Cerca

Promozione

Zito e buono: vittoria rock, la capolista si avvicina

Due traverse prima dell'urlo liberatorio, la vetta è nuovamente vicina

Christian Zito Assago

Christian Zito, subentrato dalla panchina, match-winner del match Assago-Garlasco

La notizia più bella, paradossalmente, arriva da un altro campo, ma nel frattempo contava vincere per dimostrare di crederci ancora. L'Assago supera di misura il Garlasco, grazie alla rete di Zito, che risolve una partita tiratissima a meno di un quarto d'ora dal novantesimo, consentendo alla squadra di accorciare sul Magenta, clamorosamente sconfitto in casa dal Vistarino per 2-1. I gialloblù restano terzi in classifica a 44 punti, dietro 6 punti dalla leader del torneo e di una lunghezza dalla Virtus Binasco. Garlasco che ha provato a collezionare un punto prezioso e l'aveva quasi spuntata, ma la sconfitta patita tiene gli uomini di Maggi ancora non totalmente esenti dal rischio playout.

MAGISTRELLI VS CRIVELLI

Gli ospiti approfittano della prima parte di smarrimento dei padroni di casa, costretti a far fronte al duplice infortunio di Putignano e del suo subentrato Rossi in 35 minuti, ma difettano in precisione: nel giro di tre minuti, tra il 13' e il 16', ci provano Castoldi, Frasca e Targa, con quest'ultimo che va vicinissimo al vantaggio. La reazione gialloblù è affidata a Bandini, che prova a scardinare la difesa del Garlasco. Il primo tiro insidioso arriva però alla mezz'ora, con Schiavoni che chiama all'intervento un Crivelli in stato di grazia. Ancora il numero 6 ci riprova al 36', ma il suo rasoterra viene imbrigliato prima dalla difesa e poi ancora dall'estremo difensore ospite, a cui replica Targa, che impegna Ghirardelli. La chance più grossa della prima frazione di gioco capita però sui piedi di Magistrelli, che ancora una volta trova Crivelli a deviare in modo decisivo, facendo in modo che il pallone non si insacchi e si stampi sulla traversa: l'Assago va all'intervallo con questo rimpianto.

ZITO ENTRA E SEGNA

In avvio replica del duello tra Targa e Ghirardelli, poi Iacuaniello, alle prese con il digiuno di gol che dura da un mese, al 5' prova a spezzarlo senza successo: il suo piatto si spegne sul fondo. La squadra di Gallanti sembra vedere le streghe: al 24' Bandini viene ancora fermato dalla traversa e l'incubo di un terzo incontro senza i tre punti pare materializzarsi. Serve un talismano, che giunge dalla panchina: al 32', Zito di testa perfeziona al meglio il cross del numero 7, finalizzando e facendo finalmente tirare un sospiro di sollievo ai suoi. Proprio lui, in pieno recupero, si divora un'occasione colossale per mettere a referto la sua doppietta personale, ma Crivelli si dimostra ancora in forma. Cala il sipario: l'Assago c'è.

IL TABELLINO

ASSAGO-GARLASCO 1-0
RETE:
32' st Zito (A).
ASSAGO (4-4-2):
Ghirardelli 6.5, Trimboli 6.5, Di Biase 6 (15' st Galletti 6), Mangiarotti 7.5, Falsini 6.5, Schiavoni 7.5, Bandini 7, Putignano 6 (24' Rossi sv, 34' Annoni 6), Magistrelli 7 (14' st Zito 7), Tosoni 7, Iacuaniello 6. A disp. Caserini, Battaini, De Andreis, Lombardi, Avino. All. Gallanti 7.5.
GARLASCO (4-4-2):
Crivelli 7.5, El Khaddar 6, Pistocchi 6, Attolini 7 (36' st Cepeli sv), Rognoni 5.5 (36' st Pazzi sv), Cavallini 5.5, Frasca Davide 6.5, Rolfini 5.5, Castoldi 6, Losi 5.5, Targa A. 7 (28' st Boselli sv). A disp. Pisani, Signorelli, Arrigoni, Oglio, Pistoia, Lino. All. Maggi P. 6.5.
ARBITRO:
Ghanim di Saronno 6.5.
AMMONITI: Trimboli (A), Falsini (A), El Khaddar (G).

LE DICHIARAZIONI

L'allenatore dell'Assago, Angelo Gallanti, finalmente può sorridere dopo due partite senza vittorie, seppur a metà a causa degli infortuni patiti nel primo tempo: «Nonostante le difficoltà stiamo facendo il nostro campionato. Oggi abbiamo avuto una marea di occasioni. Abbiamo fatto fatica nel primo quarto d’ora a causa dei problemi fisici di Putignano e Rossi. Entrambi hanno accusato dolore, spiace molto. Abbiamo applicato alcune variazioni di gioco alzando il ritmo contro una squadra in salute e hanno pagato». Frutti raccolti grazie a un secondo tempo di livello per i gialloblù: «Nella ripresa abbiamo giocato solo nella loro area. Non ci è girata in alcune circostanze, adesso abbiamo una settimana importante. Il Magenta è la squadra più attrezzata per vincere. Purtroppo non dipende solo da noi, ma daremo il massimo: è ancora tutto potenzialmente discutibile. Se loro fanno un passo falso possiamo pungere».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400