallonetto scavalca Glorini. La rimonta è completata nei minuti successivi da Verri, che approfitta dell’ottimo lavoro del subentrato Arrigoni sulla sinistra e del servizio conseguente di Rapelli, anch’egli in gara a partita in corso. A chiudere il quadro la rete di un altro subentrante, Giussani, che, approfittando di un bel pallone servito dal solito Arrigoni, dribbla un avversario e di esterno destro cala il sipario su una partita convincente per la Paullese, attesa mercoledì da un incontro decisivo per il cammino in Coppa contro il Tribiano: basterà un pareggio per passare il turno.

La Spezia-Soresinese 0-2

La sfida tra due delle cinque new entry del girone premia la Soresinese, candidata autorevole ad insidiare i primi posti del raggruppamento. Il 4-3-2-1 di Mizzotti è stato funzionale per il successo, sfruttando la miglior qualità nel palleggio rispetto agli avversari, fondamentale in una gara dal ritmo spezzettato. I gol portano la firma di Myrteza e di Guercio. Il primo segna al 34’, approfittando dell’ottimo lavoro in incursione di Brunetti, il quale ha servito un pallone invitante al vertice dell’area che ha consentito al compagno di andare a rete. Nella ripresa è invece Guercio, che tocca fortuitamente una punizione calciata da Guerci, a chiudere la pratica e fissare il punteggio sullo 0-2 finale contro La Spezia. Il DS degli ospiti Bandera: «Partita giocata su un campo dalle dimensioni ridotte e con tanti capovolgimenti di fronte. Il nostro portiere è stato inoperoso. La Spezia molto vigorosa, manca qualche cartellino». Il tecnico dei padroni di casa, Antonio Basilio, è di avviso opposto: «Considerando che l’avversario è una delle favorite, a mio avviso ha giocato troppo di fisico. Noi paghiamo la nostra inesperienza. Ritmo equilibrato, abbiamo subito tanto e non siamo stati tutelati adeguatamente dall’arbitro. Il primo tempo con maggior pressione da parte della Soresinese; noi abbiamo giocato cercando la palla lunga e abbiamo subito gol su una nostra dormita colossale. Troppi errori e molta paura nel secondo tempo: siamo in costruzione, dobbiamo lavorare tanto». Migliori in campo: Camalle e Ceresoli da una parte, Ardini, Brunetti e Berishaku dall’altra.

Romanengo-Casalpusterlengo 3-1

Il risultato di giornata è senza ombra di dubbio quello che premia gli sforzi della squadra di Tessadori. Un successo contro una delle grandi favorite per la vittoria del titolo merita indubbiamente la copertina. Male i casalini, che subiscono una brutta botta e che dovranno cambiare registro immediatamente, a partire dalla gara di mercoledì in Coppa in cui servirà un pareggio per passare il turno, cercando di offrire ben altre prestazioni per poter ambire ad obiettivi importanti e rispettare i pronostici. La gara è di marca Romanengo già nei primi minuti, con una traversa di Rexho, a cui segue la doppietta di un devastante Kevin Cavallanti: l’acquisto più atteso è l’unico ad aver realizzato due reti nel primo turno del girone. La prima realizzazione, siglata al 17’, è da classico centravanti: cross ribattuto in area di rigore e tiro scagliato verso Frontori, che non può nulla. Gli esterni Baronio e Medaglia lavorano alla grande e proprio quest’ultimo offre un assist per il colpo di testa del numero 9 che raddoppia nel finale di tempo. Il numero 7 disputa una partita di livello eccezionale, culminata con la rete del 3-1 al 25’ della ripresa, colpendo anche lui di testa, stavolta su servizio di Baronio. Prima del suo gol, il rigore di Cheddia (concesso per fallo di mano di Giovanetti) aveva riacceso qualche speranza per Guglieri. Nel finale traversa di Gatti. Una vittoria meritatissima, che può rappresentare un viatico per una stagione degna di nota. Il DS biancorosso Zuccotti a fine gara: «Gara combattuta a centrocampo in alcune fasi, sapevamo di poter far male sulle corsie esterne. Nel complesso siamo stati certamente più pericolosi».

Soncinese-Settalese 0-0

Il primo dei due pareggi di giornata è finito a reti bianche. Una gara poco spettacolare, che ha visto entrambe le compagini contratte e con ritmi molto compassati. La partita ha comunque fornito qualche indicazione interessante: per i padroni di casa molto bene Magnoni e Ghidinelli, per la Settalese promossi Zoia, Carobbio e Samaden. Servirà un riscatto per entrambe le squadre, con la Soncinese che ha la ghiotta occasione di rimediare a questo mezzo passo falso già nel mercoledì di Coppa, affrontando la Cividatese tra le mura amiche e provando ad ottenere quel punto che manca per il passaggio del turno e concentrarsi sulla difficile sfida che la vedrà opposta al FC Milanese domenica prossima. Per Zecchillo ci sarà invece una settimana intera per preparare al meglio il debutto casalingo in campionato contro il Bresso.

Tribiano-Bresso 3-0

C’era trepidante attesa per vedere la grande favorita della vigilia all’opera e Crotti non ha tradito le aspettative: secco 3-0 casalingo per il Tribiano. Gli avversari reggono quasi per l’intera prima frazione di gioco, ma capitolano al 43’: Giambelluca lavora un bel pallone sulla destra e di piatto serve l’accorrente Vernaci che trafigge Didoni. Il numero 9 è protagonista anche dell’episodio che porta al raddoppio, conquistando un calcio di rigore al 20’ della ripresa che viene trasformato da un freddo Fondrini. Nel finale, Venturiero prova a trovare la gloria personale, ma il suo tiro è respinto al 43’ e per fortuna dei suoi è il neoentrato Spina ad essere più lesto di tutti e mettere il sigillo sulla gara. Proprio Venturiero, insieme a Ruggieri, sono stati determinanti per il gioco del Tribiano. Inevitabile puntare i fari sulla prestazione di Diego Mella: il grande acquisto confezionato dal DS Livio Polli ha disputato un’ottima gara, restando in campo fino al 27’ della ripresa. Bresso invece ancora in rodaggio: la sconfitta contro il Tribiano non è un dramma, ma serve un risultato per dare animo ad una squadra che anche in Coppa ha patito due sconfitte.

Villa-Segrate 2-2

Il Segrate ferma ancora il Villa. Dopo aver vinto tra le mura amiche per 2-0 in Coppa, mettendo a serio rischio la qualificazione dei bianconeri ed il cui esito si scioglierà mercoledì con la sfida dei giallazzurri in casa del Cologno, arriva un pareggio all’esordio in campionato inaspettato, considerata la voglia di rivincita degli uomini di Altarelli. Una partita molto combattuta, con un costante equilibrio e con la fame degli ospiti, capaci di replicare per ben due volte al vantaggio dei padroni di casa. Per i dettagli della sfida della partita seguita dalla nostra Redazione cliccare sul link sottostante.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400