Cerca

Promozione

Girone E: Barona Sp.-Club Milanese non si fanno male, cade l'imbattibilità Settalese, Ardini trascina Soresina di rigore, che esordio per Mella!

L'assenza della terna tiene banco, Casale travolgente, Soncino espugna Tribiano, Corrarati pareggia in extremis, senza reti a Paullo

Diego Mella

Diego Mella, match-winner all'esordio con la Senna Gloria, ai tempi delle giovanili dell'Inter

In una giornata scandita dall’assenza della terna arbitrale su tutti i campi, la quale ha provocato diversi malumori per qualche decisione sul campo da parte dei direttori di gara coinvolti, il Club Milanese esce indenne anche dal difficile fortino milanese: il pareggio per 1-1 contro la Barona Sp. permette di mantenere la vetta della classifica, sebbene Romanengo e Soresinese abbiano ormai accorciato il passo. I biancorossi vincono a domicilio contro la Settalese, interrompendone l’imbattibilità in campionato, mentre gli uomini di Mizzotti espugnano Sesto Ulteriano con un rigore nel finale. Colpo esterno della Soncinese a Tribiano, vittoria last minute della Senna Gloria, pareggi a Paullo e Bresso. Il Casalpusterlengo continua la riemersione e si avvicina alla zona playoff. Di seguito i dettagli della settima giornata del girone E.

Atletico CVS-Soresinese 0-1
Pallino del gioco in mano agli ospiti nella prima metà del tempo, con gli avversari che riescono comunque a tenere e ad evitare pericoli. Stesso copione nella ripresa, con partenza sprint della Soresinese, e con l’Atletico CVS che cresce col passare dei minuti. A quattro minuti dal termine arriva la decisione della direttrice di gara Traversi che cambia la storia dell’incontro, concedendo un calcio di rigore per un contatto in area: Ardini si incarica della battuta e porta i tre punti in dote che consentono di accorciare sulla capolista. Sugli scudi Prandi, autore di una notevole prestazione. Dall’altra parte, positivo l’impatto del grande colpo Mattia Negri, alla prima da titolare, e di Rigoni. Il rigore concesso nel finale non è stato digerito benissimo dai padroni di casa, come si evince dalle parole del tecnico Guido Viandanti: «Spiace perché l’episodio è scaturito da un errore nostro in uscita, ma il penalty è inesistente. Sono felice della prestazione dei miei, molto buono l’impatto di Negri sulla squadra».

Barona Sp.1971-Club Milanese 1-1
La partita di cartello del turno non ha tradito le attese: una bella sfida, con due squadre che lotteranno fino alla fine per i piani alti della classifica. Se c’è qualcuno che può avere qualche rimpianto, però, è la squadra di casa, che ha trovato sulla sua strada un fenomenale Todesco. Il portiere ospite ha sfoderato diversi interventi decisivi, parando anche un rigore, i quali hanno impedito a Marcantoni e compagni di segnare, fatta eccezione per la rete di Joderi arrivata al 10’ della ripresa. Il numero uno ha tenuto a galla il Club Milanese nel momento peggiore, poi l'espulsione di Vera ha ridotto la Barona in 10 e la rete di Campani poco dopo la mezz’ora ha regalato un sospiro di sollievo a Greco, che si tiene la testa della classifica, seppur con uno striminzito margine sulle due inseguitrici. Barona subito dietro: oggi ha dimostrato che è assolutamente all’altezza di competere per il salto diretto. Il DS Rolla a fine gara: «Siamo scesi in campo con un atteggiamento giusto. Mi aspettavo qualcosa in più dagli avversari, ma c'è da dire che noi abbiamo disputato una partita stupenda, una delle più belle da quando io sono qui». Dello stesso avviso il tecnico Pisani: «Bella gara da parte nostra». Si tiene invece stretto il risultato il tecnico Greco: «Un punto prezioso contro una squadra ben allenata e che è tra le più autorevoli per la vittoria finale».

Paullese-Villa 0-0
Finisce a reti bianche l'incontro di Paullo. Una partita nervosissima, chiusa con ben tre espulsioni: per gli ospiti cartellino rosso diretto al 25' per Alves, mentre qualche minuto dopo a rientrare anticipatamente dagli spogliatoi è Carra per doppia ammonizione, emulato nel finale da Panighi, espulso direttamente. Una gara in cui hanno regnato le difese, che hanno tenuto botta. Un punto tutto sommato che fa comodo a entrambe.

Romanengo-Settalese 2-0
Adesso non si può più nascondere: il Romanengo è tra le candidate almeno ad un posto nei playoff. La squadra biancorossa interrompe l'imbattibilità dei giallorossi, seppur anche qui l'episodio che ha cambiato la partita non ha convinto appieno gli ospiti: il calcio di rigore decretato al 14' e trasformato da Cavallanti porta in vantaggio i padroni di casa. Prestazione travolgente di Gatti, autore dell'assist per il raddoppio di Medaglia nella ripresa che ha di fatto chiuso la contesa, e del giovane 2004 Lanzi. Nelle fila di Zecchillo, Samaden e Perugini soliti perni fondamentali del gioco. Una battuta d'arresto che non può però impedire di sorridere visto l'avvio di stagione assolutamente valido. Per gli avversari, invece, una vittoria che fa respirare l'aria della vetta: la prossima trasferta di Soncino potrebbe veramente essere il test giusto per dimostrare dove può arrivare. Le dichiarazioni a fine gara dei due tecnici. Tessadori (Romanengo): «Adesso la classifica ci sorride. Oggi siamo partiti forte ed attenti. Peccato per il palo di Cavallanti ed un'altra grande occasione di Gallarini non sfruttata. Siamo riusciti a concretizzare e a raddoppiare con Medaglia. Bene così». Comprensibile delusione per Zecchillo (Settalese), che si focalizza sul tema di giornata: «A mio avviso il rigore non c'era, ma non solo, molte decisioni sono apparse discutibili. Senza terna è complicato perché si cerca di gestire tutto con tanta pressione addosso, ma non è semplice, anzi, addirittura proprio chi ha maggior esperienza può correre questo rischio».

