Cerca

Promozione

Barona Sporting 1971-Città di Segrate: apre Mezzina, ma Ferraguto e Nasi la ribaltano e gli uomini di Perico si prendono i tre punti

Gli ospiti espugnano il campo del Barona in rimonta, avvicinando la zona playoff; cade dopo tre risultati utili la banda Pisani

Barona Sporting 1971 Città di Segrate Promozione - Nasi Segrate

Capitan Lorenzo Nasi, autore del gol vittoria per il Segrate

Colpo grosso del Segrate, che, dopo la vittoria col Bresso, riesce a dare continuità di risultati vincendo per 2-1 in casa del Barona Sporting. Successo che arriva in rimonta, dopo che la squadra di Pisani aveva trovato nei primi minuti il vantaggio con Mezzina; bravi gli ospiti a reagire immediatamente, trovando il pareggio con Ferraguto, e a coronare un'ottima prestazione con la rete decisiva nella ripresa di capitan Nasi. Rispetto alla vittoriosa trasferta di Cologno, Pisani perde due pezzi: Borali lascia così la fascia sinistra di difesa a Vera, mentre il ruolo di centravanti viene preso da Fantaziu, a sostituire l'assente Marcantoni. Coperta ancora corta per i padroni di casa, che presentano in panchina solo sei elementi. Il Segrate deve invece fare a meno di Cereda, sostituito negli undici iniziali da Bozzoli; Leobilla rientra invece al centro della difesa, al posto di Zini.

Immediato botta e risposta Il Barona Sporting, nelle prime battute, mette in mostra un palleggio sicuro e fluido, che vede coinvolti tutti i giocatori; gli uomini di Pisani si interscambiano continuamente la posizione, giocando palla a terra con efficacia. Alla prima occasione utile, poi, arriva la rete: dopo ottima manovra collettiva, il filtrante di Fantaziu mette davanti alla porta Mezzina, freddo nel battere Biazzi. La reazione del Segrate non tarda però ad arrivare; da corner di Nasi, ben battuto sul primo palo, sbuca la testa di Ferraguto, abile a schiacciare in rete un pallone su cui Foppa Pedretti non è irreprensibile. La partita si accende così fin dall'inizio e le due squadre non risparmiano intensità ed agonismo; non sempre queste sono però accompagnate dalla giusta dose di lucidità e si vede qualche passaggio sbagliato di troppo, anche causa di un pressing feroce di tutti i giocatori che non lascia respiro a nessuno. Per vedere un'occasione importante si deve così aspettare la mezz'ora, quando Joderi, ben imbeccato dal filtrante di Finizza, viene chiuso in uscita da Biazzi. Non si registrano poi altre emozioni nella prima frazione: la difesa alta del Segrate non concede facili spazi di manovra al Barona Sporting, mentre sull'altro lato le iniziative di Ferraguto non sempre vengono accompagnate con celerità dai compagni.

Nasi corona un gran secondo tempo Dagli spogliatoi esce un Segrate più convinto, forse stimolato nell'intervallo da Perico. La squadra continua a mantenere alto il baricentro ed aumenta la propria aggressività, con gli ospiti che arrivano costantemente primi su ogni pallone vagante e riescono così a tenere ben saldo sempre il controllo delle operazioni. Arrivano di conseguenza anche le occasioni; prima Bozzoli, solo davanti a Foppa Pedretti, spreca tutto calciando alto. Al secondo tentativo, il Segrate passa: azione che passa dai piedi di Samà, abile a innescare largo Bozzoli. Il cross di quest'ultimo trova impreparato Radaelli e alle sue spalle Nasi è lucidissimo nel battere Foppa Pedretti. Ci si aspetterebbe a questo punto una reazione da parte della squadra di Pisani, che però tarda ad arrivare; l'organizzazione tattica e le scelte di Perico mandano infatti in difficoltà il palleggio dei padroni di casa, che si trovano spesso a cercare il lancio lungo, puntuale preda della difesa ospite. A creare difficoltà al Segrate ci pensa però Bozzoli, che alla mezz'ora si fa cacciare da Semeraro per un fallo di reazione ai danni di Corradino. Perico si chiude allora con un 4-4-1, mentre il Barona Sporting si lancia all'assedio; Vacca, su sviluppi di palla inattiva, trova una gran risposta di Biazzi, mentre il neo entrato Petrolà non riesce a trovare la porta da pochi passi su invito di Mezzina. Al fischio finale ad esultare è quindi il Segrate, che avvicina la parte alta della classifica e si porta ad un solo punto proprio dal Barona Sporting.

