Cerca

Promozione

In 10 per metà tempo pareggiano in extremis, ma il primato è lontano

Partita rocambolesca: due rigori subiti, strappato un punto sprecando l'impossibile

alagna-assago

Simone Bandini, autore del vantaggio dell'Assago contro l'Alagna.

Per come si era messa la situazione, è un punto d'oro, ma visti risultati delle squadre davanti, la partita di oggi appare come quella in cui l'Assago alza bandiera bianca per la conquista del campionato, sciupando l'ennesima occasione di questa stagione contro l'Alagna penultimo in classifica, la quale, di contro, tiene a bada il Locate fanalino di coda. Una partita pazzesca, con il vantaggio firmato Bandini che sembra promettere un pomeriggio tranquillo, ma in realtà dopo pochi minuti due rigori di Ventrice fanno capire che il trend non è quello pronosticato. Polemiche per un gol annullato a Tosoni sul punteggio di 1-1 per un fuorigioco discutibilissimo. Nella ripresa, Avino si lascia andare e viene espulso, ma nonostante la situazione, la squadra di Gallanti ha perlomeno una reazione d'orgoglio che porta alla rete di Schiavoni nel finale che almeno evita un ko che avrebbe potuto pesare tantissimo psicologicamente.

DOPPIO RIGORE

I padroni di casa partono senza timori reverenziali, e Ialenti al 4' prova a sfruttare al meglio un cross proveniente dalla fascia destra, scaldando i guantoni di un attento Ghirardelli. Dopo un avvio importante, i gialloblù cercano di uscire dal guscio e il primo tentativo è di Magistrelli, che con un mancino da fuori area spedisce di poco alto al 17'. Due minuti dopo, Schiavoni imbecca perfettamente Bandini da 40 metri, il quale serve con un rasoterra Iacuaniello, che tocca ma non riesce a battere Ceci, il quale blocca a terra. La partita è vivacissima: al 20' Geminiani testa nuovamente il portiere dell'Assago, che sul primo palo non si fa sorprendere. Dalla distanza ci provano Tosoni da una parte e Chiesa (su punizione) dall'altra, ma queste sono le occasioni che precedono 10 minuti di fuoco. L'asse Bandini-Iacuaniello stavolta produce effetto, seppur in vesti opposte: l'attaccante serve il numero 7 che incrocia il destro e porta avanti i suoi. Il vantaggio, però, dura una manciata di minuti: Ghirardelli stende Trovato e il direttore di gara Saraci di Lecco concede il penalty. Ventrice non sbaglia e alla mezz'ora pareggia i conti. Il numero 5 dei locali trasforma un nuovo rigore al 38', concesso per un'irregolarità commessa da Battaini su Chiesa, ma in mezzo alle sue due reti trovano spazio una conclusione di Geminiani parata e soprattutto il gol annullato a Tosoni su assist del solito Iacuaniello per un off-side contestatissimo. Finale di tempo tutto di marca ospite, con occasioni a ripetizione ma senza sbocco realizzativo.

ROSSO E GOL NEL FINALE: SECONDO TEMPO THRILLING

Pronti-via, e l'Assago sembra non riuscire a ritrovarsi: un'incomprensione difensiva consente a Cornaghi di andare a colpire, ma spreca tirando alto dopo neanche 120 secondi. Tosoni prova a guidare la riscossa: al 4' il suo tiro da posizione defilata impegna Ceci e in generale è quello che nella prima metà di ripresa insidia maggiormente la retroguardia di Gandolfi. Gli ospiti provano a ravvivarsi anche tramite i cambi, ma la più pericolosa è sempre l'Alagna: Ghirardelli ferma tra il 13' e il 18' prima Trovato e poi Chiesa, con quest'ultimo vicino al gol con un tiro dal limite. Al 23' l'episodio che sembra far piovere sul bagnato: Avino viene espulso per proteste. Paradossalmente, invece, il cartellino rosso rilancia le ambizioni di GallantiBandini e Iacuaniello tengono a galla i gialloblù con due conclusioni: il primo ci prova al 27' con un destro a giro, terminato fuori; il secondo prova a colpire sfruttando un corner battuto da Schiavoni sul primo palo, ma l'estremo difensore di casa è ancora pronto. Al 42', però, il numero 6 non sbaglia e sfrutta una palla vagante in area trovando un ormai insperato pari in inferiorità numerica. I padroni di casa non ci stanno, e Cornaghi prova a timbrare il cartellino, ma la difesa ospite tiene. E per poco Iacuaniello non la combina grossa: in pieno recupero il suo colpo di testa termina alto di un soffio. E, forse, su quest'occasione si spengono le speranze di conquistare il primo posto.

IL TABELLINO

ALAGNA-ASSAGO 2-2
RETI (0-1, 2-1, 2-2): 28' Bandini (As), 30' rig. Ventrice (Al), 38' rig. Ventrice (Al), 42' st Schiavoni (As).
ALAGNA (4-4-2): Ceci 7.5, Ndoja 6.5, Geminiani 7, Colli 6, Ventrice 7, Baggini 6 (26' st Morano sv), Cornaghi 6.5, Salviotti 6.5, Trovato 6 (38' st Zuccolo sv), Chiesa 6, Ialenti 6. A disp. Albieri, Mantineo, Vitale, Casula, Stimolo. All. Gandolfi 7.
ASSAGO (4-4-2): Ghirardelli 6, Battaini 5 (1' st Avino 5), Di Biase 5.5, Mangiarotti 6, Galletti 6, Schiavoni 6.5, Bandini 7, Annoni 5.5 (10' st Putignano 6), Magistrelli 5.5 (5' st Zito 5.5), Tosoni 5.5, Iacuaniello 5.5. A disp. Montella, Ferri, Rossi, Teta. All. Gallanti 6.5.
ARBITRO: Saraci di Lecco 5.5.
ASSISTENTI: Padovano e Madau.
ESPULSO: 23' st Avino (As).
AMMONITI: Zito (As), Ghirardelli (As), Zuccolo (Al), Chiesa (Al), Salviotti (Al).

LE DICHIARAZIONI

Angelo Gallanti, allenatore dell'Assago, palpabilmente amareggiato dopo la gara: «Abbiamo sbagliato troppo, con giocatori di esperienza non possiamo commettere questi errori. Rimediare un'espulsione come quella di oggi non è tollerabile per calciatori di questa caratura». Partita per certi versi stregata: «Periodo strano, abbiamo fallito cinque gol. Nel primo tempo non siamo entrati bene in campo, abbiamo avuto delle difficoltà. C’è però da dire che ci hanno annullato un gol incredibile, non so come sia stato possibile fischiare un fuorigioco simile. Non abbiamo portato a casa tre punti che sarebbero stati meritati, ma contro squadre affamate di punti è questo che ci attende». Vertice della classifica ormai irraggiungibile: «Il campionato lo può gettare solamente la capolista. L’obiettivo adesso è andarsi a prendere il secondo posto».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400