Cerca

Promozione

Soncinese-Romanengo: colpo di coda su rigore di Volpi, Cavallanti non basta ad impedire la sconfitta nel derby

I protagonisti: molto bene i due portieri Milanesi e Vino, al top anche Martignoni, Ghidinelli e Schiavini

Alessandro Volpi, attaccante Soncinese

Alessandro Volpi, attaccante della Soncinese, match-winner

Il derby di Milano può attendere. Nel pomeriggio che ha anticipato il grande evento del calcio nazionale, a pochi chilometri di distanza da San Siro, la Soncinese strappa il risultato contro il Romanengo, vincendo di misura grazie ad un rigore fischiato all’ultimo istante per un presunto tocco di braccio in area ospite. Dinamica non chiarissima che ha scatenato posizioni ovviamente diverse. Volpi è stato glaciale dal dischetto e ha siglato la sua personale doppietta, facendo impazzire di gioia Soncino. Il pareggio momentaneo è stato di Cavallanti.

La partita. Primo tempo di marca Soncinese. I padroni di casa vanno a mille e affrontano la sfida con il piglio giusto. Al 15’ Magnoni serve in area Marchiondelli che da pochi passi si fa ipnotizzare da Vino. L’estremo difensore biancorosso sfodera un altro grande intervento sulla punizione di Volpi deviata dalla barriera al 23’, e ancora si fa valere parando di piede alla mezz’ora nuovamente sul numero 9 avversario ottimamente servito da Martignoni. Il Romanengo è in difficoltà e l’emblema di ciò è la rete subita al 35’: Ghidinelli sfrutta una palla rocambolesca e serve un assist per Volpi, migliore in campo, che a porta sguarnita porta avanti i suoi. Squillo di Cavallanti nel finale di tempo, che chiama Milanesi a una gran parata. Nella ripresa gli ospiti si fanno vedere maggiormente, e trovano il gol del pari grazie all’acuto di Cavallanti, generoso nell’arco di tutto l’incontro, che è rapace nel segnare il tap-in dopo la conclusione di Gallarini respinta corta da Milanese. Mentre la sfida si avvia sulla divisione della posta in palio, ecco che arriva l’episodio che cambia la storia del derby: il direttore di gara Foresti di Bergamo decreta il penalty in quanto ravvisa un colpo di braccio. Volpi non sbaglia e la Soncinese può brindare.

Le dichiarazioni. Il tecnico della Soncinese Cantoni ovviamente soddisfatto dell’epilogo del derby: «Tre punti pesanti contro un avversario forte. Vincere questo tipo di partite fa morale. Abbiamo dominato per larghi tratti, abbiamo subito il pareggio e addirittura abbiamo anche rischiato di perdere. Stavolta siamo stati fortunati a beneficiare di un rigore nel finale, ma Volpi è stato bravissimo a non farsi trascinare dal momento e a battere a rete. Dovevamo essere più cattivi nel primo tempo per evitare di subire una possibile rimonta. Abbiamo comunque dimostrato di esserci». Delusione, al contrario, per Tessadori, allenatore del Romanengo: «Rigore dubbio. Mi spiace perché abbiamo disputato una ripresa fantastica. Perdere così fa male. A mio avviso ci stava il pareggio, loro meglio nella prima frazione di gioco, noi nel secondo tempo. La partita era aperta, siamo cresciuti col passare dei minuti».

IL TABELLINO

SONCINESE-ROMANENGO 2-1
RETI (1-0, 1-1, 2-1): 35' Volpi (S), 25' st Cavallanti (R), 50' st rig. Volpi (S).
SONCINESE (4-4-2): Milanesi L. 7, Guindani 6 (29' st Pagliarini sv), Stringa 6, Doi 6.5, Maffi 6.5, Martignoni 7, Ghidinelli 7, Mazzini 6.5, Volpi 8, Marchiondelli 6 (27' st Biglietti sv), Magnoni 6.5 (34' st Mascolo sv). A disp. Donzelli Alessandro, Confuorto, Marchesetti, Morlacchi, Nossa, Arpini. All. Cantoni 7.
ROMANENGO (4-2-3-1): Vino 7, Giovanetti 6.5, Mazzola 6, Bressanelli 6 (28' st Rexho sv), Profeta 6.5, Guerini 5.5, Piloni 5.5 (1' st Schiavini 7), Gatti 6, Cavallanti 7, Gallarini 6.5, Lanzi 5.5 (1' st Aresi 6). A disp. Castellazzi, Migliorati, Baronio, Turconi, Tacconi, Fontana. All. Tessadori 6.
ARBITRO: Foresti di Bergamo 6.
ASSISTENTI: Zappella e Colleoni.
AMMONITI: Stringa (S), Marchiondelli (S), Mazzola (R), Gatti (R), Lanzi (R), Rexho (R).

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400