Cerca

Promozione

Poker in un solo tempo: regnano il Sovrano e Scapinello

Bastano 45 minuti per archiviare una Lentatese troppo disattenta in fase difensiva

Scapinello e Anzano

Scapinello e Anzano, protagonisti quanto devastanti nella prima frazione di gara (Crediti: Facebook Solbiatese)

Continua il dominio totale della Solbiatese in questo campionato, nonostante qualche assenza pesante come quelle di Torraca e Catanese la squadra di Gennari domina la gara dal primo minuto terminando il primo tempo con un pesante 4-0. Sugli scudi il solito Scapinello, autore di un pallonetto sontuoso e di un assist perfetto. Anche gli ospiti hanno defezioni importanti come quella di Coppola sulla fascia e diversi giocatori in panchina, ma non al meglio.

SCAPINELLO SHOW

La giornata no della Lentatese si capisce fin dal secondo minuto, quando Meroni perde una palla sanguinosa al limite dell’area, tamponata in qualche modo dall’opposizione di Crotti. I padroni di casa guadagnano subito una chiara supremazia territoriale grazie al solito possesso palla preciso fatto di verticalizzazioni improvvise. Al 12’ però Malacarne ci mette del suo per facilitare il compito alla corazzata neroazzurra: il numero 2 perde goffamente il pallone al limite dell’area sulla pressione di Mezzotero, il numero 7 mette a sedere 5 e mette in mezzo per Anzano, che da pochi passi non sbaglia l’appuntamento con il gol gonfiando la rete. Al 15’ contatto sospetto tra Scapinello e Arborea, il numero 10 ospite trattiene quello di casa al limite dell’area, entrambi poi si lasciano cadere ed il direttore di gara lascia correre. Il tentativo di Arborea di innervosire Scapinello con interventi duri e provocazioni non porta bene alla squadra di Valente: al 17’ il dieci platinato colpisce un palo a botta sicura, e al 18’ trova il raddoppio con uno splendido pallonetto: lancio lungo di Pellini, Scapinello sguscia tra Meroni e Crotti, lascia rimbalzare il pallone e di prima batte in uscita Tagliabue, ennesimo gol di gran classe. Subito dopo il raddoppio, il nervoso Arborea commette un brutto fallo ai danni di Anzano a centrocampo, fallo inutile ed ammonizione per il 10 di Valente. Solo al 35’ la squadra in maglia rossa si affaccia in avanti: lancio lungo su cui si avventa Magro, abile a scattare tra i difensori avversari e a superare Zanellotti. Il tiro a botta sicura viene salvato sulla linea da un difensore neroazzurro, ma è un salvataggio inutile perché l’11 ospite era partito in posizione di off side. Dopo una fase di stanca, la Solbia si ributta in avanti con decisione: al 42’ Scapinello fornisce un assist al bacio per De Vincenzi, che si inserisce splendidamente sul centro destra battendo in tuffo Tagliabue per il 3 a 0 in favore dei padroni di casa. Ancora una volta però la marcatura della squadra di Valente lascia a desiderare, colpevole in questo caso 3 nel farsi sorprendere alle spalle. Al 43’ Scapinello cala il poker: Crotti perde palla goffamente durante l’impostazione, il 10 platinato mette il turbo ed entra in area mettendo a sedere lo stesso Crotti e battendo Tagliabue con un destro chirurgico. Lo stesso Crotti in questa occasione rimane a terra e sarà costretto ad abbandonare il campo di gioco. Primo tempo dal parziale pesantissimo per gli ospiti, colpevoli di essersi sostanzialmente messi nei guai da soli commettendo errori pesanti in fase difensiva contro una squadra che non perdona.

