Cerca

Promozione

Poker in un tempo, tris nell'altro: finisce 7-0

Due doppiette e altri tre marcatori nel successo extralarge dei padroni di casa

CATALANO - CAVENAGO PROMOZIONE

Con una doppietta Matteo Catalano partecipa alla goleada del suo Cavenago

È una partita a senso unico quella tra Cavenago e Arcadia Dolzago, conclusasi con un 7-0 per i padroni di casa che non hanno fatto troppa fatica a dominare il terreno di gioco per tutti i novanta minuti. I ragazzi di Tinelli si avvicinano così all’obiettivo della salvezza, distante ormai un paio di punti. L’atteggiamento da parte dei biancorossi è comunque positivo e propositivo e anche chi è subentrato dalla panchina ha dimostrato di voler fare bene, non cercando il giro palla fine a se stesso, quanto piuttosto la profondità e la porta. Dall’altra parte invece l’Arcadia non è riuscita proprio a impensierire Matera, chiamato alla prima parata di giornata solo al 28’ della ripresa, mancando in gioco e compattezza, con la difesa che troppe volte si è ritrovata sbilanciata, favorendo così gli inserimenti e i gol degli avversari. La situazione in classifica per la squadra di Zaramella ormai è sempre più complicata, così come sembra complicato riaggiustare il centrocampo e il reparto difensivo per cercare di arginare le bordate dei nemici ed evitare passivi pesanti.

Poker biancorosso. I padroni di casa non ci mettono molto a trovare la strada del gol e già al 2’ minuto è Galleani a fare le prove generali cavalcando in solitaria sulla sinistra verso Vassena e concludendo con la palla che finisce a lato. Al 10’ si sblocca il parziale e ad aprire le danze è Gioacchini, bravo a eludere l’estremo difensore biancazzurri aggirandolo per battere a rete. Le poche risposte dell’Arcadia sono soprattutto da calcio piazzato, come al 15’ quando Pennati prova il tiro da posizione interessante con la barriera che però ribatte la sua conclusione. Al 21’ c’è il raddoppio del Cavenago e a siglare il gol è Catalano che, superato Brambilla, non ha problemi a infilare Vassena e segnare. Come detto, le punizioni sono l’unico strumento di pericolo con cui l’Arcadia prova a impegnare la difesa di casa con Bance e Penati, ma i loro tiri non vanno a buon fine. Chi invece trova la giocata vincente è Galleani al 31’ che firma il terzo gol di giornata ponendo già di fatto più di un’ipoteca sulla vittoria. A rimpinguare ulteriormente il bottino ci pensa quattro minuti dopo Breda che al 35’ su assist di Manno, bravo in ripartenza, trova la quarta rete.

Cavenago inarrestabile. Al primo giro di lancetta si segnala già il quinto gol per i padroni di casa e a metterci la firma è ancora Galleani che con un pallonetto beffa Vassena e Arienti, bravo comunque ad avergli tenuto testa finché ha potuto. Al quarto d’ora arriva anche un calcio di rigore sempre per i biancorossi a seguito di un fallo di mano in area di Pirola. Dagli undici metri si presenta il neo entrato Masserini che non sbaglia e va ad aggiungersi al tabellino marcatori siglando il 6-0. L’ultimo gol arriva qualche minuto più tardi, al 24’, e a metterci nuovamente la firma è Catalano su assist di Masserini. Le flebili reazioni dell’Arcadia nella ripresa passano tra i piedi di Pacini, che prova a rendersi pericoloso sia da calcio piazzato sia con il tiro dalla distanza, e di Fontana, che su una palla persa dalla squadra di casa prende coraggio e conclude con la sfera che esce di poco a lato. Bene Cavenago, capace di non adagiarsi sugli allori e di pensare non tanto all’incetta di gol quanto già alla prossima partita infrasettimanale. Arcadia troppo rassegnata nel subire le reti e la pressione degli avversari.

Abdoul Bance, il migliore in campo dell'Arcadia Dolzago

IL TABELLINO

CAVENAGO-ARCADIA DOLZAGO 7-0
RETI: 10’ Gioacchini (C), 21’ Catalano (C), 31’ Galleani (C), 35’ Breda (C), 1’ st Galleani (C), 16’ st Masserini (C), 24’ st Catalano (C).
CAVENAGO (4-3-1-2): Matera 6, Tricella 7, Mazzarella 6.5, Corti 6 (1’ st Villa 6), Alonge 6, Giuliani 6, Galleani 7.5 (12’ st Masserini 6.5), Manno 7 (10’ st Formenti 6), Gioacchini 7 (12’ st Piscopo 6.5), Breda 7 (10’ st Cannizzaro 6.5), Catalano 8. A disp. Grazi, Carbone, Verderio, Gallo. All. Tinelli 7.
ARCADIA DOLZAGO (4-3-3): Vassena 5, Arienti 6 (10’ st Dogali 6), Brambilla 5 (41’ st Ferlisi sv), Pacini 6, Penati 5.5, Bosisio 6, Fontana 6.5, Pirola 5.5, Pennati 6.5, Bance 7 (37’ st Cazzaniga sv), Morrone 6.5 (22’ st Rachid 6). A disp. Abate, Dalla Valle, Perucchini, Pirola. All. Zaramella 5.
ARBITRO: Enis di Como 6.
AMMONITI: Arienti (A), Bosisio (A), Penati (A).

