Cerca

Promozione Femminile

Galli dà la sveglia: adesso sogni d’oro per la capolista

Solo un guizzo per il Vighignolo, mentre le blucelesti collezionano un'altra vittoria

Lecco

L'undici titolare di coach Iustoni a difesa del primo posto in classifica

La corsa bluceleste, nel momento forse più caldo della stagione, non s'interrompe: sotto il cielo limpido del campo «La Fornace» di Settimo Milanese, le «aquile» di Iustoni sfoderano gli artigli e feriscono un Vighignolo pericoloso a tratti ma mai davvero incisivo rispetto all'andamento complessivo d'un match gestito sino in fondo dal Lecco. Adesso, con la vittoria in rimonta del CUS di Piccarreda sul campo ostico della Pontese, il Lecco si sistema comodo sui 53 punti [ancora +4 proprio dalle milanesi]; si ferma, invece, a 42 il Vighignolo, in stallo sul terzo gradino del podio parziale.

Area affollata. La partenza è veloce e le blucelesti attaccano da subito, spostando il baricentro verso la metà campo avversaria: è così che, dopo appena 11’ di gioco, un’ispiratissima Galli - che, sulla fascia, è imprendibile - lanciata da sinistra trova la finalizzazione. Di minuti ne passano altri sei ed è Bertini, dal lato opposto della compagna, a centrare il tap-in. Il Vighignolo, inizialmente schiacciato, cerca spazi e trova i primi tiepidi movimenti con Sguinzi e Bellitto, oltreché coi tentativi di sfondamento di Di Marco, quasi tutti bloccati dalle retrovie ospiti, così come il duello Franchi - Dell’Oro s'infrange spesso sulle coperture della lecchese. Il tempo, da qui, non vedrà gonfiarsi le reti sino al fischio della ripresa, ma il Lecco non si fa mancare qualche occasione da mangiarsi le mani: al 24', è Galli a sbagliare a tu per tu con Falciani e, due minuti più tardi, Bonini a mancare il gol d'un soffio, con un po' di sfortuna, per ben due volte (il primo, con salvataggio sulla riga, il secondo su taglio delizioso di Galbusera e tentativo di pallonetto a porta sguarnita, che però finisce out sopra la traversa).

Pronti via: palla al centro. Dal fischio di Condorelli per l'inizio della ripresa, passano meno di trenta secondi e Franchi, con uno scatto da centometrista, salta tutti, Manzoni compresa, e fa sognare gli spalti che credono nella rimonta ancora possibile. C'è giusto il tempo di riportare la palla a centrocampo e Galli, in estasi, sfonda il muro di maglie fluo. Il pallino del gioco è e rimane ospite, nonostante tra il terzo e l'ottavo minuto le ragazze di Fortunato collezionino notevoli possibilità e tengano in scacco le retrovie lecchesi, forse con qualche leggerezza di troppo: su ogni sogno lanciato in area, interviene però Manzoni, che pare avere la colla sui guantoni. Il primo miracolo è al 5' su Bellitto, che incrocia un rasoterra insidiosissimo sul secondo palo; il secondo è, mezzo minuto dopo, su Sguinzi, che si addentra fino all'area piccola, finta il tiro per poi rientrare sul primo palo quasi ad occhi chiusi. Il Vighignolo in stato di grazia, al 13', cede all'episodio che bloccherà sostanzialmente la gara: basta una ripartenza, e la prontezza di Deriu, per aggiungere la parola «fine», tra le proteste del pubblico per un presunto fuorigioco. Da lì in poi, l'intensità sale [come dimostrano i cartellini a più riprese sfoggiati dal direttore di gara] ma in termini di gioco a senso unico: la traversa scheggiata da Bonini, le sfrenate incursioni di Ciano, le falcate della subentrata Bruno - un legno anche per lei - in duetto con l'onnipresente Galli. Game, set, match.

Il commento di Monica Iustoni, nel post-partita, non può che far trasparire una certa dose di soddisfazione: «Sono contenta di tutte, perché hanno interpretato bene la partita. Avevamo bisogno di una vittoria portata a casa con serenità - senza soffrire né subire particolarmente e gestita con incisività, cioè creando occasioni e concretizzandole sin da subito - e l'abbiamo trovata», conclude «Direi che, a questo punto, l'incantesimo è rotto!».

IL TABELLINO

VIGHIGNOLO 1 - 4 LECCO

RETI: 11' Galli (L), 15' Bertini (L), 1' st Franchi (V), 2' st Galli (L), 13' st Deriu (L).

VIGHIGNOLO: Falciani, Colonna, Russo (40’ Bressan), Cassi, Bianchini, Mazzaron, Sguinzi, Branca, Bellitto, Di Marco (21’ st Sciuto), Franchi (31’ st Morales). A disp.: Magoni, Giuliani. All. Fortunato. Dir. Cozzi.

LECCO: Manzoni, Deriu (22’ st Maglia), Dell’Oro (1’ st Ciano), Magni, Invernizzi, Giuriani, Bertini (16’ st Marchesi), Galli, Porcaro (13’ st Bruno), Galbusera, Bonini. A disp.: Carraro, Bennato, Narducci. All. Iustoni. Dir. Achler.

AMMONITE: 20’ st Giuriani (L), 30’ st Sciuto (V), 46’ st Bianchini (V).

ARBITRO: Condorelli di Saronno.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400