Cerca

Promozione

Alpignano Joga Bonito: pure l'Ivrea non può nulla

Viano segna altri due, decisivi gol: vittoria arricchita da Fabio Serta e da un Cecconello ancora in veste di Superman. Gli eporediesi ora rischiano la vetta

Alpignano Joga Bonito: pure l'Ivrea non può nulla

Mattia Viano e Gianpiero Cecconello, classe 2000 al potere: l'Alpignano si aggrappa alle prodezze dei due campioni

It’s a kind of magic, canterebbero i Queen. Forse fischiettano il motivetto anche gli uomini di Roby Berta e tutta Alpignano, che dopo la partita dell’anno vinta contro il Pianezza sono riusciti a stendere la capolista Ivrea con un secco e rotondo 3-0. Partita mai in discussione e forse è questa la notizia vera: il risultato non è frutto di nessuna casualità, perché i biancazzurri stanno giocando un calcio incredibile, efficace e di qualità, buono a tal punto da imbrigliare la formazione più forte del girone meritandosi così il terzo posto in solitaria, a 2 punti dalla vetta. Gli Orange di Porrini stanno invece vivendo il peggior momento della stagione: niente gira bene, 2 soli punti nelle ultime 3 e un primo posto che adesso non è più sicuro come sembrava. La prossima sfida con il Sanmauro mercoledì 27 è davvero decisiva.

Roby Berta sceglie il 4-3-3 per affrontare la capolista. Cecconello in porta, con Vanin e Caponnetto sulle corsie e Cammisa e Piovesani al centro; in regia ci va Rulli, con ai lati Zigliani e Trombin pronti ad inserirsi tra le linee lasciate libere dal tridente, che vede Fabio Serta in mezzo, Mattia Viano a sinistra e Gigi Mastrapasqua a destra. Porrini toglie il trequartista e passa al 4-3-3 a specchio, lanciando ancora Landorno tra i pali; in difesa la scelta ricade su Scala e Cabras terzini e i soliti Sardaro-Munari nel cuore della retroguardia; in regia non può che esserci Manuel Bonaccorsi, con mezzali Dotelli e Susbenso; terzetto offensivo con Amoruso punta, El Kas ala sinistra e Davide Soster ala destra.

VIANO IL TORNADO

Con il ricordo ancora vivido della clamorosa partita di Pianezza di sabato 16 aprile l’Alpignano trattiene probabilmente qualche cartuccia per la sfida di vertice contro gli eporediesi. Nonostante ciò neanche 60 secondi e l’Ivrea si fa subito sentire sul piazzato di Dotelli, che impegna Cecconello in una iniziale parata, poi ripetuta sul tap in di Cabras. Poco dopo sul cross di Amoruso da sinistra è Munari a sfiorare il gol in girata, ma il colpo del centrale Orange va largo. Un fuoco tutto arancione, spento però immediatamente dall’ondata di ghiaccio biancazzurro. Se prima Landorno, al 6’, compie una parata senza senso sul colpo di testa di Zigliani (corner di Rulli), non può niente al 9’ quando il solito tornado di Mattia Viano si abbatte sugli avversari: lancio dalle retrovie alpignanesi, Scala e Sardaro in ampio vantaggio vanno a scontrarsi tra di loro, tutto perfetto per Viano che si invola verso Landorno e lo fulmina con facilità. Vantaggio Alpignano, reso ancora più dolce una manciata di minuti dopo quando la formazione di Berta firma il raddoppio: cross perfetto da sinistra di Caponnetto, la palla è per Zigliani che però la lascia rimbalzare, la difesa dell’Ivrea si addormenta su Fabio Serta che sbuca da dietro e insacca il secondo gol.

