Cerca

Promozione

Meda-Lentatese: una prodezza di Ferrario risponde a Ponti e spegne i sogni bianconeri; il derby finisce in pareggio e il sorpasso è rimandato

Derby teso e poco spettacolare, ma in pochi minuti si accende e regala grandi emozioni alla folta tifoseria di Meda, congelata dal pari finale

Francesco Ferrario, Lentatese

Entra e agguanta il pareggio nel recupero, aggiudicandosi la palma di migliore in campo

L'attesissimo derby tra Meda e Lentatese termina con un 1-1 conquistato solo nel finale dalla squadra ospite. Nonostante l'inferiorità numerica per l'espulsione di Orsi, i bianconeri riescono a passare in vantaggio a 10' dalla fine, ma devono accontentarsi di un punto, che gli costa il mancato sorpasso sui rivali. Infatti, con una vittoria il Meda avrebbe raggiunto e superato la squadra di Lentate, che ha comunque una partita da recuperare. La sfida resta bloccata per lunghi tratti, i 22 in campo sentono il peso di ogni pallone giocato e faticano ad abbinare la qualità al grande spirito competitivo che li accompagna per l'intera durata. Il punteggio si sblocca solo al 35' st, ma il primo episodio significativo arriva 20' prima. Il terzino del Meda, Orsi, effettua un intervento ai danni di Parravicini e l'arbitro lo ammonisce per la seconda volta, determinando l'inferiorità numerica dei padroni di casa. Nonostante l'avverso momento la squadra di Cairoli reagisce e trova l'1-0 con Ponti. Un'azione combinata tra i subentrati Bosisio e Farioli porta all'assist di Palumbo, che trova il numero 11 solo davanti al portiere. Solo al 48'st Ferrario trova una rovesciata decisiva, che si insacca all'angolino.

Meda cinico. Se la sconfitta della scorsa settimana aveva portato a pensare che i bianconeri si trovassero in difficoltà, la prestazione di oggi cancella ogni dubbio. L'11 messo in campo da Cairoli è fin da subito ordinato, gestisce palla e prova a fare la partita, immaginando un atteggiamento difensivo da parte della Lentatese. E in effetti, specie nel primo tempo, il Meda tiene alta la linea di difesa e prova a superare gli avversari con lanci in profondità e triangolazioni centrali. Poche volte però, lo fa con successo. Infatti, sono poche le chance di andare a rete che crea, ma alla prima utile la sfrutta. I due attaccanti si trovano spesso lontani tra loro e sono sempre ben marcati, portando così Cutuli a chiedere palla più basso, senza permettergli di incidere in avanti. La rosa di casa però, supportata da un pubblico caldo e numeroso, concede allo stesso tempo poche occasioni ai suoi avversari e, fino all'espulsione, resta concentrata e decisa. 

Derby sentito. Il numero di cartellini è solo indicativo a dare un'idea della quantità di contrasti e falli totali in questo match. Le due sono grandi squadre e vogliono a tutti i costi dimostrarlo all'avversario, ma nonostante questo il risultato è una sfida tesa e bloccata. La Lentatese la imposta provando a contenere gli attacchi del Meda, ed effettivamente ci riesce praticamente in ogni occasione. Testimone la buona prestazione della linea a 4 con il debuttante Bianchimano. Lo spirito da entrambe le parti è quello di chi non si arrende e che per farlo aspetta solo il triplice fischio. Da un lato i bianconeri che in dieci uomini trovano il gol e per poco la vittoria, dall'altro i rossoblù in maglia verde che nel finale continuano a presidiare l'area avversaria fino a raggiungere il pareggio. L'intero contesto del freddo pomeriggio è rappresentativo delle emozioni che regala questa leale rivalità cittadina. Infatti, in seguito alla presentazione ufficiale dell'intero settore giovanile, i ragazzi di casa riempiono le tribune per incoraggiare i più grandi e, anche in questo senso, ambe le compagini dimostrano grande carattere, da una parte facendo del tifo motivazione extra e dall'altra trovando coraggio nonostante le esultanze avversarie. 