Senna Gloria-La Spezia 2-1
La squadra milanese esce sconfitta, ma questa è forse quella che fa più male da inizio campionato: sembrava ormai fatta per uscire dal terreno di gioco con almeno un punto che avrebbe significato tanto dal punto di vista morale, oltre che ad alimentare la classifica. E invece, ci ha pensato il neoarrivato dal Tribiano, Diego Mella, a far saltare il banco. Il calciatore, separatosi la settimana scorsa, ha scelto di proseguire l'avventura in Promozione con la Senna Gloria, e non poteva esordire meglio di così: entrato a 5 minuti dal termine, in pieno recupero ha siglato il gol del 2-1 che ha fatto impazzire di gioia i suoi. Un calciatore con esperienza nel professionismo, che risulterà utilissimo. La partita. Pronti, via, Manini in diagonale per poco non fa esultare subito i suoi. Il numero 7 si farà perdonare al 41', sfruttando il lancio di Arena, tra i migliori in campo, dribblando il portiere e insaccando per il vantaggio. Reazione immediata degli uomini di Basilio: nel finale di tempo è ancora la sfortuna ad opporsi in questo delicato inizio stagionale, con Zambetta che colpisce il palo. Sarà proprio il numero 9 a conquistare il calcio di rigore al 36' della ripresa, che Perfetti trasformerà, prima di essere espulso. L'illusione, prima del colpo di Mella. A fine gara cartellino rosso per proteste anche per il neoacquisto ospite Rosa. Soddisfazione per Campagnoli, allenatore della Senna Gloria, che sa che ci sono margini di miglioramento: «Abbiamo rischiato di vanificare i nostri sforzi regalando un rigore nel finale. Abbiamo avuto la forza di riprenderci e finalmente anche la fortuna è girata dalla nostra. Dobbiamo però fare mea culpa: non possiamo sciupare tutte le occasioni per raddoppiare perché poi rischiamo di non vincere per un episodio. Ci prendiamo questi tre punti di cui avevamo bisogno, soprattutto per il morale». Altri spunti per Basilio, tecnico La Spezia, soprattutto nel primo tempo: «Nei primi 45 minuti abbiamo tenuto il pallino del gioco, mi è piaciuto l'atteggiamento. Con la partenza di Sow abbiamo cambiato modo di giocare, schierandoci col 3-5-2, ma purtroppo continuiamo a non finalizzare. Abbiamo peccato di presunzione in occasione del loro vantaggio: bisogna rispettare le consegne. Sono stanco di questa situazione, è necessaria una reazione. Dobbiamo pedalare e tirare fuori il carattere, la società sta investendo tanto: pensiamo a Rosa che oggi ha fatto una gran gara, e presto arriverà qualche altro elemento davanti. Bisogna svegliarsi».

Tribiano-Soncinese 0-1
Risultato a sorpresa, ma fino a un certo punto. La Soncinese è in crescita e questa vittoria prestigiosa lo certifica: la rete nel finale di Magnoni consente di conquistare i tre punti e allontanare le zone pericolose della classifica, tornando in una dimensione adeguata. Dall'altra parte, il Tribiano stecca, non riuscendo a segnare: occorre invertire la rotta, il divario dalla testa non è incolmabile. Nel post-gara, però, emerge chiaramente la delusione da parte del DS Polli per la situazione arbitrale: «A me non piace cercare scuse, ma il loro gol era palesemente in fuorigioco. L'episodio più grave, però, è avvenuto al 20' del primo tempo sullo 0-0, quando un loro difensore ha letteralmente tolto la sfera dalla testa ad un nostro giocatore. Le società investono tanto, il problema delle terne è serio. La Promozione è un campionato che necessita di avere le attenzioni che si merita. Addirittura oggi si sono ridotte a zero, dunque si va verso un peggioramento rispetto alle prime giornate. Serve chiarezza. Sulla partita, onestamente non abbiamo giocato male. Abbiamo sempre avuto il pallino del gioco e gli avversari facevano fatica a superare la metà campo. Siamo stati puniti eccessivamente». Dall'altra parte, il tecnico Cantoni si sofferma sul prezioso successo: «Abbiamo capitalizzato, e finalmente stiamo risalendo la china. So che le aspettative di inizio stagione erano molto alte, ma dobbiamo crescere passo per passo. Oggi molto bene Martignoni, autore di una bellissima prova».

Bresso-Cologno 1-1
Unica partita disputata alle ore 15, termina in pareggio. Un punto che, vista la dinamica, sorride agli uomini oggi guidati in panchina da Re Artù Di Napoli, ma che nel complesso lascia l'amaro in bocca a entrambe le compagini, che oggi avevano assoluta necessità di vincere. Arena alla mezz'ora porta avanti i padroni di casa, ma è il neoentrato Corrarati in pieno recupero nel secondo tempo a fissare il punteggio sull'1-1.

Casalpusterlengo-Città di Segrate 3-1
Sussulto del Casale, che adesso ha tutte le intenzioni di dare continuità alla vittoria e scalare la classifica. Cheddia, Camara e Anelli i tre marcatori, prima della rete di Ferraguto che fissa il punteggio sul risultato finale. Nel link seguente i dettagli della sfida seguita dalla nostra Redazione.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400