L’Allende si trasforma in un piccolo angolo di Argentina, dove tra i mugugni reciproci di tifosi dell’Alpignano e dell’Ivrea la partita diventa pazzesca. Subito dopo la ripresa del gioco un lancio lungo su Mastrapasqua (in apparente offside) è regolare, permettendo all’11 biancazzurro di avere una palla gol enorme dalle parti di Landorno, ma calciando out. È forse questo il momento dove l’Ivrea reagisce concretamente, riuscendo finalmente a tornare ad impensierire Cecconello come a inizio gara. Sassata di Dotelli al 22’ larga di un nulla, utile a far crescere la pressione Orange sempre di più. Nel mentre l’Alpignano ha spazi enormi in contropiede, come quello mal sfruttato da Mastrapasqua al 29’ (bene Viano a farlo partire, meno il 2004 nel continuarlo), ma per fortuna dell’Ivrea il risultato non peggiora. Ecco che poco dopo la mezz’ora arriva la vera palla gol per accorciare, targata Dotelli, furbo nel farsi notare da El Kas sulla sinistra dell’area di rigore e a calciare con potenza sul primo palo, colpendo proprio il legno. L’ultima fase del primo tempo diventa l’inferno: pioggia di mormorii contro le scelte della terna, soprattutto dalla parte dei sostenitori dell’Ivrea arrivati in massa per sostenere la squadra di Porrini. Un vero clima da Bombonera.

 CECCONELLO, SUPEREROE SENZA MANTELLO

Inevitabilmente l’Ivrea è tutto avanti e l’Alpignano, cambiando completamente iter rispetto al primo tempo. Primo acuto eporediese dopo 7’ quando da destra arriva un cross insidioso sul secondo palo sui piedi di Pippo Scala, che prova a rimetterla dentro ma nessuno riesce a chiudere il tap in. Davide Soster lo segue a ruota, quando si mette in proprio per andare al tiro dal limite, trovando prima la deviazione della retroguardia biancazzurra che fa terminare il tiro fuori di un niente. Caponnetto e Vanin sulle corsie sono eccezionali, così come Cammisa e Piovesani in mezzo. Manca qualcuno all’appello? Ovviamente sì: Gianpiero Cecconello. L’estremo difensore dell’Alpignano, che fino a quel momento si era “limitato” a parate standard, inanella una serie di interventi incredibili, primo di questi al 14’ (tiro da fuori non visto partire, super riflesso) seguito poi dal tiro-cross di Luca Soster mandato in angolo con un felino allungo all’incrocio dei pali e infine dall’ennesima conclusione di Luca Soster dal limite, bravo a farsi trovare pronto sull’assist di Amoruso e a concludere con deviazione, andando a parare con la terza parata pazzesca in 4’.

Il destino sembra sorridere solo agli uomini in maglia albiceleste ed effettivamente è così. Minuto 26’, palla apparentemente innocua nella terra di nessuno, Landorno temporeggia troppo e non vede arrivare da dietro Viano, che con la furbizia del bomber navigato di provincia si piazza tra portiere e pallone e si fa buttare giù. Rigore ineccepibile, poi calciato perfettamente dallo stesso Viano che incrocia col destro e chiude virtualmente i giochi. Il finale è più confuso che altro: Vanin viene espulso per doppio giallo (lo stesso capitano biancazzurro, nel tunnel, dichiara «Manco il guardalinee sa cos'è successo») e la palla è quasi totalmente in mano all’Ivrea, che però costruisce con disordine senza trovare il bandolo della matassa. Il risultato è scritto, così come l’impresa: l’Allende può esplodere nell’urlo biancoceleste, Viano, Cecconelo & Co. hanno fatto l’impresa.   