IL TABELLINO

Barona Sporting 1971-Città di Segrate 1-2

RETI (1-0,1-2): 7' Mezzina (B), 13' Ferraguto (S), 12' st Nasi (S).

BARONA SPORTING 1971 (4-3-1-2): Foppa Pedretti 5.5, Corradino 5.5, Vera 6, Vacca 6, Radaelli 5.5, Martino 5.5 (6' st Finelli 6), Cotugno 5.5 (43' st Siliquini sv), Finizza 6, Fantaziu 6 (13' st Petrola 5.5), Mezzina 6.5, Joderi 6.5. A disp: Lia, Ardizzoni, Spampinato. All. Pisani 5.5.

CITTÀ DI SEGRATE (4-3-3): Biazzi 6.5, Vario 6.5, Ogliari 6 (19' st Ranzini 6), Cecere 6.5 (22' st L'Erede 6), Pedrini 7, Leobilla 6.5, Ferraguto 7 (1' st Santi 5.5), Verrone 6 (36' st De Piccoli sv), Sama 6.5 (28' st Lokumu sv), Nasi 7, Bozzoli 5.5. A disp: Sgura, Zini, Vailati, Bisaccia. All. Perico 7.

ARBITRO: Semeraro di Monza 6.5.

AMMONITI: Leobilla (S), Vera (B), Finizza (B), De Piccoli (S).

ESPULSO: 30' st Bozzoli (S).

LE PAGELLE

Barona Sporting 1971

Foppa Pedretti 5.5 Sul colpo di testa di Ferraguto non è perfetto; vero il pallone scivoloso, ma si poteva fare di meglio. Non è chiamato ad altri interventi importanti.

Corradino 5.5 Avanza spesso a dar manforte alla fase offensiva, con la conseguenza di lasciare però troppo spazio dietro di sé. Il gol di Nasi nasce dalla sua parte.

Vera 6 Inizia col piede sull'acceleratore, proponendosi molto; cala tanto alla distanza, fino a non farsi più vedere.

Vacca 6 Non ha grandi responsabilità sui gol subiti, sfiora la rete nel finale; non sempre preciso in impostazione.

Radaelli 5.5 Grave la disattenzione sul gol di Nasi: legge male la traiettoria del cross e viene scavalcato. Per il resto non commette altre sbavature, ma l'errore è pesante.

Martino 5.5 Non riesce a dare intensità alla propria prestazione; manca a livello di gamba e di inserimenti.

6' st Finelli 6 Con la squadra sotto nel punteggio, prova ad accendersi con qualche iniziativa personale, ma sporadica.

Cotugno 5.5 Play designato della squadra, fatica però a trovare spazi nei quali muoversi e nei quali servire i compagni. Secondo tempo di grande sofferenza (43' st Siliquini sv).

Finizza 6 Prova a prendere per mano la squadra, facendosi vedere spesso in fase di costruzione; nervoso, a volte si intestardisce e pecca di lucidità.

Fantaziu 6 È lui a servire a Mezzina il delizioso assist del momentaneo vantaggio; poi però sparisce dal campo, perdendo ogni duello coi difensori avversari.

13' st Petrola 5.5 Entra con l'atteggiamento giusto, ma si divora un gol quasi fatto davanti alla porta. 

Mezzina 6.5 Va a sprazzi, ma quando si accende la squadra ne risente in positivo; porta avanti i suoi e nel finale serve a Petrola una palla da spingere in rete.

Joderi 6.5 Sempre nel vivo dell'azione, trova qualche bella iniziativa, non supportata dai compagni. Biazzi gli chiude lo specchio nel primo tempo.

