Cerca

Promozione

Segrate-Paullese: apre di rapina Samà, freddissimi dal dischetto Cristarella, Vario e Giussani, pareggio amaro per entrambe

Perico insegue ancora i primi tre punti stagionali e Furlanetto rimane in scia dopo un match deciso dagli episodi

Giuliano Perico Segrate

Giuliano Perico non va oltre il pareggio contro la Paullese

Tre calci di rigore e un pareggio insperato. Succede di tutto nel match valido per la seconda giornata del girone F di Promozione tra Segrate e Paullese, con gli ospiti che strappano il pari ai padroni di casa grazie a un rigore (il terzo della gara) concesso fuori tempo massimo dal direttore di gara Beretta e trasformato da Giussani, che sigla il 2-2 finale. Ma procediamo con ordine. I ragazzi di Perico, reduci da un pareggio fuori casa con il Villa, sono alla ricerca dei primi 3 punti stagionali, propiziati da un inizio scoppiettante: Ferraguto si invola sulla destra, mette un pallone rasoterra in area sul quale Samà si fionda senza pensarci due volte e come un vero rapinatore d'area sigla l'1-0. Ma i ragazzi di Furlanetto non ci stanno, la pioggia scende incessante sul campo sintetico e il gioco si velocizza. Gli ospiti crescono in intensità ma succede poco altro nella prima frazione, si va a riposo con il tabellino che continua a segnare il vantaggio di una rete a zero per i padroni di casa.

Freddezza. Il Segrate riesce a mantenere il vantaggio, con la Paullese che va molto vicino a riacciuffare il pareggio ma viene fermata per ben due volte dalla traversa della porta difesa da Biazzi. Al 25' però la partita cambia quando Beretta concede il primo penalty a favore degli ospiti, causato da un evidente tocco di mano. Si presenta sul dischetto Cristarella, che con freddezza destina il pallone in fondo alla rete, ristabilendo l'equilibrio. La partita si accende, continui ribaltamenti di fronte, la palla che schizza rapida sul terreno non rende la vita facile troppo facile ai ventidue in campo. Concessi cinque minuti di recupero, al 48' il direttore di gara concede un altro rigore, questa volta in favore dei padroni di casa. È la volta di Vario, che non sbaglia e insacca. Il Segrate è di nuovo in vantaggio. Sembra ormai tutto fatto, quando sull'ultimo calcio d'angolo del match una trattenuta in area convince l'arbitro che ci siano gli estremi per il tiro dal dischetto. Si incarica dell'ultima fatica il neo entrato Giussani, che trasforma regalando a Furlanetto un punto inaspettato che consente ai suoi di rimanere in scia per la vetta.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400