IL TABELLINO 

ALPIGNANO-IVREA CALCIO 3-0
RETI: 9' Viano (A), 16' Serta (A), 26' st rig. Viano (A).
ALPIGNANO (4-3-3): Cecconello 7.5, Vanin 6.5, Caponnetto 7, Cammisa S. 7, Piovesani 7, Trombin 6.5, Zigliani 6.5, Rulli 6.5 (25' st Quaglia 6.5), Serta 7 (41' st Le Pera sv), Viano 8 (37' st Balestra sv), Mastrapasqua 6 (17' st Bianco 6.5). A disp. Oliva, Imperadore, Pinna, Pacchiardo, Di Fiore. All. Berta 7.5. Dir. De Martiis.
IVREA CALCIO (4-3-3): Landorno 6, Scala 5, Cabras 6.5 (14' st Soster L. 6.5), Bonaccorsi Man. 6, Sardaro R. 5, Munari 5.5, Dotelli 6 (31' st Enrico R. sv), Susbenso 5.5 (14' st De Masi 5.5), Amoruso 5, El Kas 5.5 (9' st Tallarida 5.5), Soster D. 5.5 (34' st Cervato sv). A disp. Alice, Sartoretto, Vitale, Trovato. All. Porrini 5.5. Dir. Milano.
ARBITRO: El Amil di Nichelino 6.5.
COLLABORATORI: Rizzo e Bono.
AMMONITI: 26' Susbenso (I), 30' Cabras[00] (I), 20' st Serta (A), 20' st Dotelli (I), 22' st Sardaro R.[03] (I), 34' st Cammisa S.[01] (A).
ESPULSI: 30' st Vanin (A).

LE PAGELLE

ALPIGNANO

L'ALPIGNANO DI ROBERTO BERTA

Cecconello 7.5 Gigi Buffon è diventato iconico con la maglietta di Superman e da quel momento paragonare il supereroe a un portiere in giornata diventa facile. Qua si va oltre: non ha il mantello e non si chiama Clark Kent, ma quanto vola tra i pali. E la kryptonite sembra non esistere.
Vanin 6.5 Si piazza sulla sua solita corsia destra e non fa passare praticamente nessuno. Rispetto ai colleghi di difesa c'è la nota dolente dell'espulsione: un contatto troppo duro che gli costa il secondo giallo.
Caponnetto 7 Che gara incredibile: compie un paio di chiusure da oscar, tra tutte quelle a metà secondo tempo. Ciliegina sulla torta un paio di traversoni molto interessanti per le punte.
Cammisa S. 7 Riuscire ad arginare Amoruso non è cosa da poco, riuscire ad annullarlo per quasi tutta la partita è ancora meglio. Ministro della difesa ad honorem.
Piovesani 7 Non è da meno rispetto al collega di reparto Cammisa, va detto: aggiunge ai pronti interventi anche qualche lancio lungo spesso preciso per il tridente.
Trombin 6.5 Con la sua massiccia presenza in mezzo al campo dona quantità e qualità, prestandosi soprattutto all'aiuto verso i compagni di reparto e gli attaccanti.
Zigliani 6.5 Incisivo e penetrante, si inserisce tra le linee per creare maggiori pericoli tra le fila eporediesi. Subito protagonista con il colpo di testa a inizio gara, miracoloso Landorno.
Rulli 6.5 Motorino tuttofare, calcia i piazzati e serve assist: la sua presenza è una piacevole costante per tutto l'Alpignano. Indispensabile in mediana.
25' st Quaglia 6.5 Mantiene alta la linea tracciata dai titolari subentrando con la giusta concentrazione.
Serta 7 Uomini così sono da portare ovunque e dovunque. Guida l'attacco con la solita esperienza e ancora una volta ci mette il timbro quando serve, sbucando alle spalle dei difensori come un fantasma. Uomo simbolo. ( 41' st Le Pera sv)
Viano 8 Si rischia di essere ripetitivi, ma qua si parla di un momento a dir poco magico. Sembra un demonio, imprendibile palla al piede e letale nel pressing. Il primo gol è di freddezza pura, il secondo di furbizia: probabilmente il premio Santero della scorsa settimana gli ha fatto bene. ( 37' st Balestra sv)  
Mastrapasqua 6 Nonostante si parli sempre di un 2004 va considerato come un titolare di questa squadra e sullo stesso piano degli altri. In un paio di frangenti sciupa delle chance ghiotte per dilagare, soprattutto nel ruolo di assist-man.
17' st Bianco 6.5 Impatto più che positivo sulla partita, andando ad agire da jolly offensivo a cavallo tra centrocampo e attacco.
All. Berta 7.5 Nelle ultime partite sono stati battuti Sanmauro, Rivarolese e adesso l'Ivrea. Il segnale è chiarissimo e adesso lo conferma anche la classifica: l'Alpignano di Roby Berta è tra le favorite per i playoff. Per il primo posto? Chissà, il campionato è ancora lungo e sognare è gratis.