All. Pisani 5.5 Ottimo inizio di personalità; una volta subito il pareggio la squadra fatica però a mettere in mostra le proprie qualità. La reazione nel finale è più di nervi che di gioco.

Città di Segrate

Biazzi 6.5 Su Mezzina non può nulla; bravo nel chiudere la porta sia a Joderi che a Vacca nel finale.

Vario 6.5 Buona dedizione, sia in fase difensiva che nello spingersi in avanti. Chiude ogni varco con buona attenzione.

Ogliari 6 Si limita a tenere la posizione, dalla sua parte però non soffre mai.

19' st Ranzini 6 Sostituisce in tutto e per tutto il compagno di cui prende il posto. Ordinato, non commette errori.

Cecere 6.5 Davanti alla difesa con grande disciplina; vince numerosi contrasti e gestisce bene il pallone, esce esausto.

22' st L'Erede 6 Allargato a sinistra dopo l'espulsione di Bozzoli, aiuta la squadra nel difendere il vantaggio.

Pedrini 7 In mezzo alla difesa non passa nulla. Vince tutti i duelli con Fantaziu, non concedendogli neanche le briciole.

Leobilla 6.5 Non perfetto sull'inserimento che porta Mezzina al gol, ma le colpe non sono principalmente sue. Ottima l'intesa con Pedrini, insieme al compagno chiude le serrande difensive.

Ferraguto 7 Primo tempo di intensità, attenzione e fiuto del gol; è lui infatti che regala il pareggio immediato ai suoi. Lascia nell'intervallo per problemi fisici.

1' st Santi 5.5 La differenza col compagno è notevole; poco coinvolto, tocca pochissimi palloni. 

Verrone 6 Alterna buone intuizioni ad errori in palleggio; sempre utile in fase di interdizione, aiuta con dedizione la squadra (36' st De Piccoli sv).

Sama 6.5 Calcia in porta solo su punizione, ma è utilissimo coi suoi movimenti nell'aprire la difesa del Barona Sporting e nel far salire i compagni. Da lui nasce la rete di Nasi (28' st Lokumu sv).

Nasi 7 Primo tempo con più luci che ombre, dopo l'intervallo cambia totalmente marcia e la squadra si trasforma. Presente in ogni azione dei suoi, corona il tutto con la ciliegina del gol decisivo.

Bozzoli 5.5 Corradino gli concede tanto spazio e lui ne approfitta, non sempre con scelte perfette. Entra con l'assist a Nasi nell'azione del gol-vittoria, rovina tutto facendosi poi espellere per reazione.

All. Perico 7 Il primo tempo evidentemente gli dà fiducia e nell'intervallo si fa sentire; i suoi recepiscono il messaggio e la vanno a vincere con forza, organizzazione e lucidità. Bene anche dopo l'espulsione di Bozzoli.

ARBITRO

Semeraro di Monza 6.5 Parte fischiando poco, capisce l'andamento del match e sanziona qualche fallo di troppo; assiste da vicino alla reazione di Bozzoli e lo allontana dal campo.

LE INTERVISTE

Andrea Pisani, allenatore del Barona Sporting 1971, commenta con assoluta lucidità il ko odierno: «Paghiamo caro degli errori difensivi evitabili, perché sui due gol subiti potevamo fare meglio. Siamo mancati di concretezza negli ultimi venti metri, abbiamo faticato a creare occasioni contro una squadra ben messa in campo. Peccato per i gol sbagliati nel finale, ma è una sconfitta che ci servirà sicuramente per crescere».

Sponda Città di Segrate, invece, il tecnico Giuliano Perico è giustamente soddisfatto: «In ogni trasferta, fino ad oggi, siamo stati sempre propositivi e finalmente raccogliamo i frutti. Oggi è stata una buona partita, mi è piaciuta l'immediata reazione che abbiamo avuto quando siamo andati sotto. Abbiamo lottato con la giusta cattiveria agonistica, sacrificandoci tutti per la squadra; abbiamo dato continuità dopo la vittoria di settimana scorsa, serve continuare su questa strada».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400