IL TABELLINO

Meda-Lentatese 1-1
RETI: 35' st Ponti (M), 48' st Ferrario (L)
MEDA: Chierico 6, Martino 6.5, Orsi 6, Michi 6, Bianchi 7, Palumbo 7, Fraternali 6.5, Molteni 7.5, Tallarita 6 (17' st Bosisio 6.5), Cutuli 6.5 (33' st Farioli 6.5), Ponti. A disp. Cassina, Torrente, Bicciato, Mauri, Novara, Pozzi, Dell'Occa. All. Cairoli 7.
LENTATESE: Sala 6.5, Crotti 6 (41' st Magro sv), Coppola 7, Parravicini 6 (22' st Tasca 6), Meroni 6.5, Bianchimano 6, Malacarne 6.5, Ballabio 7, Tagliabue G. 6 (33' st Ferrario 7.5), Del Gaudio 6.5 (20' st Noviello 6), Molteni 6.5. A disp. Tagliabue F., Bottos, Noviello, Cuzzolin, Arborea, Galliani. All. Valente 7
ARBITRO: Longhi di Crema 6.5
AMMONITI: 41' Del Gaudio (L), 42' Molteni (M), 45' Michi (M), 5' st Orsi (M), 48' st Ferrario (L), 49' st Tagliabue (L).
ESPULSI: 15' st Orsi (L).

LE PAGELLE

MEDA

Chierico 6 Fa spesso partire l'azione da dietro, mostrando buone abilità palla al piede. Non ha grandi occasioni per mettersi in mostra, ma all'8' st respinge un tiro ravvicinato di Molteni.
Martino 6.5 Si muove molto su tutta la corsia di destra. E' sempre molto propositivo anche orizzontalmente, creandosi così spazi per provare a incidere.
Orsi 6 Macchia una buona prestazione con l'espulsione rimediata. E' attento per gran parte della partita, anche se la marcatura su Malacarne lo costringe a rimanere bloccato senza poter spingere con continuità.
Michi 6 E' bravo negli anticipi, ne effettua diversi su Del Gaudio, prima di prendere il cartellino giallo. Resta sempre attento sui lanci in profondità avversari.
Bianchi 7 Tra i migliori della sua squadra. Poche volte riesce a farsi superare con un dribbling e questo grazie a un grande senso della posizione. Spesso è lui che fa partire la manovra, ma le cose migliori le effettua difensivamente, allontanando palloni e neutralizzando diversi pericoli.
Palumbo 7 Offre spunti interessanti soprattutto nella prima frazione di gioco, aiuta Orsi a portare palla in avanti con le triangolazioni e si dimostra abile nei dribbling, come in occasione di un tunnel. Propizia il gol che stava decidendo la gara con un assist di esterno destro.
Fraternali 6.5 E' il motore del centrocampo del Meda. E' ordinato nei passaggi e offre qualche cross interessante, non sfruttato.
Molteni 7.5 Rappresenta la regia. Chiede palla in tutte le azioni e tocca innumerevoli palloni. Sorprende per intensità di corsa e capacità di coprire gli spazi lasciati vuoti dai compagni.
Tallarita 6 Fatica per buona parte del match, ma fino alla sua uscita dal campo cerca di collaborare nelle costruzioni offensive difendendo palla e giocandola ai compagni di reparto.
17' st Bosisio 6.5 Entra per ricoprire il ruolo di terzino sinistro e lo interpreta in maniera corretta. Spinge e corre su tutta la fascia, rendendosi anche partecipe dell'azione che porta al gol dell'1-0.
Cutuli 6.5 Nella prima mezzora è certamente il più attivo nell'attacco del Meda. Si posiziona sulla trequarti ma si cerca continuamente lo spazio migliore per aiutare una buona circolazione di palla. Esce dal campo stanco per la quantità di chilometri macinati.
33' st Farioli 6.5 E' un cambio decisivo per la squadra di Cairoli. Si pone a supporto di Ponti e approfitta dei lanci lunghi dei compagni e corre in profondità. Parte da una sua buona difesa del possesso la rete segnata.
Ponti 7 Come Tallarita, anche lui fatica a mostrare le sue qualità in alcuni tratti della gara. A inizio secondo tempo spreca una sfera vagante in area calciandola alta, ma si rifà mezzora dopo, quando freddo batte Sala.
All. Cairoli 7 E' notevole l'impostazione della partita, che si intuisce dai minuti iniziali. La squadra cerca in maniera propositiva di gestirne andamento e, anche se non ci riesce, resta ordinata e non si scompone. Risultano decisivi i suoi unici due cambi.