IVREA

ivrea calcio di andrea porrini

Landorno 6 Gara alla Dottor Jekyll e Mister Hide. A inizio partita compie una parata a dir poco mostruosa su Zigliani, per poi rimanere sul pezzo per buona parte di partita. In occasione del rigore concesso però l'ingenuità è grossolana.
Scala 5 Dopo una serie di prestazioni di altissimo livello commettere un passo falso può starci. Lo scontro in occasione dell'1-0 con Sardaro è goffo, un paio di strappi interessanti ma dietro si balla comunque troppo.
Cabras 6.5 Probabilmente il migliore in campo fino a quando non è uscito. Rapido e incisivo, oltre a servire buoni crosso si mette in proprio e calcia a rete in un paio di frangenti.
14' st Soster L. 6.5 Impatto importante sulla gara, se non fosse stato per San Cecconello probabilmente avremmo visto almeno un suo gol. Sfortunato.
Bonaccorsi Man. 6 Quello che probabilmente ha meno colpe di tutti. Continua per tutta la gara a svolgere i suoi compiti con precisione, anche se a differenza di altre volte manca l'acuto.
Sardaro R. 5 Forse un malinteso, forse un'indecisione, fatto sta che si divide le grosse colpe con Scala per il gol che ha aperto le marcature. Purtroppo per lui la sua gara non migliora.
Munari 5.5 Spesso (e giustamente) elogiato per essere il Giorgio Chiellini dell'Ivrea, ma anche i migliori possono andare incontro a giornate da dimenticare. Bisogna ammetterlo, l'Alpignano l'ha messo in grossa difficoltà. 
Dotelli 6 Parte bene riuscendo anche ad andare al tiro in un paio di frangenti, con tanto di legno colpito nelle battute finali del primo tempo. Sbatte contro il muro dell'Alpignano nella ripresa, ma resta comunque uno dei più pericolosi tra gli eporediesi. ( 31' st Enrico R. sv)
Susbenso 5.5 Meno sul pezzo rispetto agli standard della casa, fatica a mettersi in proprio grazie anche agli ottimi interventi dei centrocampisti in maglia biancazzurra.
14' st De Masi 5.5 Non riesce a dare la svolta né alla sua partita né a quella dei compagni: entra in un momento complicato e non riesce a sbrogliare la matassa.
Amoruso 5 Completamente annichilito dai centrali di casa: raramente pericoloso, quasi sempre murato o addirittura anticipato prima di progettare qualsiasi offensiva. Rimandato.
El Kas 5.5 Dopo un discreto inizio passano i minuti e il rendimento cala inesorabilmente. Il primo ad essere richiamato e sostituito.
9' st Tallarida 5.5 Pronto per dare forze fresche alla manovra offensiva ma come tutti gli altri il risultato non è dei migliori.
Soster D. 5.5 Potrebbe concretamente dare lo strappo decisivo a inizio ripresa, ma alla fine la conclusione in porta nei primi minuti di seconda frazione è uno dei pochi acuti.  ( 34' st Cervato sv)
All. Porrini 5.5 Brutta partita, ma soprattutto tanta confusione nel provare a ribaltarla. Questo è senza dubbio il momento più complicato della stagione, ma prima si volta pagina e meglio è. Ora il Sanmauro, altra partita complicatissima.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400