Cerca

Promozione Femminile

La punizione da 40 metri che ha fatto cadere il Lecco: il gol della settimana da vedere e rivedere

Il gioiello della 2001 del CUS Bicocca, Lucia Carabelli, tiene aperto il campionato

Il valore di una rete si misura dalla bellezza ma anche dalla sua importanza. Stadio Mauro, domenica 6 marzo, il CUS Bicocca di Davide Piccarreda, secondo in classifica, ospita la capolista Lecco di Monica Iustoni, che ha un vantaggio di dieci punti. È il minuto 15 quando Lucia Carabelli, centrocampista classe 2001, calcia una punizione tre passi oltre il cerchio di centrocampo: la tecnica di calcio è superba, un collo esterno che fa riaffiorare alla mente lo stile di David Beckham; il pallone assume una traiettoria "maledetta", ingannando il portiere Martina Carraro e insaccandosi all'incrocio.



Come un dio ferito, il Lecco attaccherà per tutta la partita nel tentativo di ribaltare la partita e ottenere il suo "match point", ma quel gol è un balsamo di ambrosia per le bicocchine, che lo difenfono fino al fischio finale infliggendo alla blucelesti la prima, dolorosa sconfitta nella loro marcia fino a lì perfetta.



Difficile dire se l'1-0 portato a casa dal CUS ha davvero riaperto i giochi per il primato: il Lecco mantiene infatti 7 punti di vantaggio nel Girone A di Promozione, lunghezze che potrebbero ridursi a 4 se la squadra di Piccarreda vincesse la gara in meno che le manca all'appello. Le blucelesti hanno tuttavia dimostrato di essere squadra più attrezzata, e c'è da scommettere che da ora in poi Iustoni pretenderà ancora più concentrazione da parte delle sue.

Una cosa è certa, però: questo gol e questa partita rimmarranno da una parte cicatrice glorosa e indelebile, dall'altra ricordo eterno di una serata in cui undici studentesse della Bicocca hanno fatto inginocchiare una macchina perfetta.

Credit video CUS Bicocca

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400