LENTATESE

Sala 6.5 E' sicuro nelle uscite. Diverse volte deve bloccare tiri semplici e non pericolosi, dà sicurezza alla difesa ma non ha grandi opportunità per mettersi in mostra con delle parate.
CrottiLegge bene le iniziative avversarie, andando a contrasto e uscendone spesso vincente. Conquista qualche fallo importante ed è sempre propositivo in fase offensiva. 
Coppola 7 Uno dei migliori della Lentatese. Corre su tutta la fascia e si dimostra bravo in entrambe le fasi. Le azioni si sviluppano spesso dal suo lato e spesso ne è protagonista. Avanza con personalità e mette cross con regolarità.
Parravicini 6 Si mette davanti alla difesa e ha l'arduo compito di gestire una zona di campo molto ben presidiata. Non gioca molti palloni ma fa buona copertura.
22' st Tasca 6 Entra in campo con lo spirito giusto, ma spreca una buona opportunità per segnare il possibile 0-1. Comunque non si arrende e offre una prestazione sufficiente.
Meroni 6.5 E' bravo nei duelli aerei, ne vince diversi. Difensivamente è attento a tutto e palla al piede è spesso lui l'incaricato a cambiare lato con lanci precisi.
Bianchimano 6 Rimane attento sulle diagonali difensive e legge bene le situazioni pericolose. Considerando il suo esordio in Promozione disputa una buona gara, aiutato dal compagno Meroni.
Malacarne 6.5 Nella prima parte è pericoloso quando scatta in avanti cercando di tagliare il campo. Scende un po' di condizione durante la gara ma ripiega in difesa con qualità. Rimane il rammarico per un'occasione al 18' st.
Ballabio 7 Ha un ottimo controllo di palla e lo dimostra anche oggi. Si propone e prova a far partire lui la manovra abbassandosi in fase d'impostazione. Belle le sue percussioni centrali.
Tagliabue G. 6 Fatica per buona parte del match, non riesce a incidere ma scende spesso ad aiutare la squadra a costruire in attacco.
33' st Ferrario 7.5 Con una rovesciata toglie le castagne dal fuoco. Gioca 15' ma gli bastano per risultare decisivo nell'esito finale, quando approfitta di una delle tante mischie dopo il 45' st controllando un pallone con il petto e girandolo all'angolino. Rimedia comunque un giallo per l'esultanza.
Del Gaudio 6 Nella prima metà di partita tocca poche volte la palla, non trova gli spazi giusti. Tuttavia arretra di qualche metro per cercarseli e conquista qualche fallo importante.
20' st Noviello 6 Si piazza in cabina di regia e cerca di offrire quantità e qualità. Entra con il giusto atteggiamento combattivo.
Molteni 6.5 Anche lui comincia bene la sfida, chiede spesso il pallone triangolando con Coppola in fascia, ma non riesce a incidere. Offre qualità offensiva nei dribbling effettuati e in qualche opportunità da rete, poi sciupata.
All. Valente 7 Imposta il derby nella maniera più corretta per quel che erano le premesse. Sa che il Meda vorrebbe essere aggressiva e prova a limitarne la pericolosità. Effettua il cambio che risulta decisivo. Resta la macchia del gol subito con la superiorità numerica, che stava per costare la sconfitta.

ARBITRO:

Longhi di Crema 6.5 Dimostra grande intelligenza quando nella prima frazione evita di estrarre cartellini. Tiene il polso di una partita difficile per 90'.

LE INTERVISTE

L'allenatore del Meda Cairoli si dice soddisfatto della prova dei suoi ragazzi: «Abbiamo fatto un'ottima gara, che senza quel gol finale finisce 1-0. Siamo stati ordinatissimi, abbiamo sfruttato gli spazi giusti e sono molto contento». Poi, torna sulla sconfitta precedente: «E' capitata una domenica no, oggi abbiamo affrontato una grande squadra e abbiamo dato un segnale. Ne ero certo e non ero preoccupato». Infine, chiude: «L'obiettivo nostro non cambia mai, a prescindere dal risultato. Vogliamo fare i playoff».

Invece, queste le parole del tecnico della Lentatese, Valente:«Siamo stati polli e poi fortunati. Il primo tempo è stato difficile, loro sono una signora squadra. Nel secondo tempo siamo entrati col piglio giusto, ma rimasti in superiorità non siamo riusciti a gestire bene la palla». Poi, prosegue: «Siamo stati alla fine fortunati a trovare il gol e ci portiamo a casa il punto». Sulla classifica: «Abbiamo 17 punti con una partita in meno, dobbiamo arrivare a 40 punti per una salvezza tranquilla».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400