LE PAGELLE

CAVENAGO
Matera 6 Da costanti indicazioni ai suoi, solo così si può sentire la sua presenza in campo. Prima parata minuto 28’ della ripresa.
Tricella 7 Buona visione di gioco, sa quali sono le giocate dei compagni e cerca appena possibile lo spazio giusto per l’inserimento.
Mazzarella 6.5 A risultato già acquisito prende coraggio trovando la profondità e concedendosi qualche libertà che non guasta.
Corti 6 Un po’ troppo precipitoso quando si tratta di fare lanci lunghi per i suoi in avanti. Bene invece negli anticipi.
1’ st Villa 6 Buono il suo ingresso in campo, gioca in modo ordinato ed è sempre “sul pezzo”.
Alonge 6 Mette sul terreno di gioco tutta la sua tranquillità e sicurezza. Giornata di ordinaria amministrazione.
Giuliani 6 Non va tanto per il sottile, per fermare l’avanzata nemica ricorre al fallo anche quando non necessario.
Galleani 7.5 Tanta buona corsa e tanta velocità. All’inizio fa le prove generali, poi aggiusta la mira segnandone due.
12’ st Masserini 6.5 Anche lui si aggiunge al tabellino marcatori, trasformando e segnando il calcio di rigore.
Manno 7 Presenza silenziosa ma preziosa, non si sottrae alla lotta e fornisce palloni interessanti per i suoi.
10’ st Formenti 6 Prestazione ok, entra e non sfigura, si comporta bene per tutto il secondo tempo.
Gioacchini 7 Non si fa pregare e segna aprendo le marcature. Si dimostra molto duttile. Arma in più in tutti i sensi
12’ st Piscopo 6.5 Entra con grinta e vigore. Vuole il gol ma non lo trova. Nonostante tutto ci prova sempre.
Breda 7 Bravo a rubare palla e a farsi trovare al posto giusto e al momento giusto. Ci mette tanta qualità.
10’ st Cannizzaro 6.5 La sua gara è più che buona, fa il suo dovere anche se il compito per certi versi è facilitato.
Catalano 8 Scatenato come pochi anche lui fa doppietta. Sempre nel vivo delle azioni a cui partecipa in modo assiduo.
All. Tinelli 7 L’atteggiamento è quello giusto così come la mentalità dei suoi ragazzi, da chi gioca a chi è in panchina.

La formazione titolare del Cavenago

ARCADIA DOLZAGO
Vassena 5 Non preciso almeno in un paio di circostanze nelle sue uscite che favoriscono inevitabilmente i gol avversari.
Arienti 6 Anche lui commette qualche sbavatura, la sua è una prestazione incolore senza infamia e senza lode.
10’ st Dogali 6 Combatte come può, ma difficilmente resiste agli assalti nonostante tenti sempre il tutto e per tutto
Brambilla 5 Si fa saltare agevolmente in occasione del secondo gol. Anche lui non impeccabile. (41’ st Ferlisi sv).
Pacini 6 Più avanzato nel corso della ripresa, mette in campo più quantità che qualità. Se può cerca pure il tiro.
Penati 5.5 Non ci sta a prendere tutti questi gol. Se la cava con un po’ di malizia, ma anche lui finisce tra gli ammoniti.
Bosisio 6 Cerca di dare e mantenere l’ordine nel suo reparto, che però si squaglia come burro al sole.
Fontana 6.5 Ok nella fase avanzata, non sempre però torna indietro per dare una mano ai suoi. Meglio nella ripresa.
Pirola 5.5 Gara a fasi alterne, a giocate interessanti fanno da contraltare alcune incertezze che costano.
Pennati 6.5 Viene indietreggiato per dare man forte al reparto difensivo. È chiamato a un duro lavoro di sacrificio.
Bance 7 Bravo nel cercare il dai e vai e nel proteggere la palla. A volte si perde in qualche protesta. (37’ st Cazzaniga sv).
Morrone 6.5 Non trova la giusta conclusione alle poche azioni costruite dai compagni. Fatica a finalizzare nonostante l’impegno.
22’ st Rachid 6 Prova come può a dare il suo contributo, ma il compito è decisamente arduo.
All. Zaramella 5 Da rivedere difesa e centrocampo per cercare quantomeno di tamponare le falle che si creano.

L'undici titolare dell'Arcadia Dolzago

ARBITRO
Enis di Como 6 si comporta bene eccetto per un paio di sviste. Spiega ai ragazzi e non si fa mettere i piedi in testa.

LE INTERVISTE

A fine gara l’allenatore dei biancorossi Tinelli commenta così la gara dei suoi: «Il riscontro è stato importante nonostante il risultato. In casa abbiamo un po’ meno di difficoltà per quanto riguarda la velocità di manovra, che è più alta, e siamo riusciti a dare spazio anche a chi gioca meno. Questi tre punti sono importanti, soprattutto con i Playout, quindi per noi diventa fondamentale il raggiungimento della salvezza, prima la raggiungiamo meglio è anche a livello mentale perché ci darà sicuramente più forza. Comunque è stata una partita ben giocata da parte dei ragazzi anche in parità numerica con la gestione della palla in modo assoluto e questa è la cosa più importante».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400