GESTIONE SOLBIA, CUORE LENTATESE

Nella ripresa ovviamente la capolista si limiterà a gestire il risultato, rischiando poco e niente in fase difensiva e attaccando in maniera ordinata e pericolosa, di contro gli ospiti tirano fuori l’orgoglio e con un grande cuore lotteranno su tutti i palloni per non concedere un parziale ancora più ampio agli avversari. Al 5’ il Sovrano Anzano si mette in proprio sul centro destra con una buona percussione, fermato all’ultimo dal subentrato Bottos. La Lentatese, punita pesantemente nel primo tempo, è decisamente più arrembante in questa fase, tentando di mettere in difficoltà i neroazzurri con combinazioni veloci ed in profondità, senza però riuscire ad incidere davvero in fase offensiva. A concedere il primo angolo per i sevesini sarà infatti il portierino Zanellotti, in difficoltà sul retropassaggio di un compagno e costretto a sparare in corner. Poco prima del ventesimo, da segnalare la bella azione combinata sul centro destra con protagonista Amelotti, ma il flipper conseguente in area premia la squadra di Valente, che esce bene palla al piede e tenta un contropiede il cui esito non è dei migliori. All’ora di gioco ancora Amelotti sfiora la cinquina con un sinistro da dentro l’area che si alza di qualche centimetro sopra la traversa. Tagliabue G. si dimostra pericoloso su un calcio piazzato: pescato bene da Malacarne il 9 è libero sul secondo palo, tenta il tiro cross col destro, con il risultato però di rispedire clamorosamente il pallone fuori dall’area sprecando una buona occasione. Rischierà ancora di lì a poco la Solbia con un retropassaggio rischioso del subentrato Gomez a Zanellotti, che sulla pressione del generoso Del Gaudio è questa volta attento (e bravo) a spazzare lontano. Non mollano gli ospiti che, nonostante il parziale pesante, tentano di alzare il baricentro senza mollare un centimetro alla capolista che, a tratti fatica ad esprimere il suo solito gioco spumeggiante e si deve limitare a gestire il risultato senza riuscire a dilagare. Il più attivo dei neroazzurri in fase offensiva è il solito Anzano, innescato in un paio di occasioni prima dal traversone di Pellini e poi su calcio d’angolo, ma le sue conclusioni saranno ribattute da un buon Bottos, ottimo nel non farsi intimorire dall’esperto centravanti. Solo negli ultimi 5 minuti la Solbia accelererà in cerca del quinto gol, senza però riuscirci. Termina 4 a 0 al Chinetti, ennesima conferma dello stradominio di una squadra decisamente fuori categoria; lezione pesante per la Lentatese di Valente, che nella ripresa ha tirato fuori qualcosa in più rispetto al primo tempo. Pagati carissimi quest’oggi gli errori dei singoli, ma questa battuta d’arresto non deve togliere certezze ad una squadra che fin qui ha sbagliato davvero poche partite.

PAGELLE IN AGGIORNAMENTO

IL TABELLINO

SOLBIATESE - LENTATESE 4 - 0
RETI: 12' Anzano (S), 18' Scapinello (S), 42' De Vincenzi (S), 43' Scapinello (S).
SOLBIATESE (4-3-2-1): Zanellotti 6, Lonardi D. 6.5, Mezzotero 7 (1' st Gomez Gonzalez 6.5), Pellini 6.5, Lonardi L. 6.5 (27' st Zecchini 6), Novello 6 (12' st Zonta 6), De Vincenzi 7.5, Amelotti 7, Minuzzi 6.5 (15' st Grosso 6), Scapinello 8 (7' st Pellini 6), Anzano 7. A disp. Cairoli. All. Gennari 8.
LENTATESE (4-4-2): Tagliabue F. 6, Malacarne 5.5, Molteni 6, Parravicini 6, Meroni 5.5, Crotti 5.5 (48' Bottos 6.5), Del Gaudio 6.5, Noviello 6 (12' st Pagnozzi 6), Tagliabue G. 6, Arborea 5.5 (12' st Ballabio 6), Magro 6. A disp. Sala, Coppola, Fontana, Agati, Tasca, Canavesi. All. Valente 6.
ARBITRO: Cavalieri di Treviglio 7.
COLLABORATORI: Andreoni  e Barni.
AMMONITI: Pagnozzi (L), Arborea (L).

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400